Salerno: occupazione al Tasso, la dirigente scrive alle famiglie

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
L’onda lunga delle proteste studentesche si ripresenta a pochi giorni dal Natale e dalla sospensione delle attività didattiche per le festività. Da qualche giorno è in atto una protesta degli studenti che scompagina i piani didattici.

I rappresentanti degli studenti, che stanno guidando la protesta, hanno riproposto il tema dell’edilizia scolastica carente. Eppure, verifiche alla mano, la scuola non presenta criticità o rischi specifici per l’incolumità degli studenti. Una situazione che ha spinto la dirigente, Carmela Santarcangelo, a scrivere direttamente alle famiglie per spiegare la situazione e la questione occupazione. Ecco alcuni passaggi della lettera inviata alle famiglie

Abbiamo ben tre diversi cantieri aperti:

1. i lavori nel cortile, commissionati dalla Provincia, procedono nel rispetto dei tempi con le autorizzazioni della sovrintendenza MIBAACT al consolidamento del balconcino ed al restauro delle scritte angloamericane. Chi di voi è venuto a scuola nell’ultima settimana avrà sicuramente potuto godere della luminosità della prima facciata “guarita” dall’ammaloramento in cui versava.

2. i lavori di rifacimento dell’intera guaina di copertura del solaio, commissionati dal Liceo su delibera del Consiglio di Istituto ed autorizzazione della Provincia che ha il ruolo della direzione dei lavori, sono iniziati con ritardo a causa delle cospicue piogge del mese di novembre, ma ormai sono giunti quasi alla conclusione mancando solo i risvolti.

3. i lavori di risistemazione di un bagno al primo piano, commissionati nell’ambito del progetto Scuole belle dal MIUR alle cooperative di lavoro ex lsu, iniziati a fine agosto sono fermi da oltre un mese a causa del blocco dei pagamenti disposto dal MIUR che ha diffidato la cooperativa per mancato pagamento degli stipendi ai dipendenti. Ho ben due volte comunicato all’USR Campania che l’interruzione dei pagamenti (soldi che il liceo ha in cassa ma che non può erogare a causa del blocco disposto dal MIUR) avrebbe comportato danni al Liceo, senza ricevere risposta alcuna.

Proprio all’inizio della settimana scorsa, con la dsga abbiamo verificato la possibilità di affidare la conclusione dei lavori a personale interno o con affidamento diretto, e questo pur in assenza di risposte dal MIUR al fine di porre rimedio al grave disagio che stanno vivendo le alunne del piano.

Tutti i materiali sono già nel cantiere e manca solo la colla per i rivestimenti, oltre alla mano d’opera. Ho anche riferito sulle sollecitazioni alla Provincia per i controlli dei corpi pendenti. Nessuno dei rappresentanti di istituto ha riferito alcuna perplessità tale da far pensare all’imminente occupazione.

Anche venerdì sono stata con i rappresentanti di istituto cui avevo chiesto di presenziare ad un incontro per individuare un possibile progetto da presentare per migliorare la nostra scuola in senso ecosostenibile, e fino alle 14.00, non vi era nulla che lasciasse pensare ad un’organizzazione della settimana diversa da quella programmata.

Scrutini trimestrali da lunedì a giovedì, open day venerdì 20 con rinvio dell’incontro scuola famiglie al 10 gennaio (concordato in consiglio di istituto), attività organizzate dall’università per i nostri ragazzi, presentazione del programma del Giffoni Film Festival in occasione dalla ricorrenza dei 50 anni, conferenza del prof. Chiodi su Plutarco (autore scelto per la XVII edizione del Certamen Hippocraticum Salernitanum), assemblea di istituto nella mattina del 18 dicembre.

Insomma, sembrava che la concordia regnasse sovrana e che gli animi di tutti potessero rivolgersi serenamente alle giornate degli scrutini perché questi potessero svolgersi nella massima serenità possibile per poi tutti godere del meritato riposo natalizio!

Questa mattina (16 dicembre ndr)  ho sentito i miei Collaboratori, il Presidente del Consiglio di Istituto ed alcuni genitori. Tutti erano delusi dall’atteggiamento degli studenti che, ritenendo di essere unica componente la scuola, hanno deciso autonomamente, inaudita altera parte, di occupare il liceo per far valere i propri diritti.

