Elena Criscuolo (FdI): “Un 2020 ricco di sfide per nostro partito a Salerno”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Il 2019 volge al termine, utilizziamo queste ultime ore per fare un bilancio e soprattutto per fissare le  priorità per un 2020 ricco di impegni e sfide politiche. Nel 2019 la presenza di Fratelli d’Italia  sul territorio cittadino è stata costante, numerose le segnalazioni e i suggerimenti, elaborate con i nostri militanti e simpatizzanti, poste all’attenzione dell’attuale governo cittadino e puntualmente  snobbate dalla supponenza dell’amministrazione PD, che soprattutto nell’ultimo periodo ha dato ulteriori prove di pressappochismo e disorganizzazione.
Impossibile fare l’elenco complessivo, ma cercheremo di evidenziare i punti più salienti relativamente a problematiche irrisolte che tutt’ora attendono risposta.
Abbiamo individuato immobili di proprietà pubblica lasciati nel più totale abbandono, ad esempio lo stabile dell’ex scuola Mariele Ventre oggetto di numerose  nostre interpellanze sempre del tutto ignorate . È paradossale che non si mettano in campo politiche di recupero, mentre Salerno è tra i primi comuni in Italia per consumo di suolo, con una percentuale pari al 34,6% (dati 2018). Nell’ultimo decennio sono stati realizzati oltre 6.000 mila nuovi alloggi privati, peccato che il 70% costituisca un patrimonio invenduto. Tutto questo alla luce di un decremento costante della popolazione, che emigra verso il nord per lavoro, o si sposta in provincia in cerca di condizioni economiche più vantaggiose. L’unica edilizia che serviva, e che di certo non sarebbe restata vacante, era ed è a tutt’oggi, quella popolare. Eppure, alla crescente domanda  di alloggi,  con i contributi alloggiativi stanziati dalla regione, tale amministrazione non ha pensato di investire nel patrimonio pubblico immobiliare.
Silenzio anche in tema di infrastrutture, viabilità e urbanistica: qui gli interventi sono stati solo frammentari, è mancato un completo rifacimento del manto stradale, Molti i tratti stradali insidiosi, alcuni dei quali  necessitano altresì  di dispositivi idonei a ridurre la  velocità di percorrenza, laddove è elevato il rischio di sinistri stradali . Il numero degli incidenti stradali, non appare trascurabile, e il Sindaco  ha il dovere istituzionale di intervenire a garanzia della sicurezza pubblica.
Altro punto nodale irrisolto è il controllo per la sicurezza del territorio: in città, soprattutto nelle zone collinari, si sono registrati molti furti negli appartamenti.
Pur disponendo di  esigue risorse, le forze dell’ordine fanno il possibile per garantire una presenza costante, ma è fondamentale mettere in condizione la polizia municipale di operare al meglio. Serve lavorare di concerto con la rappresentanza sindacale per ottimizzare i turni di servizio. A tal proposito ci siamo espressi in senso favorevole per la dotazione agli agenti del taser, in quanto gli stessi  devono essere in condizione di difendersi dalle aggressioni che purtroppo, di consueto, si verificano durante il servizio.
In tema di dissesto idrogeologico, più volte abbiamo invitato l’amministrazione comunale ad intervenire  per la messa in sicurezza il territorio.Abbiamo anche chiesto con istanza protocollata, un incontro con l’assessore, richiesta del tutto ignorata .  