Attraversare la strada a Salerno? Si rischia la vita. La lettera di James

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
«Ho letto finalmente oggi un articolo sul discorso attraversamento pedonale in città, che apparentemente sembra una delle tante notizie di quotidianità ed invece è la migliore fotografia dei nostri atavici difetti che resistono negli anni anche per un’inefficienza totale nei controlli». Lo scrive alla nostra redazione James C. un salernitano che per motivi di lavoro vive in Svezia a Stoccolma.

James si dichiara ‘innamorato di Salerno’, in città vivono i suoi genitori e lui da lontano segue, anche grazie a Salernonotizie, ciò che accade in città.

«I progressi fatti negli ultimi anni – scrive James – sono innegabili, una crescita evidente agli occhi, ma purtroppo da un po’ di tempo tutto sembra essersi fermato.

La prima responsabilità è nostra, abbiamo sempre bisogno di qualcuno che ci tenga per il guinzaglio, appena si molla un pochino la presa torniamo a fare come ci pare, fregandocene di qualunque regola, di qualunque minimo principio di civile convivenza.

Provate appunto ad attraversare la strada a Salerno. Si rischia sempre la vita, bisogna avere attenzione massima perchè nessuno si ferma automaticamente come avviene in tutte le città civili del mondo. Si deve passare e basta. Provate se vi capita a far scattare il verde per i pedoni al semaforo vicino al Grand Hotel Salerno.

Almeno 2 o 3 auto passano tranquillamente con il rosso. Qualcosa di incredibile. Provate ad attraversare sulla lungo irno vicino al nuovo tribunale, impossibile si raggiungono velocità da Gran premio di Formula 1. L’autovelox sarebbe un’eresia?

Quindi prima colpa di noi cittadini ma inevitabilmente colpa anche delle istituzioni. Dove sono? Che fanno? Salerno Città europea passa dal far rispettare elementi minimi di civiltà. In questo periodo sembra che tutto si fermi a Luci di artista, pensate che a domanda specifica perchè alcuni semafori non funzionassero per l’attraversamento pedonale sul lungomare Colombo la risposta del vigile di turno è stata che si era deciso di bloccarli per non far fare la fila delle macchine in arrivo per la manifestazione. Incredibile. Un piccolo episodio che spiega però benissimo le responsabilità di una visione ristretta e miope del progetto città.

In ultimo grande colpe sono anche della comunicazione di voi giornalisti. Vanno bene le belle notizie, quando le istituzioni svolgono al meglio il loro lavoro è giusto sottolinearlo. Ma è altrettanto giusto sottolineare gli errori con inchieste vicino alla quotidianità delle persone che possano fungere da stimolo. Invece leggendo qua e là mi sembra un’informazione piatta che si è adeguata al clima generale. Avete mai provato a passeggiare con un diversamente abile? Un’impresa con tutti i difetti di cui sopra.

Sia chiaro il mio non è un discorso politico, tutti fanno bene e male solo una amara riflessione di un diciamo emigrante che spera di vedere veramente  un giorno la Salerno Europea».

di James C. 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Ogni commento è superfluo, chi ha trascorso qualche periodo della propria vita al nord Italia o ancora meglio all’estero, puo’ solo tornare da “turista” a Salerno; riabituarsi allo stile di vita salernitano vuol dire violentare se stessi ed adeguarsi all’abbrutimento generale! Si tende purtroppo ad emulare i comportamenti negativi per pura autodifesa, per evitare di rimanere “schiacciati” dall’inciviltà e dalla stafottenza altrui…La canzone degli Stadio e di Vasco Rossi sintetizza alla perfezione quello che avviene quotidianamente a Salerno: “È una guerra ogni giorno – Ogni istante che ti volti qualcuno cerca di fotterti – Non ci sono più regole – La parola d’ordine è Tutti contro tutti”….

  2. Caspita non abiti più a Salerno ma conosci alcune cose molto approfondite. Ma dei pedoni ed anche io lo sono, che attraversano la strada senza nessuna forma di precauzione? Dei pedoni assortinello chattare oppure in conversazione telefonica che attraversano la stradacome se fosse dalla stanza da pranzo alla cucina? Dell’attraversare la strada a quattro erri dalle strisce oppure sbucare all’improvviso da un marciapiede ed attraversare in mezzo alle auto in sosta con la presunzione di essere in regola e tanti altri comportamenti ineducati. Poi ovviamente da automobilista noi purtroppo abbiamo sempre la colpa anche se non è sempre così

  3. Concordo a pieni voti con James, in tutte le città “civili” del mondo le auto si fermano.

  4. Caro James C, non ti illudere perchè qui le uniche cose che contano sono i pacchetti di voti sotto il periodo elettorale, le lucette per far mangiare solo un dato settore economico,la salernitana e santa teresa d’estate. Tutto il resto è lasciato al caso, non ti illudere di poter sognare una città europea in quanto questo posto non lo sarà mai ed è destinato a spopolarsi sempre più nei prossimi anni. Non ti illudere di civilizzare i salernitani in quanto è soltanto un utopia. Le cattive abitudini sono dure a morire.

