Scuole occupate a Salerno: lanciano appello a tutto il Paese

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
“Siamo gli studenti e le studentesse che sognano un futuro migliore dai banchi di scuola. Siamo scesi in piazza il 27 Settembre, l’8 Novembre e il 29 Novembre per una scuola migliore. È giunto il momento di aprire gli occhi, guardarsi intorno lottare per una scuola a misura di studente”: queste le parole di apertura all’appello lanciato dagli studenti del Da Vinci e del Da Procida di Salerno alle scuole di tutta Italia.

Qui si sono svolte giornate di occupazione che non hanno in alcun modo impedito il normale svolgimento delle lezioni da parte di chi non volesse aderire alla protesta; nonostante ciò entrambi i plessi sono stati sgomberati ieri in tarda serata, mettendo così fine alle attività di riqualificazione, formazione e partecipazione costruite dagli studenti nel corso dell’occupazione stessa.

Ma la lotta non si ferma: stamattina gli studenti del Da Vinci hanno continuato le attività di protesta lanciando un sit-in.

In un paese in cui il 70% delle scuole non ha i certificati di agibilità, negli ultimi 10 anni sono stati tagliati 22 miliardi di euro all’istruzione pubblica, e l’ultima riforma sull’esame di stato non ha visto la consultazione degli studenti, il diritto allo studio non è garantito.

In una regione in cui il 50% delle scuole è a rischio crollo, 1 scuola su 2 è chiusa il pomeriggio, e il 20% degli studenti paga per svolgere l’alternanza scuola-lavoro e non decide i percorsi da svolgere, il diritto allo studio non è garantito.

“E’ IL MOMENTO DI COMINCIARE A PRENDERE POSIZIONE, DI FARE AZIONI FORTI E DI DIMOSTRARE CHE NON SIAMO VASI DA RIEMPIRE MA FUOCHI DA ACCENDERE!”, è il momento di riprendere in mano le redini del futuro che ci stanno negando, è arrivato il momento di costruirlo assieme, di costruirlo dal basso.

Appello delle studentesse e degli studenti:

https://www.instagram.com/p/B6QZYWKiauW/?igshid=v8336mzuwpoq

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Ma Pierino dove sta’? Non aveva risolto con i finanziamenti dei lavori al Tasso ed in altri plessi scolastici? Non aveva parlato con il Ministro? Non mi dite che erano solo fumogeni accesi e fumo con la manovella…..
    Il grande raccomandato assieme a Papino ci “abboffano” di “ecoballe”. (altra promessa non mantenuta).
    Mandiamoli a casa questi parassiti che non sanno cosa significhi lavorare.
    Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta.

  2. sono d’accordo! Basta favoritismi, familismi, nepotismi ecc. Si comincia con il far usare la moto d’acqua della Polizia al figlio e poi non si sa dove si può andare a finire. Si potrebbe addirittura arrivare all’appropriazione di milioni di euro (diciamo 49?) presi dalle nostre tasche.

  3. Per me Salvini lo possono anche impiccare. Non me ne frega assolutamente nulla. Mi interessa solo che non voglio più essere preso in giro da questi venditori di fumo, parassiti e nullafacenti che pensano solo ai propri interessi e dei loro familiari. Chiaro?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.