Superluna di Neve: tutti con il naso all’insù per ammirarla

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Tutti pronti per ammirare la Superluna di febbraio. Il satellite è già alto e luminoso sopra le nostre teste e man mano che passeranno le ore, crescerà di grandezza e illuminazione. Fino a raggiungere il picco alle 8,34 di domenica 9 febbraio. Certo, a quell’ora in Italia non sarà facilissimo vederla, ma non disperiamoci, sarà comunque bellissima e brillante per tutta la notte.

Il modo migliore per ammirarla sarebbe quello di recarsi in montagna o in campagna, in luoghi poco illuminati e ben lontani dall’inquinamento delle grandi città. Nella notte tra sabato 8 e domenica 9 febbraio, la luna piena sarà più luminosa del 15% e più grande del 6% rispetto a una semplice luna piena.

La Superluna è così chiamata quando il satellite viene a trovarsi nel suo perigeo, ossia nel punto di minima distanza dalla Terra. Proprio il fatto di averla così vicina a noi ce la farà vedere ancora più grande. Per andare nello specifico, questa notte sarà distante solo 368.086 chilometri, circa 20mila chilometri in meno rispetto al solito.

Il suo nome dai nativi americani

La Superluna di Neve è così chiamata per il calendario lunare dei nativi americani algonchini che usavano dare a ogni plenilunio un nome specifico legato a un evento naturale che poteva distinguerlo. Quella di questa notte appariva nel cielo dei nativi americani dopo copiose nevicate e, con la sua luce, illuminava tutto il paesaggio innevato sembrando ancor più abbagliante.

Gli indiani Cherokee la chiamavano invece “Luna delle ossa” a causa delle rigide temperature del periodo che rendevano difficile, se non impossibile, la caccia, obbligando la tribù a sfamarsi solo rosicchiando le ossa degli animali.

La prima Superluna del 2020

L’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Project, ha spiegato che questa “è la prima di quattro Superluna dell’anno appena iniziato. Le altre tre sono previste nei mesi successivi: in marzo, aprile e maggio”. Quella che potremo ammirare questa notte è tra l’altro la meno appariscente delle quattro. La più bella sarà quella di aprile.

Durante la Superluna di Neve si potranno distinguere chiaramente anche Venere e Mercurio. Quest’ultimo solitamente è sempre troppo vicino al sole per essere osservato. In questo week-end invece sarà abbastanza lontano dal sole e potrà essere visto.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.