Evidentemente la bontà della nostra indicazione, ovvero di strutturare un piano di gestione e programmazione per la manutenzionee la prevenzione dei rischi, anche mediante il recupero delle aree collinari attraverso l’applicazione della legge che prevede la piantagione di un albero per ogni nuovo nato,  non è stata recepita. Abbiamo visto andare in fumo ettari delle nostre colline che, di conseguenza, non hanno resistito alle intense piogge autunnali. Intervenire per tempo con messe in sicurezza e regolazione del verde pubblico è un investimento. Invece, si preferisce intervenire in emergenza, ma ciò si tradurrà sempre e solo in maggiori costi e incalcolabili disagi per la cittadinanza. Regole di base, puntualmente disattese, che mettono in evidenza le lacune di questa che, più che un’amministrazione collaudata, sembra una squadra di dilettanti allo sbaraglio. Lo stato di decadenza della città è complessivo, quello che è più evidente ai cittadini è la sporcizia e lo stato di abbandono e degrado di intere zone, ma i problemi da risolvere  davvero tanti. Tutti gli indicatori descrivono una situazione economica allarmante, negli anni si sono persi migliaia di posti di lavoro, anche grazie ad una politica disattenta che ha assistito impassibile ad una serie di delocalizzazioni che oggi ci lasciano un’area de-industrulizzata dove si è addirittura pensato di insediare l’ennesimo centro commerciale battezzato, quasi ironicamente, col nome “la fabbrica” forse pensando che almeno il ricordo di quella che era un’area produttiva generatrice di reddito, dovesse restare. E alla fine si interrogano pure sul perché le vendite non decollano e allora è evidente, per questa gente, economia, commercio e turismo sono materie sconosciute. I dati del turismo, settore in cui si è investito tanto, non sono confortanti la città è meta di tantissimi escursionisti espressione di un “mordi e fuggi”, ma purtroppo pochi sono i veri turisti, cioè quelli che effettivamente soggiornando in città portano introito per i settori interessati. Ne derivano momenti di picco caotico che tengono lontani dal centro gli stessi salernitani, penalizzando così parte del commercio. Serve ripensare, e anche qui pianificare gli eventi elevando il livello e coinvolgendo l’insieme dei settori produttivi. Questo il programma che  metteremo  in campo dal 2021,  mira in via prioritaria a riunire Salerno in un progetto di sistema unico, è evidente che la città si è spaccata in due, quella nelle grazie di De Luca, su cui quindi accendere i riflettori, e quella in ombra, lontana dal centro, alla quale resta solo qualche slogan in occasione della campagna elettorale, ma che subito dopo cade nel dimenticatoio e nel più totale abbandono.
La città giardino resta una promessa mai realizzata, basta guardarsi intorno per rendersi conto che ci troviamo in una scatola di cemento con tantissime opere incompiute, altro spreco di danaro pubblico, utile solo per fantomatiche inaugurazioni.
È una sintesi in cui abbiamo scoperto quei nervi di cui la sinistra salernitana non gradisce parlare, purtroppo sono un’amara realtà che l’indifferenza non sana. Nessuno può negare l’onestà intellettuale, che è dogma per i dirigenti di Fratelli d’Italia. La nostra iniziativa non mira al tornaconto di partito, ma all’interesse generale: a fronte di tanti balzelli della politica locale e nazionale, noi restiamo legati da un patto di coerenza, non solo con la nostra gente, ma con tutti i cittadini ed è per loro che continueremo con sempre maggiore decisone a portare avanti una politica utile per la crescita della città, e della nostra amata Italia.

PORTAVOCE CITTADINO
AVV. ELENA CRISCUOLO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. fin quando a salerno l’opposizione è rappresentata da codesti personaggi la dittatura de luca durerà per almeno altri 25 anni

  2. Ma chi è questa ?? mai vista a Salerno , mai fatto qualcosa per Salerno doveva parlare la Carfagna persona di carisma

  3. Per caso si vuole tornare all’esperienza del centro Destra alla Provincia di Salerno di qualche anno addietro?
    Ci siamo dimenticati di quanto fatto circa la vecchia gestione della EcoAmbiente Salerno , società provinciale dei rifiuti?
    Meditate gente, meditate!

  4. CELANO DOVE SEI??????????????? SVEGLIATI E BATTI UN COLPO!!!!! SONO DECENNI CHE SEI IN LETARGO!!!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.