Istat, le donne e il Sud penalizzati: la busta paga non è equa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
L’Istat fotografa ancora una volta il mondo del lavoro in Italia e il quadro che ne emerge è chiaro. I rapporti di lavoro esistenti sono quasi al 60% dedicati agli uomini. E la loro retribuzione oraria  è in media pari  11,61 euro. Una cifra superiore del 7,4% rispetto a quella delle donne (pari a 10,81 euro). Nel 2014 era dell’8,8%, quindi la situazione è migliorata. Merito di una crescita della retribuzione media delle donne, con un +2,4% rispetto a quella degli uomini (+1%).

Sono tutti dati relativi al 2017, cioè l’ultimo anno che è possibile monitorare. Donne inferiori come stipendi agli uomini e non è un dato nuovo. Come non lo è il fatto che nel Mezzogiorno le retribuzioni orarie sono inferiori del 16,2% rispetto alle altrre zone d’Italia.

E a proposito di evidenti differenze di retribuzione, c’è un gap del 13,8% tra i lavoratori nati in Italia e quelli nati all’estero. La retribuzione oraria media per i dipendenti nati in Italia (l’83,3% del totale) è pari a 11,53 euro. Una cifra superiore di 1,40 euro rispetto a quella dei lavoratori nati all’estero. Inoltre nel  2017 almeno metà dei lavoratori percepivano una retribuzione oraria pari o inferiore a 11,25 euro.

Scendendo nel dettaglio dei contratti, come evidenzia l’Istat, la retribuzione oraria più alta è legata a due tipi di contratti. Sono quelli a tempo indeterminato (che sono pari al 65,5% dei rapporti totali) e i contratti a tempo pieno (pari al 68,3% dei rapporti totali). La retribuzione oraria media dei lavoratori con contratto full time è paro a 11,98 euro, superiore del 19% a quella dei part-time,

In particolare gli impiegati e i dirigenti hanno incassato una retribuzione oraria pari a 14,04 euro, cioè il 65,4% in più rispetto agli apprendisti. Nel 2017 la retribuzione oraria media è passata dai 10,03 euro dei giovani (compresi tra 15 e 29 anni) ai 12,46 euro dei lavoratori più anziani (cioè con età maggiore o uguale a 50 anni).

Infine il valore più basso della retribuzione oraria media, pari a 8,4 euro, è quello dei rapporti nelle imprese dell’area “Altre attività di servizi”. Il valore più alto, pari a 22,56 euro, è invece nel comparto “Attività finanziarie e assicurative”, il 2,7% dei rapporti di lavoro complessivi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.