  5. x 12:24

    Tutte cazzate, io attraverso sulle strisce e quasi tutti si fermano per farmi passare. A Roma o Milano ho visto di molto peggio.

  6. E vogliamo parlare della lungo Irno?
    Macchine parcheggiate nella corsia di marcia (e che aspettano a portarle via col carroattrezzi)…. e vogliamo parlare del passaggio (A TUTTI I COSTI) col rosso all’altezza della banca MPS di fronte alla cedisa x intenderci?
    E vogliamo parlare del semaforo quasi sempre al giallo all’altezza terme campione.quelle rare volte che è rosso non è rispettato né da chi percorre l’asse principale(in entrambi i sensi) né da chi scende da campione. Una vergogna!!!

  7. Questo problema esiste in tutta italia purtroppo,chi vive al nord come me ne sa qualcosa,gente che guida e parla al telefono ce ne 90 su 100,investimenti di pedoni sulle strisce a Genova e un’abitudine purtroppo,ma ci sono alcuni servizi e qualità che Salerno e molto più avanti,esempio la sanita.ha genova 2 anni fa è stata aperta un’inchiesta con 2500 indagati tra primari dottori infermiere parenti e amici degli amici,nessuno di questi pagavano le prestazioni sanitarie date dall’ospedale,dalle visite specialistiche analisi varie ecc.ecc.una sola volta è stata data notizia al TG3 LIGURIA poi silenzio di tomba,se succedeva al Sud ne parlavano tutti i giorni per anni.A Salerno di certo ci sono cose da migliorare ma credetemi e una città che è molto più visibile di tante città d’Italia da nord a sud.

  8. La mail di James è lo specchio chiaro di una comunità, quella salernitana, che appare sconfitta dall’inciviltà.
    In parte è vero che siamo destinati al guinzaglio: basta il cattivo esempio di pochi ed a un certo lassismo dell’amministrazione, che ci si ritrova doversi difendere o “adattarsi” di conseguenza, spesso apportando un contributo involontario di inciviltà, anche minimo: ti danno un volantino in mano? Lo vuoi gettare…dov’è il cestino? Non se ne vedono più in giro e quei pochi sono stracolmi o incendiati dal solito teppistello…e voilà, lo accartocci ed il volantino è a terra, tanto il Corso ne è tappezzato e nessuno dice niente. Cerchi parcheggio al centro? 2 euro l’ora di cui mezza solo per arrivare da piazza della Concordia a via Roma, et voilà…macchina in doppia fila o sui marciapiedi, tanto di vigili non se ne vedono…ovviamente non giustifico assolutamente questi deplorevoli comportamenti, ma pensiamoci, chi non ha mai contribuito, anche solo con un gesto apparentemente banale ed innocuo, al degrado, magari con il proverbiale indice semi piegato sul pollice del “ma è sul nu minut”? Comportamenti che diventano prassi nell’abitudine all’inciviltà ai quali si reagisce sempre più spesso arrogantemente con ulteriore inciviltà, come un cane che si morde la coda.
    Senza parlare della viabilità: semafori eternamente sul giallo lampeggiante a degli incroci pericolosissimi, resi campi di battaglia da pirati della strada e maledetti chattarelli di whatapp dai riflessi e vista azzerati che ostacolano il traffico, altri invece non sincronizzati che obbligano i pedoni ad attese eterne, salvo poi scattare sul verde per soli 15 secondi…ed ecco che poi ci si trova ad attraversare col rosso.

    I salernitani stanno perdendo l’orgoglio e l’amore per la propria città perchè si sentono assediati dalla loro stessa inciviltà alimentata dall’inerzia di quest’ultima amministrazione (son davvero finiti i tempi della città giardino di De Luca?) che appare spaventata dall’impopolarità delle scelte coraggiose. De Luca era diventato popolare proprio per dei provvedimenti “pedagogici” ai limiti dell’impopolarità che puntualmente sortivano effetti tangibili e positivi..il bastone in effetti funzionava e la cittadinanza indipendentemente dal colore politico, lo apprezzava. E’ ora di ritirare un “guinzaglio” lasciato fin troppo poco teso ed avere il coraggio delle scelte drastiche, anche se ciò potrebbe costare qualche voto nell’immediato (quello dei commercianti in primis), è ora di far innamorare di nuovo i salernitani alla propria città.

