Il ‘regalo’ di Natale del Fisco: sotto l’albero saldo Imu-Tasi, Irpef e IVA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sotto l’albero di Natale del Fisco arrivano 43 miliardi. Buona parte entro domani, quando i contribuenti italiani sono chiamati alle ultime scadenze fiscali dell’anno. Lo scrive IlGiornale.it

Dopo l’Iva e Irpef, tocca al versamento di Imu-Tasi ai comuni. Secondo la Cgia di Mestre, lo Stato incasserà dal pagamento Imu-Tasi 9,6 miliardi, dal pagamento delle ritenute Irpef dei lavoratori dipendenti e dei collaboratori altri 13,6 miliardi, e dal versamento dell’Iva ben 19,7 miliardi.

Si tratta comunque di una somma sottostimata, «in quanto non tiene conto dell’eventuale pagamento dell’ultima rata della Tari (la tassa sui rifiuti ndr) che, in molti Comuni, avviene a dicembre.

Questa gragnuola di tasse, ovviamente, avrà anche quest’anno degli effetti negativi sui consumi di Natale, denunciano dall’Ufficio studi dell’Associazione artigiani e piccole imprese.

«Se la spesa natalizia registrata l’anno scorso ha sfiorato i 10 miliardi di euro spiega il coordinatore dell’Ufficio studi Cgia Paolo Zabeo va ricordato che negli ultimi 10 anni è crollata del 30 per cento.

Questa contrazione ha penalizzato soprattutto i negozi di vicinato, mentre gli outlet e la grande distribuzione sono riusciti, almeno in parte, ad ammortizzare il colpo inferto dall’e-commerce che, negli ultimi 4-5 anni, ha assunto dimensioni sempre più importanti. Con meno tasse e con una tredicesima più pesante, daremmo sicuramente più slancio alla domanda interna che, in Italia, rimane ancora troppo debole, anche nei restanti 11 mesi dell’anno».

Ai 43 miliardi di gettito si sommeranno poi altri 11 miliardi di euro delle tredicesime liquidate in queste settimane: la scadenza del versamento Irpef è il 16 gennaio. Infatti, su 44 miliardi di euro di mensilità aggiuntive erogate in questo mese, tolte le ritenute Irpef, nelle tasche di 33,9 milioni di pensionati e dipendenti ne rimarranno 33. «Negli ultimi anni, un carico tributario eccessivo ha contribuito alla contrazione della domanda interna e degli investimenti.

Alle piccole e piccolissime imprese, l’effetto combinato delle troppe tasse, del calo dei consumi delle famiglie e della contrazione dei prestiti bancari ha procurato squilibri finanziari tali da costringere tantissimi artigiani e piccoli commercianti a chiudere l’attività», ricorda il segretario Renato Mason.

Le tredicesime dei lavoratori dipendenti non beneficeranno poi degli 80 euro di Renzi: «I dipendenti che anche nel 2019 hanno usufruito del bonus spiega il ricercatore Andrea Vavolo – non potranno disporre di questa agevolazione; la legge, infatti, non lo prevede. Anzi, non è da escludere, come purtroppo è già avvenuto negli anni passati, che alcuni dipendenti che hanno percepito lo sconto fiscale siano costretti a restituirlo».

fonte IlGiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.