Nocera, scambio elettorale politico-mafioso: arrestato esponente clan

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri insieme al personale del reparto territoriale di Nocera Inferiore ha eseguito l’Ordinanza emessa dal Tribunale D.D.A. di Salerno – Sezione Riesame – nei confronti di Antonio Pignataro, in relazione ai reati di associazione mafiosa e scambio elettorale politico-mafioso.

L’organo giudicante ha accolto l’appello proposto dal P.M. della Procura della Repubblica e riformato l’ordinanza emessa dal tribunale di Nocera Inferiore il 29 ottobre del 2019 applicando la misura cautelare dell’obbligo di dimora in un comune collocato fuori dalla Regione Campania nonché quello dell’obbligo di presentazione alla P.G.

Il Tribunale di Salerno aveva emesso nei confronti di Pignataro, il 5 agosto 2017, un provvedimento custodiale inframurario. L’uomo era stato ritenuto capo e promotore del sodalizio, responsabile dei delitti di associazione per delinquere di stampo mafioso nonché voto di scambio politico, mafioso in concorso e tentata violenza privata.

Pignataro era stato al centro del maxi processo per “Un’altra storia”, noto alla cronaca soprattutto per aver commesso gravi crimini legati alla camorra.

Nell’ambito di quel contesto investigativo, sarebbe stato inquadrato come un soggetto già condannato per plurimi omicidi e per il reato di cui all’art. 416 bis del C.P. ed appartenente alla N.C.O. di Cutolo Raffaele, poi transitato nella Nuova Famiglia e quindi riconosciuto esponente di vertice del Clan camorristico Mariniello – Pignataro, attivo in Nocera Inferiore.

All’epoca dell’esecuzione del provvedimento del 2017 Pignataro era già agli arresti domiciliari per scontare la pena detentiva di 30 anni per l’omicidio dell’undicenne Lamberti Simonetta, avvenuto in Cava de’ Tirreni il 29 maggio del 1982. Il bersaglio dei killer, scampato all’agguato, sarebbe stato Alfonso, padre della minore ed allora Procuratore di Sala Consilina, impegnato nelle indagini sulla citata consorteria cutoliana.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.