Promosso il taser: la pistola elettrica entra nella dotazione delle forze dell’ordine

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
La sperimentazione del taser è stata giudicata positiva e per questo motivo molto presto entrerà ufficialmente nella dotazione delle forze dell’ordine. A riportare la notizia è l’Ansa, spiegando che il regolamento che disciplina l’uso della pistola a impulsi elettrici per polizia, carabinieri e guardia di finanza verrà approvato domani in via preliminare dal Consiglio dei ministri. Non sarà, quindi, il via libera definitivo, per cui si attende prima il parere del Consiglio di Stato e poi un nuovo passaggio in Consiglio dei ministri per l’ok definitivo.

Il taser entrerà ufficialmente nella dotazione delle forze dell’ordine, quindi. La prima fase, quella sperimentale, aveva riguardato 12 città. Dopo l’approvazione definitiva, quindi, l’utilizzo verrà esteso a tutte le città italiane, con una serie di agenti abilitati all’uso del taser.  Ad occuparsi dell’addestramento sono stati formatori qualificati e abilitati dall’azienda che produce la pistola: la formazione si è svolta al Centro nazionale di sperimentazione di Nettuno.

Per quanto riguarda l’utilizzo del taser, il dipartimento della Pubblica sicurezza ha emesso delle linee guida per “un’arma propria”, così come viene definita. Per esempio la distanza consigliata per un tiro efficace va dai tre ai sette metri. Il taser, inoltre, “va mostrato senza esser impugnato per far desistere il soggetto dalla condotta in atto”.

Se questo tentativo dovesse fallire, allora si può sparare il colpo, ma considerando “per quanto possibile il contesto dell’intervento e i rischi associati con la caduta della persona dopo che la stessa è stata attinta”.

Ancora, chi utilizza l’arma deve tener conto della “visibile condizione di vulnerabilità” del soggetto, come può accadere, per esempio, nel caso di una donna incinta. È necessario anche stare attenti alle condizioni dell’ambiente intorno, per evitare il rischio di esplosioni o di incendi. Rimangono, comunque, le voci critiche sull’impiego dei taser, come quella di Amnesty e del Garante dei detenuti, Mauro Palma, che ritiene l’utilizzo della pistola giustificato “solo in ambito limitatissimo di casi”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Finalmente, sai che bello usarlo sui parcheggiatori abusivi, con il redditto di cittadinanza, gli sgravi fiscali, la casa popolare e 2-3.000 euro netti al mese dalla loro attività di finta “questua” perchè con questa scusa vengono sempre assolti dalle accuse di arresto e quindi di condanna definitiva

  2. teser giustificato in un ambito limitatissimo di casi…. esatto nel nostro diritto penale esiste l’art.53 del codice penale (USO LEGITTIMO DELLE ARMI) che dichiara non punibile IL PUBBLICO UFFICIALE CHE al fine di adempiere un dovere del proprio ufficio e per respingere una violenza fa uso delle armi (FUCILE PISTOLA PISTOLA MITRAGLIATRICE ..) quindi in via generale dovrebbero usare armi proprie create per UCCIDERE e in casi limitatissimi armi PROPRIE create per evitare di uccidere. ma dico io ci si rende conto dei quel di cui si parla?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.