Caso reparto Coscioni: le preoccupazioni della CGIL Funzione Pubblica

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
L’Organizzazione Sindacale CGIL Funzione Pubblica rappresenta alla struttura commissariale la forte preoccupazione per il futuro del centro P.M.A. di primo livello della nostra azienda. Premesso che il progetto per la procreazione assistita è riconosciuto per ruolo e funzioni al Ruggi dalla Regione Campania e che tale progetto è sostenuto da finanziamenti regionali.
Che in più incontri le varie direzioni strategiche insieme anche agli RLS della AOU avevano individuato gli spazi per il PMA in continuità con la sala operatoria di ginecologia, ma finora niente è stato fatto per la realizzazione degli stessi. Vediamo invece che improvvisamente si è proceduto ad una riduzione degli spazi oggi dedicati alla procreazione assistita, senza informativa né alla RSU né agli RLS.
Tutto questo senza aver neanche iniziato i lavori negli spazi individuati per la PMA (deliberazione n.6 del 28/8/2019 – Progetto Esecutivo per l’ Adeguamento dei locali siti al primo piano Corpi L/H/K – del Plesso Ruggi adiacenti reparto di ostetricia e ginecologia e sale operatorie).
Questo modo di procedere unilaterale dei commissari sopra citati desta preoccupazione. Non possiamo capire né condividere l’apertura di un nuovo reparto che nasca calpestando il progetto del centro PMA dall’AOU, unico nel pubblico, che assicura cure e tecniche contro l’infertilità, con ad esso collegato la conservazione di ovociti e spermatozoi per giovani con patologia oncologica.
Perché non sono stati effettuati primi i lavori per la realizzazione del centro PMA, percorso logico e a tutela delle pazienti afferenti al centro PMA? Perché non si proceduto ad attivare le procedure concorsuali, come stabilito nelle trattative sindacali,per il reclutamento delle figure indispensabili (ad esempio biologi) per il centro PMA? Perché si continua a fare solo borse di studio?
La nostra contrarietà nasce anche dalla consapevolezza che per il nuovo reparto di cardiochirurgia si sta procedendo per il reclutamento di personale prendendoli da altri reparti già in carenza. Ci chiediamo: come si vuole risolvere la carenza di personale che esiste in tanti reparti dell’AOU e come si vuole procedere per il reclutamento del personale del nuovo reparto di cardiochirurgia?
Per tutto quanto suddetto chiediamo incontro urgente riguardo l’apertura del nuovo reparto, che fatta senza valutazioni opportune potrebbe determinare conseguenze disastrose per l’aumento delle carenze di personale nelle unità operative. Vedrebbe svanire anche il progetto di PMA per il Ruggi.
Va considerato in ultimo che la nuova collocazione dell’ oculistica pediatrica non è adeguata perché vicina alla medicina nucleare e alla radioterapia. In attesa di sollecito riscontro.
La Segreteria FP CGIL 
  Delegati RSU/RSA 
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Tranquilli manderanno nel nuovo reparto di cardiochirurgia i 7 dentisti assunti alla ASL. Logica redistribuzione.

  2. I primari li scelgono i politici, ma quello di cui mi meraviglio è che non esiste nessun organo dello stato che interviene. La magistratura che fine ha fatto????

  3. … non è per comprensibile la logica con cui un bravissimo cardiochirurgo come Coscioni abbia potuto calarsi alla politica e per poi tornare a bomba sulla sua vera professione e con il “vizietto acquisito” dell’esposizione del potere politico politicante … Mah‼️
    Questa è una di quelle vicende che fanno male alla Collettività, alla Politica ed alle Professioni … tutto è … essere chiamato primario?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.