“La vita degli altri”: ovvero i diritti al tempo delle intercettazioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Chiedo scusa ai lettori se riprendo temi che potrebbero apparire marginali rispetto ai gravi problemi che l’Italia sta vivendo, anche a seguito, ma non esclusivamente, di una serie concomitante di eventi internazionali. Vi è, però, che temi come la riforma della prescrizione o la normativa sulle intercettazioni non hanno solo una valenza giuridica, al più affidata al dibattito tra esperti, ma rappresentano le basi essenziali di una democrazia moderna, che abbia a cuore non solo l’obiettivo di perseguire effettivamente i reati, ma pure quello di salvaguardare lo spazio di libertà di ogni cittadino.

Ho utilizzato il titolo di un bellissimo film del regista tedesco Florian Henckel Donnersmarck, uscito nelle  sale cinematografiche nel 2006, “La vita degli altri”, che racconta di un agente della polizia segreta della Germania dell’Est (per intenderci, quella comunista), che entra nella vita personale di un uomo e di una donna, spiando ogni loro parola e ogni loro passo, anche quello più intimo, fino ad interferire con le loro azioni.

La maggioranza di Governo ha trovato l’intesa sul testo relativo alle intercettazioni, votato su proposta dell’irrefrenabile Ministro della Giustizia. La norma prevede l’utilizzo del trojan, ovvero di quel programma che, inserito in altro programma, apparentemente utile ed innocuo, consente di spiare nella vita di ogni persona, individuandone la localizzazione, attivando videocamere per scattare foto, ricorrendo ad un microfono per registrare tutto ciò che viene detto in un ambiente, anche il più intimo (come la camera da letto). L’intesa è stata trovata con riferimento all’utilizzo delle intercettazioni anche in altri processi ed indagini, diverse da quelle per le quali  il trojan è stato disposto.

Questo emendamento prevede che le intercettazioni non possono essere utilizzate in procedimenti diversi da quelli per i quali sono state autorizzate, salvo che risultino indispensabili e rilevanti per l’accertamento dei delitti per i quali è obbligatorio l’arresto in flagranza o per reati molto gravi come lo spaccio di sostanze stupefacenti, il contrabbando, la pedopornografia, l’ usura.

Si è detto che la disciplina sulle intercettazioni e il conseguente emendamento ha inteso recepire le indicazioni provenienti dalla sentenza della Cassazione Penale  a Sezioni Unite del 2 gennaio 2020, n. 51, che, in relazione al divieto di cui all’art. 270 codice di procedura penale, riguardante l’utilizzo delle intercettazioni in procedimenti diversi da quelli per i quali le stesse erano state disposte, ha evidenziato che il divieto non opera per quei reati collegati, che non rientrano nel catalogo di cui all’art. 266 codice procedura penale (la Corte non ha, però, compiutamente scrutinato la nuova formulazione della norma, come innovata con la L. 9.1.2019, n. 3). Questa sentenza, per altro, è stata attinta da varie critiche da parte di autorevoli studiosi del processo penale, tanto da evidenziare come la stessa Corte, in altre decisioni, avesse, invece, ristretto l’ambito di utilizzo delle intercettazioni e la loro stessa diffusione mediatica.

L’emendamento, in sostanza, non prevedendo tassativamente il limite dell’utilizzo di un mezzo  così invasivo, come le intercettazioni ambientali connesse al trojan, ha sostanzialmente  affidato alla  discrezionalità del Pubblico Ministero l’uso delle stesse per altre indagini o processi.

Ciò è dato evincere proprio dall’ assenza di un catalogo specifico, posto che la norma riferendosi in modo generico  “a reati molto gravi” aggiungendo “come lo spaccio di sostanze stupefacenti, il contrabbando, la pedopornografia, l’ usura.”. finisce per ricorrere ad una elencazione esemplificativa, così lasciando, nuovamente, ed in contrasto con la stessa giurisprudenza, un’ampia  libertà ad un utilizzo, a volte apparso improprio, delle intercettazioni.

Il cittadino incolpevole si troverà esposto ormai all’invasivo e indiscriminato utilizzo di intercettazioni e alla loro conseguente pubblicazione, e tanto, in uno agli altri mezzi invasivi della sfera di libertà personale, non potrà che realizzare il sogno di questa inconsapevole “classe”  di governo, che intende entrare nella “vita degli altri”.

Giuseppe Fauceglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Mi pare la vecchia storia del conto corrente: “entreranno nei conti correnti”, che paura. Nel mio se ci lasciano una cosa di soldi quando entrano mi fanno un piacere. Quanto al resto, che guardassero quello che gli pare, non ho nulla da temere. L’importante è, a mio parere, che il trojan non possa MANIPOLARE il mio computer, inserendo cose che non sono state inserite da me, e rendendomi incolpabile di reato.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.