Conseguentemente hanno comunicato la propria scelta, nella convinzione di possedere la ragione di questa scelta e di pretendere che tutti dovessero passivamente accettarne le conseguenze. Ho sentito uno dei rappresentanti di Istituto con cui mi sono intrattenuta per quasi un’ora ed ho spiegato le ragioni per cui ritengo che questo modo di protestare non sia utile, ma anzi, che sia dannoso alla loro condivisibile causa.

Mentre scrivo i ragazzi si stanno incontrando per riflettere sulla proposta. I tempi delle loro riflessioni saranno sicuramente meno lunghi di quelli che io impiegherò a terminare questa lettera (la cui scrittura è iniziata alle 15:00), ma qualsivoglia riflessione deve, perciò stesso, essere meditata e non impulsiva, a maggior ragione se chi scrive intende prendersi cura dei ragazzi, ma nello stesso tempo del ruolo e della funzione della scuola che non può essere svilita e relegata alla passiva rassegnazione del tanto deve passare!

I rappresentanti hanno tenuto a precisare, e di questo li ringrazio, che la protesta non è diretta contro la persona del loro dirigente scolastico, o di altri dirigenti, ma hanno bisogno di far sentire la propria voce alla Provincia che si è dimenticata delle scuole e del loro diritto ad una scuola sicura. Questo è il motivo di cui abbiamo parlato durante la telefonata. Questo motivo non è un pretesto e capisco la voglia degli studenti di far sentire una voce unitaria per la tutela di tutte le realtà scolastiche del territorio.

Ho fatto, però, al rappresentante una controproposta. A me non piacciono le contrattazioni da mercato. Ogni cosa ha un suo valore e bisogna riconoscere alle cose il valore che esse hanno e che non sempre è riferito al loro costo effettivo. Spesso il loro valore diventa inestimabile perché ci sono legami cui non si può dare un prezzo. Tra queste cose vi è il rapporto fiduciario che lega la mia persona agli alunni cui ho deciso di dedicare la mia vita lavorativa.

Da donna di scuola ho vissuto le occupazioni dal 1993, tutte e sempre fatte “sotto Natale” e nel confronto con rappresentanti delle Forze dell’Ordine e delle Istituzioni, tutti (dico tutti!), mi hanno sempre invitata a stare tranquilla perché “tanto i ragazzi devono arrivare a Natale, poi tutto tacerà!”.

È possibile che ci sia ancora qualcuno che crede nella “FORZA” dell’occupazione? Ho detto ai rappresentanti a più riprese che, oltre ad essere un fatto previsto dalla norma come reato, l’occupazione crea problemi ai maggiorenni che vi partecipano assumendosene la responsabilità, così come reca problemi ai minorenni per i quali rischia di essere un’esperienza che invece di farli crescere li segnerà per sempre, e non sempre positivamente. Da qui l’ansia di molti dei genitori che ho sentito questa mattina e nel primo pomeriggio e che mi comunicavano la paura dei rispettivi figli di venire a scuola.

Qualcuno mi ha parlato anche di minacce, più o meno velate. Minacce smentite in modo assoluto dai rappresentanti di istituto. E se qualcuno ne stesse approfittando per strumentalizzare gli studenti? Sono sicura che le minacce non siano partite da alunni della scuola, visto che il coordinamento dell’occupazione non vede impegnati solo i rappresentanti del Liceo Tasso. Questi, in particolare, mi hanno assicurato che chi vorrà potrà entrare e fare lezione “regolarmente”.

Chi non vuole fare lezione perché intende protestare, sarà impegnato in attività “alternative” da fare nelle palestre ed una ronda controllerà nei corridoi che non accada nulla di spiacevole. In questo clima il personale potrà lavorare negli uffici, il preside pure.

Chi sta in classe è sotto la vigilanza dei docenti e chi sarà in palestra… Su chi ricadrà la responsabilità di chi sta in palestra a fare attività “alternative” non altrimenti qualificate? E se nessuno andasse in classe quale sarebbe il carico del solaio della palestra se, non dico 870 alunni, ma anche 500, 400, 300, o 100 decidessero di ballare salsa al primo piano? Degli allievi maggiorenni. Dei firmatari la comunicazione di occupazione?

Ho cercato di spiegare che la responsabilità del dirigente scolastico diventa oltre che penale anche di natura patrimoniale e si trasmette agli eredi e che in caso di occupazione, sarò, mio malgrado, costretta ad uscire dalla scuola insieme al personale ed ai docenti, dichiarando l’interruzione del servizio a causa dell’occupazione.

