Minacce e scommesse: “Perdi o muori”. Indagine su alcune gare in serie C

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il campionato di serie C è nel mirino da sempre degli scommettitori, che riescono a manovrare i risultati approfittando della minore attenzione mediatica sulla regolarità delle partite. Lo scrive IlGiornale.it

Ma stavolta uno scommettitore seriale, deciso a usare le maniere forti per influenzare i giocatori, ha preso di mira l’obiettivo sbagliato: un giocatore del Monza, la squadra di Silvio Berlusconi e Adriano Galliani, lanciata a tutta velocità verso la promozione in B, e dotata – dettaglio non irrilevante – di spalle abbastanza robuste per non subire intimidazioni.

Così il giocatore ha raccontato tutto a Galliani, che ha fatto partire la segnalazione all’ufficio inchieste della Figc e subito dopo ha mandato l’atleta insieme a un dirigente dai carabinieri per denunciare l’accaduto. Inchiesta lampo, che si conclude con l’identificazione del ricattatore, la scoperta di altri episodi identici e la denuncia a piede libero dell’uomo per estorsione.

L’occasione è la settima giornata di campionato, il 30 settembre, quando il Monza – già al primo posto – va ad Alessandria ad incontrare la Juventus U23, la squadra giovanile del club bianconero, che milita in C. Sul telefono di uno dei giocatori iniziano ad arrivare da un numero a lui sconosciuto messaggi terribili: «Sei messo sotto tiro, il mio è un lavoro, oggi devi perdere la partita, sappiamo il tuo indirizzo. Abbiamo scommesso 250mila euro, ci sono albanesi e calabresi, avvisa tutta la difesa che la partita si deve perdere al 1000 per cento perché se per puro caso salta sei un morto che cammina… puoi anche andare a denunciare, ancora peggio e sarai scannato mentre cammini per strada… se ti rifiuti di giocare o fai qualche altra cazzata sarà la fine per te». Il tutto è firmato «un saluto dall’Albania».

Sconvolto, il giocatore racconta subito tutto all’allenatore Christian Brocchi che avvisa Galliani. La prima decisione è, ovviamente, di non farsi intimidire dalle minacce: il Monza va in campo e stravince per 4 a 1. Intanto sono partite la denuncia e le indagini dei carabinieri di Alessandria, il telefono che manda i messaggi è intestato a una signora siciliana defunta da tempo, incrociando i dati si scopre che ha mandato messaggi identici a giocatori della Pro Vercelli e della Viterbese. E alla fine i carabinieri scoprono l’autore: è un venticinquenne di Palagonia, in provincia di Catania, accanito scommettitore, abile nel rintracciare i numeri dei calciatori e a vantare legami malavitosi che pare proprio non abbia.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.