Coronavirus, oltre 100 casi in Italia. Ecco le città coinvolte

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Sale vertiginosamente la stima dei contagi in Italia che, stando agli ultimi aggiornamenti, sfonda quota 100 con ben 89 episodi accertati in Lombardia. L’ultimo caso reso noto è quello di uno studente 17enne, residente in Valtellina ma che studia all’istituto agrario di Codogno, risultato positivo al test del coronavirus.

Venerdì sera, il ragazzo ha iniziato ad avere febbre molto alta manifestando sintomi sospetti, ragion per cui è stato sottoposto a tampone presso l’ospedale di Sondrio. Subito dopo l’esito degli esami è stato messo in isolamento.

I casi di contagio aumentano: 89 episodi in Lombardia
A riferirlo è il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana, che intervenendo in uno speciale a Radio Rai 1 ha fatto il punto della situazione: “Nella notte sono saliti a 89 i casi di cittadini lombardi risultati positivi ai controlli del Coronavirus. E’ quindi quantomai necessario porre in essere misure ancora più stringenti e rigorose. I lombardi stanno dimostrando un grandissimo senso civico e senza isterismi si stanno adeguando a questa situazione”.

In un messaggio postato su Facebook, poi, Fontana invita la popolazione a collaborare rispettando le direttive ministeriali.

“Cari lombardi in queste ore stiamo affrontando una situazione di grande difficoltà. – scrive -Occorre non farsi prendere dal panico, tenere i nervi saldi ed essere pragmatici, come noi lombardi sappiamo essere. Chiedo ai cittadini delle zone interessate dal focolaio del Coronavirus – prosegue – a cui va il mio abbraccio sincero, la massima collaborazione nell’osservare l’ordinanza che ieri ho emanato con il ministro Speranza. Prevenzione, organizzazione e tempestività sono, in questa situazione, fattori chiave per la tutela della salute pubblica”.

Nonostante Fontana inviti la popolazione alla calma, si dice molto preoccupato per la rapida evoluzione della pandemia. “Onestamente sono abbastanza preoccupato, ma sono fiducioso che si supererà questa situazione – dichiara in un’intervista al Corriere della Sera – Onestamente sono abbastanza preoccupato, ma sono fiducioso che si supererà questa situazione.

“C’è il rischio che si possa diffondere il panico, noi stiamo lavorando per arginarlo. Ma guardiamo la realtà: il contagio si sta sviluppando a una velocità assolutamente imprevista, a un ritmo che nessun medico s’immaginava. E’ arrivato il momento di fare delle scelte. Abbiamo presentato al governo una serie di proposte, con un piano d’azione modulato su diversi scenari da applicare sui vari territori in base alla gravità della situazione – spiega Fontana -.

La decisione del Consiglio dei ministri va nella direzione di misure abbastanza rigorose per fermare l’epidemia a ogni costo, come suggerito da tutti i tecnici. Attendo di leggere il decreto, ma sono soddisfatto di questa impostazione. E, aggiungo, mi scuso già con i cittadini per i disagi che dovranno sopportare. Ma bisogna capire che alcuni sacrifici personali possono fare il bene di tutta la comunità”.

L’appello del sindaco Sala
“Vista la decisione delle università e capendo che si tratta di una situazione diversa, rimane il fatto che anche a livello prudenziale penso che le scuole vadano chiuse a Milano. Proporrò al presidente della Regione di allargare l’intervento a livello di Città Metropolitana. Vista anche che è la settimana del Carnevale, proporrò di chiuderle già da lunedì”. Lo ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala nel corso di una conferenza stampa in Prefettura a Milano sul tema dell’epidemia del covid 19. “Una settimana, ritengo sia sufficiente”, ha aggiunto.

Nuovi casi a Torino
Due nuovi casi di contagio di coronavirus a Torino. Si tratta dei genitori di una bimba visitata ieri al Regina Margherita. I due che risiedono nel Torinese e che non manifestano sintomi ma sono stati sottoposti a test a seguito di un colloquio con i sanitari, non sono stati ricoverati, ma resteranno in isolamento nella loro abitazione.

A quanto apprende l’Adnkronos, avrebbero avuto contatti con una famiglia di Codogno, comune del basso lodigiano indicato come uno dei comuni focolai del virus. Non ci sarebbero, quindi, collegamenti con il manager di una multinazionale lombarda, residente a Torino e ricoverato in ospedale. Le condizioni di quest’ultimo, si apprende dai sanitari, non destano particolari preoccupazioni.

Primi contagi anche a Venezia
Il coronavirus è arrivato a Venezia: ci sono i primi due contagiati nella città veneta, in cui in questi giorni si tengono i festeggiamenti di Carnevale. Le due persone contagiate sono anziane e ora sono in terapia intensiva.

I numeri dell’epidemia: Italia al quarto posto nel mondo
La rapida diffusione del contagio porta l’Italia al quarto posto nella classifica mondiale dei contagiati, a ridosso del terzo posto occupato dal Giappone. 1) Cina 77579 2) Corea del Sud 556 3) Giappone 135 4) Italia 115 5) Singapore 85 6) Hong Kong 70 7) Thailandia 35 8) Usa 35 9) Iran 28 10) Taiwan 28

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.