Non è possibile un’occupazione a metà. Una occupazione di cui nessuno, riferito agli amministratori che dovrebbero preoccuparsene, si interesserà veramente. Gli studenti, dal loro canto vivranno momenti di gioia, ma anche di serie preoccupazioni. Nell’esperienza degli anni passati al Liceo Tasso non ho dimenticato che furono divelte porte e finestre, prontamente risistemate durante la notte da solleciti operai chiamati dalle famiglie a riparare i danni prima che i figli ne fossero chiamati a rispondere, né dimentico le foto sul balconcino pericolante fatte con birre in mano, né la forzatura dell’ingresso del laboratorio di fisica, interdetto per motivi di sicurezza, con effrazione dell’armadietto che conteneva mercurio dagli occupanti riverso nel lavandino ed a terra con utilizzo anche dei dispositivi di protezione!.

È possibile che se non si occupa la scuola non ci si senta degni di portare alto il vessillo dell’essere studenti? La mia proposta è semplice. Ripeto che condivido e sottoscrivo in pieno le preoccupazioni degli studenti, ma trovo l’occupazione il modo più sbagliato che ci sia per essere ascoltati.

Svolgiamo le normali attività didattiche al mattino e dalle ore 14.00 alle 20.00, con il dirigente scolastico in apertura di corteo, cominciamo un sit in pomeridiano di protesta nello spazio antistante la Provincia per far sentire la nostra voce per una scuola sicura e vivibile. Dimostriamo che gli studenti di Salerno, quelli che combattono per un futuro sostenibile, quelli che partecipano ai Fridays for future non sono alla ricerca della scusa per saltare giorni di lezione, ma sono alla ricerca del riconoscimento di una dignità dimenticata. Dimostriamo che sono capaci di stare in classe tutti i giorni per garantirsi il diritto all’istruzione e che nel pomeriggio fanno sentire la loro voce per avere scuole più belle e più sicure. E il dirigente scolastico, i docenti, le famiglie saranno al fianco degli studenti nella loro protesta.

Occupare per occupare, non porta da nessuna parte. Potete mai pensare che l’alunno o l’alunna che deve fare un’interrogazione possa essere serena e dedicarsi alla verifica se pensa agli amici che non devono essere interrogati e che stanno facendo attività alternative in palestra? Ma veramente possiamo pensare che l’attività di classe possa avvantaggiarsi del fatto cha alcuni, a scelta, possano decidere se stare dentro o dentromafuori?

L’ambiguità è qualcosa che fa molto male. I ragazzi navigano in questa ambiguità e gli sforzi di noi adulti vengono tristemente e miserrimamente vanificati. Mi conoscete tutti e sapete che minacce, dispetti o ritorsioni non sono nel mio dna. Sono in attesa di conoscere le determinazioni degli studenti che mi auguro tengano conto della mia proposta. Non perché sia la migliore strada possibile per essere ascoltati, ma semplicemente perché in tutte le occupazioni che ho vissuto nessuno è stato mai ascoltato e di certo chi deve ascoltare non lo farà sotto Natale pensando ad una abitudine, né buona né cattiva, ma semplicemente ad un’abitudine degli studenti che “devono arrivare a Natale!”

Carmela Santarcangelo

LA NOTA DI ALCUNE FAMIGLIE SULLA LETTERA DELLA DIRIGENTE. «La nota in commento é una sapiente sintesi di capacità dirigenziale, disponibilità al dialogo per una soluzione condivisa, un’accorata partecipazione e preoccupazione per il bene della scuola e prima ancora di tutti i destinatari in indirizzo.

Ed è forse questo spirito combattivo che ha suscitato grande consenso da parte di genitori e studenti che hanno preferito una scelta di condivisione per addivenire alla soluzione di problematiche ataviche che, per disinteresse della Provincia di Salerno, si sono trascinate per troppo tempo senza soluzione».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Sarò breve.
    Monitorare la scuola, così si eviterebbero saccheggi e danni alle suppellettili.
    I collaboratori scolastici devono essere almeno tre per piani e controllare i bagni delle gentil donzelle che pare abbiano dimenticato le buone maniere, pare che nelle toilette oltre a fumare cadano anche assorbenti, probabilmente sono sprovvisti di ali😒 😡 .Per quanto riguarda i lavori, cantieri e altro hanno tempistiche da lumaca.🤔 Ultima riflessione e concludo, ma quest’istituto è in grado di contenere tutti questi alunni??? Evito di scrivere la cifra.
    Un saluto agli organi preposti,
    mangiatevi il panettone e pregate che non accada nulla ai nostri figli.

