“Calpestati i nostri diritti”: i candidati del concorsone pronti a scendere in piazza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
I candidati al concorsone sono pronti a scendere in piazza, a Napoli, per vedere riconosciuti i propri diritti. Nella battaglia mediatica che si è scatenata nel corso delle ultime ventiquattro ore tra il Formez, la Regione Campania e i ricorsisti – come scrive il quotidiano “Le Cronache” – gli “unici penalizzati siamo noi che abbiamo partecipato”. Ci sono rabbia e frustrazione nel gruppo di oltre cento candidati al concorsone della Regione Campania sospeso dalla Quinta Sezione del Tar Campaniae. Tra loro, anche molti giovani laureati del Salernitano.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Fann buon voterò con tutti i miei familiari e parenti X De Luca contro tutta la marmaglia politicizzata

  2. L’ENNESIMA SCHIFEZZA AI DANNI DEI DISOCCUPATI…..E NESSUNO PAGHERA’ SE NON GLI STESSI CANDIDATI

  3. Quindi ritieni che il tuo Presidente non abbia colpe?
    E potresti anche elencare le opere straordinarie che ha portato a termine???

  4. La gente che scende in piazza sono le stesse che al concorsone non sapevn manco in che padiglione andare -.-

  5. De Luca ha colpe se quando ha dato l’incarico a Formez il contratto era fatto male, e visto che non sono cadute teste stavolta penso che sia complice con Formez e facciano il gioco delle parti 🙁

  6. Comprendo i candidati ammessi che sono giustamente delusi, tuttavia basta leggere l’ordinanza del Tar per capire che la ripetizione della procedura concorsuale tutela tutti:
    “Il rigoroso rispetto del principio dell’anonimato nei concorsi per l’accesso ai pubblici impieghi – diretto portato del principio costituzionale di uguaglianza nonché specialmente di quelli del buon andamento e dell’imparzialità della pubblica amministrazione – rappresenta garanzia ineludibile di serietà della selezione e dello stesso funzionamento del meccanismo meritocratico (cfr. ex multis Cons. Stato A.P. n. 28 del 20 novembre 2013; Sez. V, n. 1928 del 6 aprile 2010);
    Considerato, quanto al caso di specie, che verosimilmente la prova preselettiva si è svolta in spregio al su richiamato principio, non essendo contestato che:
    – i candidati, in conformità alle indicazioni contenute nelle istruzioni per lo svolgimento della prova preselettiva, hanno apposto sul figlio risposte a lettura ottica e sul cartoncino anagrafico due talloncini identici, contenenti medesimo codice a barre e, immediatamente al di sotto, identico codice numero di sei cifre;
    – i fogli risposte e i cartoncini contenenti i dati anagrafici non sono stati chiusi in busta sigillata e priva di generalità all’esterno dai candidati, come prescritto peraltro dall’art. 14 del D.P.R. 487/94, di talché il predetto codice numerico, facilmente memorizzabile e identificabile, ha finito per svolgere, almeno potenzialmente, funzione di segno di riconoscimento, essendo riconducibile immediatamente all’identità dell’autore dell’elaborato; con ciò venendo meno la garanzia di correzione in forma anonima degli elaborati;

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.