Farmaci per cavalli ad atleti in palestra: allarme doping nel salernitano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Per poter essere più forti, più tonici e pronti a vincere le gare, non avevano scrupoli e prendevano sostanze dopanti pericolosissime. Per fortuna sono arrivati i Nas a scoprire tutto. L’indagine era partita nel maggio del 2016 al termine di una gara ciclistica amatoriale a Carini. Quattro le persone ai domiciliari indicate come capi dell’organizzazione. Che cosa facevano: acquistavano e assumevano ogni tipo di sostanza dopante che potesse aiutarli ad aumentare volume e definizione delle masse muscolari da esibire nelle gare professionistiche di body building, a livello nazionale ed internazionale Prendevano di tutto pur di arrivare al loro scopo, anche sostanze molto pericolose per la salute.

I 25 body builder siciliani sono stati indagati dal sostituto procuratore Giorgia Spiri e dall’aggiunto Sergio Demontis e sono la punta dell’iceberg di un’indagine nata 4 anni fa.  I militari del Nas trovarono positivo al doping il vincitore del trofeo di Mountain bike Baronessa di Carini. In un caso, per raggiungere l’aumento della massa muscolare nel minor tempo possibile, è stato accertato l’utilizzo, da parte di un atleta, del medicinale veterinario Stargate, un farmaco a base di stanozololo normalmente utilizzato per il potenziamento muscolare e scheletrico di cani e gatti. Dopo quasi quattro anni di indagini i carabinieri del Nas di Palermo agli ordini del maggiore Giovanni Trifirò hanno fatto scattare il blitz stamane all’alba.

Per quattro degli indagati, considerati i capi dell’organizzazione, il gip di Palermo Marco Gaeta ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, su richiesta della procura. Si tratta di Cesare Monte di Partinico, Gaspare Aiello di Partinico, Filippo Masucci di Palermo e Francesco Di Rosalia di Cinisi. L’ipotesi di reato è associazione a delinquere finalizzata alla ricettazione, al possesso e al commercio di sostanze dopanti. Altre sedici persone sono indagate a vario titolo per possesso e commercio di sostanze dopanti. Sei indagati devono rispondere anche di esercizio abusivo della professione sanitaria perchè consigliavano terapie mediche e piani nutrizionali, somministrando anche farmaci per curare gli effetti collaterali provocati dalle sostanze dopanti. Il blitz è scattato stamane all’alba con 25 perquisizioni in provincia di Palermo, Salerno, Messina, Enna, Caltanissetta, Trapani, Ragusa, Siracusa e Treviso. I Nas hanno trovato nelle abitazioni decine di confezioni di farmaci considerati doping. Fra questi steroidi anabolizzanti, ormoni della crescita, diuretici prescrivibili solo sotto stretto controllo medico e altre sostanze inserite nell’elenco dei farmaci dopanti.

 

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti la rete di commercio di sostanze dopanti avveniva nelle palestre o nelle associazioni sportive dove si allenavano gli indagati. I quattro capi finiti ai domiciliari utilizzavano come base operativa e di copertura due palestre a Partinico e a Cinisi e un negozio di integratori alimentari del palermitano. I titolari, tutti preparatori atletici, assieme ad un’altra persona, anch’essa preparatore e body builder, avevano creato un business da oltre 300 mila euro all’anno.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.