  2. GLI STUDENTI VOGLIONO MANIFESTARE LIBERAMENTE CON L’OCCUPAZIONE. PERCHE’ LA PRESIDE VUOLE IMPEDIRLO ? IL LICEO TASSO E’ UNA SCUOLA CHE CADE A PEZZI, LABORATORI INESISTENTI PALESTRA RIDOTTA ALLE BRICIOLE, SOLO PER DIRNE ALCUNE. TUTTO QUESTO DOVREBBE ESSERE ESPOSTO NEI CD. “OPEN DAY” CHE SONO IL TRIONFO DELLA BUGIA.

  3. è sempre stata una scuola di figli di papà e appartenenti alla casta.
    Se ne salvano una decina in tutto l’istituto (parlo degli studenti).

  4. Ma a chi volete darla a bere? Manifestare per i propri diritti. Ma fatemi il favore. Evidentemente oltre che a bivaccare nei noti bar dal pomeriggio alla sera tardi, avevate bisogno di trovare un modo per cazzeggiare anche di giorno. La verità è che avete le spalle coperte da un sistema scolastico collassato che fabbrica ignoranti, andate sempre e comunque avanti, sia che impariate qualcosa sia che restiate degli asini. Continuate a giocare a fare le lotte per i vostri diritti (quali poi, la facciata ridipinta della scuola da poter imbrattare di nuovo?), ma sappiate che chi nelle generazioni precedenti ha veramente lottato, ha sacrificato qualcosa, ha perso gli anni. Voi invece cosa perdete? Nulla, prolungate soltanto le vacanze natalizie, con il beneplacito di molti docenti, a cui fanno comodo un altro pò di ferie pagate.

  5. La preside manca di capacità di sintesi. Ha scritto un noiosissimo romanzo fiume. Cmq i ragazzi non vogliono studiare per questo si sono dati all’occupazione. Il 21 finisce tutto. Buon Natale

  6. Ben vengano queste iniziative forti da parte dei ragazzi e delle ragazze….saranno tacciati di essere fannulloni,di prolungare le vacanze,di cazzeggiare ma almeno agitano le acque di questa melmosa istituzione che ormai è diventata la scuola….docenti incapaci,dirigenti non all’altezza e politici sordi ai bisogni di ragazzi e ragazze che chiedono solo di esercitare il proprio diritto allo studio in modo funzionale e concreto…al coglione/a che ricordava i tempi andati delle lotte e delle manifestazioni vorrei ricordare che lo sfacelo attuale è da imputare proprio alla generazione precedente e quella ancora prima…..abbiamo permesso me compreso che di anni ne ho 57 di lasciare crescere una generazione negata e di far cadere in basso una nazione da sempre esempio di cultura e di civilta’….

  7. Da che mondo è mondo ci sono state le occupazioni, e chi sta qui a giudicare questi ragazzi probabilmente ha fatto anche di peggio. Il tasso cade a pezzi da anni, ancora dobbiamo leggere che se ne stanno occupando?! Sono uscito dal tasso più di 7 anni fa e la situazione è SEMPRE stata questa.
    Complimenti ai ragazzi per l’occupazione, in una scuola notoriamente “borghese”. Questi sono momenti non di gioia perché non si ha lezione, ma di condivisione e unità. GRANDI, da un ex alunno

  8. e’ dicembre. Sono 30 anni che a dicembre si fa occupazione in tutti gli isitituti… che notizia e’?

  9. Scuola distrutta innanzitutto dai presidi da quando, pur di dormire sonni sereni, l’hanno consegnata nelle mani dei “cosiddetti studenti” i quali non hanno alcun motivo di impegnarsi, visto che, a fine anno, i tre passano tranquillamente a sei!!!!! Questa è la politica dei dirigenti prima di tutto e, diciamolo chiaramente, anche di tanti docenti, pur di non vedersi sfuggire la poltrona o la cattedra. Vergogna, la scuola avrebbe bisogno di dirigenti autorevoli, capaci di coprire bene le spalle ai docenti, che da anni sono letteralmente mandati allo sbaraglio, ma anche di docenti che abbiano autorevolezza oltre ad autorità, serietà e preparazione. Sono queste le cose che gli allievi comprendono e in buona misura rispettano.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.