Giovani e agricoltura, il futuro è green (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Con il proposito di far fruttare i grandi spazi incolti abbandonati negli ultimi anni e allargare uno dei pochi settori a forte presenza giovanile in Italia, ovvero l’agricoltura, l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo mette in vendita 10mila ettari da coltivare per gli under 40. Sono 3,5 milioni di ettari di terreni inattivi che potrebbero essere riconvertiti a pascoli o coltivazioni.

I terreni abbondonati messi in vendita dall’Ismea sono 386, di cui il 68% si trova tra Sicilia, Puglia e Basilicata; mentre altri 10mila ettari sono poi sparsi tra Umbria, Toscana, Emilia, Veneto, Lombardia, Liguria. Gli under 40 li potranno pagare in 30 anni con rate semestrali o annuali.

Si tratta di un’agevolazione che si somma ad altre introdotte negli scorsi mesi sul tema agricolo, come quella contemplata nell’ultima legge di bilancio relativa all’esonero dal versamento del 100% dell’accredito contributivo presso l’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti. Sul sito della Banca nazionale delle terre agricole si potranno valutare le caratteristiche degli appezzamenti e entro giugno andranno presentate le offerte.

Far tornare a girare le economie rurali locali, ridurre lo spreco dei troppi ettari coltivabili, ma incolti, sparsi per il Paese e favorire il ricambio generazionale in agricoltura, rappresentano i tre scopi ispiratori della azione posta in essere dall’Istituto.

Il ritorno dei giovani alla terra ed il loro cimento sono fondamentali, anche in funzione di un enorme patrimonio di qualità e valori che l’Italia, nonostante alcune difficoltà, ancora possiede ed esprime nel comparto agroalimentare.

A livello istituzionale, dunque, si sta compiendo un ulteriore sforzo affinché in tale segmento si ravvivi un circolo virtuoso, e iniziative come quella promossa dall’Ismea, che vanno ad aggiungersi ad altre già messe in campo dalla UE, stanno producendo buoni frutti. Secondo Coldiretti, in Europa siamo primi per numero di giovani occupati in agricoltura.

Offrire questa chance ai ragazzi ed ai millennial in particolare vuol dire, altresì, fronteggiare in modo intelligente e concreto il problema occupazionale, in un settore che torna ad esercitare un certo appeal proprio verso le nuove generazioni e, al contempo, significa investire risorse ed attenzioni ai temi della sostenibilità in una contingenza assai preoccupante sul versante dell’ambiente e del cambiamento climatico.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.