Dramma di Olevano: gravi ma stazionarie le condizioni della mamma

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Restano gravi seppur stazionarie le condizioni di salute di Sonia Bianchi, la 34 enne di Olevano sul Tusciano colpita ieri alle spalle, all’altezza del collo, con un coltello dal marito, con cui era in fase di separazione, Massimo Salvatore, 38 anni che poi si è suicidato. La donna è ricoverata nel reparto di Rianimazione dell’Ospedale Ruggi di Salerno, dove i familiari pregano per la sua vita.

UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA

L’aveva minacciata diverse volte e lei lo aveva denunciato. Sonia Bianchida tempo avevo chiesto aiuto per difendersi dall’ex marito violento. «Era impaurita» dice chi la conosce. La loro storia, finita da qualche mese, aveva reso lui insistente ed anche violento. Per due volte lei era stata dai carabinieri. In una occasione, lui l’aveva aggredita fisicamente e lei, per sentirsi più sicura, si era rifugiata da un’amica.

Ieri pomeriggio Massimo Salvatore ha tentato di ucciderla colpendola con un coltello tra la gola ed il collo. Il tentato omicidio è avvenuto in un locale per la lavorazione dei latticini adiacente alla loro abitazione, nello stesso stabile dove vivono anche genitori della donna.

Sono stati la mamma e lo zio a trovarla insanguinata e a chiedere aiuto al 118. Cosa sia successo è ancora al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Battipaglia, diretti dal tenente Graziano Maddalena. Quando i militari sono arrivati la donna ha avuto solo la forza di dire che era stato l’ex marito.

Lui, nel frattempo, era scappato a bordo della sua auto. Dopo un’ora è stato trovato senza vita in una zona di campagna di Olevano, in un rudere adibito ad abitazione dove lui, da qualche settimana, viveva da solo.

Fidanzati da circa vent’anni e sposati da 10, con due figli di 9 e 4 anni, Sonia Bianchi e Massimo Salvatore, pastore, era conosciuti da tutti ad Olevano. La loro storia era finita, ma lui non lo accettava. Dopo le denunce e dopo l’attivazione del codice rosso, anche i servizi sociali del comune di Olevano sul Tusciano avevano trasmesso una relazione alla Procura per inserire la coppia in un percorso di recupero matrimoniale.

Fonte LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.