Il valzer dei reparti al Ruggi: LIRATV offre spazio nel Tg a Coscioni e D’Amato

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
8
Stampa
L’intervista rilasciata a LiraTv da una delle donne che rischiano di subire le conseguenze della riduzione dei servizi di procreazione medicalmente assistita dovrebbe creare l’urgenza di dare una risposta o quantomeno di fornire delle rassicurazioni che, finora, dall’Ospedale Ruggi d’Aragona sono arrivate solo parzialmente.

A parte la nota con cui, ormai due settimane fa, l’azienda smentiva la chiusura del centro anti-infertilità ma non smentiva le altre cose fatte notare dai servizi del Tg Lira, il commissario Vincenzo D’Amato non ha accettato l’intervista propostagli più volte anche pubblicamente, attraverso il telegiornale, tirando dritto per la sua strada.

Una strada che conduce alla creazione- legittima- di un secondo reparto di Cardiochirurgia, come previsto dall’atto aziendale. Ma che comporta, per la scelta di collocarlo al terzo piano della Torre Cuore, la riduzione della metà degli spazi per la procreazione medicalmente assistita ed il trasferimento dell’ambulatorio di oculistica pediatrica. Oltre al trasferimento di alcuni infermieri.

Abbiamo detto più volte come questo comporti da un lato la necessità di rifare le autorizzazioni per il centro anti-infertilità, mai decollato veramente anche per la carenza di biologi; e dall’altro il trasferimento dell’oculistica pediatrica in coabitazione con la Medicina Nucleare.

È per questo, perché riteniamo giusto che la gente riceva delle rassicurazioni, che chiediamo pubblicamente al commissario Vincenzo D’Amato e al cardiochirurgo Enrico Coscioni di accettare l’invito di LiraTv per un’intervista da realizzare nel corso del telegiornale, per dare loro la possibilità di spiegare cosa sta accadendo.

Finora, l’azienda Ruggi non ha risposto né direttamente né indirettamente alle perplessità poste da LiraTv, suffragate dalle dichiarazioni rese al nostro tg da rappresentanti del Tribunale del diritto del Malato, dei sindacati autonomi e confederali, per non parlare degli ex primari di Medicina Nucleare e Pediatria, i dottori Casaburi e Albano. D’Amato e Coscioni colgano l’opportunità di chiarire una volta e per tutte.

Fonte LIRATV.com

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

8 COMMENTI

  1. … si è convinti che sentano l’esigenza di chiarire❓ allora, … in questa Città, in questa Provincia, ok n questa Regione … la politica politicante, l’arroganza, il menefreghismo, l’illecito arricchimento, l’appropriazione indebita etc etc etc la fanno da padrone e motivano i “signori” del cerchio magico, gli amici degli amici … di lui …

  2. E che possono dire? Se il messia li autotizza a dire le cose scritte di suo pugno….forse….chissà! Vergogna!

  3. …difficile da chiarire l’impellenza di una seconda cardiochirurgia e la presenza di 7 dentisti a tempo pieno concentrati in città. Strategie veramente surreali quando le esigenze sono ben altre e sotto gli occhi di tutti.

  4. Ma Papino non dice nulla? Fa finta di non sapere nulla?
    Nemmeno Pierino Prezzemolino si pronuncia.
    Gatta ci cova……
    Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta

  5. giusto! basta favoritismi! Si comincia con far provare la moto ad acqua della Polizia al figlio e poi chissà dove si va a finire

  6. Per la redazione :
    Al riguardo potreste, anzi DOVRESTE (DOVETE) intervistare de luca? O se proprio si rifiuta potreste intervistare l’ONOREVOLE figlio? Credo che per serietà e coerenza è un passaggio che dovreste proprio fare.
    Buona giornata.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.