Congedo parentale tra iniquità e paletti (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Uno studio realizzato dal US News & World Report e dalla Wharton School dell’Università della Pennsylvania ha valutato 73 Nazioni ed interpellate, attraverso un sondaggio, 20.000 persone, per stabilire quali sono i migliori Paesi nel Mondo dove crescere un bambino.

I Paesi sono stati classificati in base ai punteggi ottenuti in otto diverse aree: attenzione ai diritti umani, sostegno alla famiglia, uguaglianza di genere, livello di felicità, uguaglianza di reddito, sicurezza, istruzione pubblica e sistema sanitario. La stima del congedo parentale, ritenuto centrale nella crescita del piccolo e varia molto da luogo in luogo, ha inciso molto sul giudizio finale.

Danimarca, Svezia e Norvegia, noti per l’elevato livello di welfare e l’attenzione alla maternità e alla parità di genere, hanno occupato rispettivamente le prime tre posizioni. La Danimarca, come peraltro riporta il sito dell’Unione Europea, possiede un sistema di parental leave “tra i più generosi e flessibili nell’UE”. A entrambi i genitori vengono difatti concesse 52 settimane di congedo retribuito e le madri hanno diritto ad ulteriori 4 settimane di maternità prima del parto.

Anche in Svezia la situazione è piuttosto buona con 480 giorni di congedo parentale retribuito, di cui 90 riservati a ciascun genitore e non trasferibili all’altro. Mentre in Norvegia, le settimane di congedo sono a scelta 46 o 56 se pagate all’80% dello stipendio.

Quarto è il Canada, seguito dai Paesi Bassi che quest’anno sono saliti di un gradino. La Svizzera, “Miglior Paese al Mondo dove vivere” nella classifica generale del Best Countries Report, nella specifica graduatoria risulta, invece, settima. L’Italia si attesta al sedicesimo posto, preceduta da Germania, Francia e Spagna.

Nel nostro Paese, dal punto di vista del genere, il congedo parentale, è ancora molto squilibrato: la madre ha diritto a 5 mesi pagati di maternità distribuiti prima e dopo il parto ed il padre potrà astenersi dal lavoro solo per 7 giorni – dal 2020, 2 in più rispetto agli anni precedenti – mantenendo il proprio stipendio, più 1 giorno facoltativo da richiedere in alternativa alla madre.

È un quadro tutt’altro che soddisfacente, tanto più se si considera che l’Unione Europea fissa ad almeno 10 giorni il congedo di paternità. Certo non è un periodo lungo per i neo-papà, ma l’Italia non raggiunge nemmeno la soglia minima.

Al di là del dato impietoso emerso dalle comparazioni, ciò che amareggia e che dovrebbe indurre ad una riflessione più approfondita e scrupolosa è che a subirne le conseguenze, sono principalmente i bambini.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.