  9. James, inutile, sono parole al vento. Vado in piscina e quando riesco a far comparire il rosso sul semaforo pedonale ( ultimamente solo quello al Grand Hotel e quello di fronte alla piscina funzionano ) le auto passano col rosso a tutta velocità, almeno due prima che ci si fermi. Mio figlio, di passaggio dall’India dive lavora e dove sappiamo quanto sia pericoloso camminare come autisti e pedoni) stava per essere investito a Piazza della Concordia appena sceso dal pulman. Ma tanto sarai dileggiato se racconti questo ed anche dei pedoni maleducati che attraversano sempre e dovunque con la presunzione che il pedone abbia sempre ragione. Non è cosí ed io a vederli passare quando il semaforo è rosso per loro, da automobilista li faccio cacare sotto e da pedona dico loro di tornare a pascolare le pecore, se sanno farlo. Salerno questa è e questa è anche la gente per cui tutto ciò è normale. O accettare o andare via

  10. Ottimo il commento che James fa riguardo i giornalisti.
    Ormai riportate notizie prese dai social, foto di tramonti e lettere o lamantele di cittadini. Il tutto condito con errori grammaticali a volte imbarazzanti.
    Che fine ha fatto il giornalismo ? Oltre che a cercare visualizzazioni con titoli ad effetto, per vendere pubblicità, quale è il vostro ruolo ?

  11. Vorrei anche aggiungere che è una delle poche città in cui molti semafori sono impostati volontariamente sul giallo lampeggiante. Risultato: il pedone che dovrebbe schiacciare il tasto, fa scattare il rosso in modo quasi immediato, con relativi tamponamenti e ‘passaggi’ con il rosso delle auto. E in molte zone con il semaforo lampeggiante si crea solo confusione (gente che dal fiume Irno si immette sul lungomare, tanto per dirne una, senza alcun ordine).
    Regna la confusione, c’è poco da fare. E iniziassero a far funzionare i semafori secondo i criteri con cui sono stati inventati ossia verde, giallo e rosso.
    Per le strisce purtroppo è così: sono pochi gli automobilisti (per non parlare di ciclisti e guidatori di scooter) che si fermano per far passare i pedoni. Così come siamo in pochi che, sull’autostrada, manteniamo la destra libera. E’ mai possibile che quasi nessuno sa (o se ne frega) di non stare al centro della carreggiata? Risultato: l’A2 è una delle poche autostrade a tre corsie in cui continuano a succedere incidenti piu’ o meni gravi.
    Il tutto è ridicolo

  12. AMMINISTRAZIONE FATTA DA GENTE IGNORANTE CHE NON AMANO SALERNO CITTA SENZA UN VIGILE NELLA ZONA ORIENTALE SENZA FORZE DELL’ORDINE IN GIRO LA NOTTE SOLO RISPECCHIA LE CITTA ITALIANE SENZA CONTROLLO E SENZA AMORE DA PARTE DI CHI LE AMMINISTRA – IL SINDACO CON TUTTA LA CIURMA SI TAGLIASSE LO STIPENDIO E PER AMORE INIZIASSE A SISTEMARE I SEMAFORI PEDONALI FARE STRISCE INTELLIGENTI ANCHE QUALCHE DOSSO CHE DICI SINDACO SEI CAPACE PENSO DI NO LO TUA FORTUNA CHE SO TUTTI UGUALIA TE DESTRA SINISTRA E 5 PALLE POVERA ITALIA EPPURE CI VUOLE POCO SOLO AMORE PER LA PROPRIA CITTA

  13. Vorrei aggiungere alla nota di Gigino che a molti semafori il tasto e disattivato. Per quale motivo i pedoni non possono richiamare il verde ? In altre città non ho visto mai disattivato il tasto richiamo pedone. Solo a Salerno.

  14. Completamente d’accordo..Salerno è una città in cui i semafori sono stati impostati appositamente lampeggianti. È ovvio che le auto, pur volendolo, non si fermano al rosso, visto che improvvisamente esce il rosso.
    Non si possono impostare i semafori come nelle città civili, ossia non lampeggianti?
    E chiedo anche a chi, giustamente, si lamenta che le auto passano col rosso quando un pedone preme per la chiamata pedonale..non sarebbe più sereno passare quando semplicemente scatta il verde pedonale, come si usa ovunque?

  15. Al semaforo tra il liceo alFano e l’Amendola ormai è normale che le auto non rispettino il rosso. Basterebbero le telecamere come sui varchi ztl. È un fatto di educazione e coscienza

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.