Coronavirus: scuole e Università chiuse in tutta la Campania fino al 1°marzo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
15
Stampa
Tre giorni di chiusura straordinaria delle scuole della Campania di ogni ordine e grado. Il presidente della Regione sta firmando in questi minuti un’ordinanza di chiusura degli istituti scolastici in tutta la Campania. La decisione arriva a seguito della notizia di due possibili casi positivi al Coronavirus proprio nella Regione.

Relativamente a questi due casi si attendono ancora i risultati ufficiali dello Spallanzani. La chiusura delle scuole è prevista per consentire una disinfezione straordinaria di tutti gli istituti campani. Gli studenti dovrebbero quindi ritornare tra i banchi direttamente Lunedì 2 Marzo.

I PUNTI FOCALI DELL’ORDINANZA REGIONALE

RITENUTO di dover realizzare azioni di sanificazione ambientale e di garantire nella misura maggiore possibile le sedi di maggiore frequenza da parte di giovani del nostro territorio;

RITENUTO che la situazione imponga l’adozione di misure precauzionali a tutela della Sanità pubblica;

ORDINA con riferimento all’intero territorio regionale con ordinanza fino a tutto il 1 marzo 2020, la sospensione dei servizi educativi dell’infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore ed universitaria, salve le attività formative svolte a distanza, al fine di consentire, a cura dei soggetti competenti, la realizzazione di un programma di disinfezione straordinaria dei locali sedi di attività didattiche e formative delle scuole, istituti di formazione ed Università.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

15 COMMENTI

  1. Che cambia la chiusura soltanto delle scuole , deve fermare tutto e la gente deve capire che la prevenzione serve

  2. Che assurdità…. li teniamo in una campana di vetro o sottovuoto?o non li facciamo giocare fra di loro?

  3. La regione del ridicolo, ci sono regioni con veri contagiati e non hanno emesso nessuna ordinanza di chiusura scuole, noi invece senza contagiati si. Che ignoranti, basta un niente per non lavorare

  4. Sono dei farabutti, ci stanno distruggendo gli insegnanti già hanno tanta voglia di lavorare e noi non sappiamo come fare, non si riesce a capire che se si fermano le scuole si crea un danno immenso anche a tutto perché i genitori sono costretti a stare a casa. Che schifo che Italia governata da incompetenti come se poi lunedì 2 marzo il problema è risolto. La disinfestazione la si può fare anche alla chiusura delle lezioni venerdì. È solo che è meglio stare a casa a grattarsi il lavoro pesa.

  5. Prima dicono di non creare allarmismo e poi i loro comportamenti e le loro azioni amministrative non fanno altro che creare ansia, preoccupazioni e problemi.
    Mancanza di coerenza in ogni loro comportamento perché incompetenti.
    Certo che siamo amministrati in maniera eccezzzzzzzzionale.
    Basta con favoritismi a figli ed appartenenti alla casta.

  6. Lei non ha la minima idea del contagio che potrebbe avvenire in un nido o in una scuola dell’infanzia…spieghi lei ad un bambino di pochi anni di non mettere un bocca il gioco che,prima, aveva in bocca un altro bambino….dica lei ad un bambino di pochi anni di starnutire nel gomito, di non toccarsi occhi, naso e bocca….purtroppo lei non ha la più pallida idea…questa si chiama prevenzione….

  7. Non facciamo gli esperti tuttologi. I primi sarebbero stati i genitori a non mandare i propri figli a scuola. Meglio prevenire che curare. Io rimango in contatto con i miei studenti e faccio “lezione” per via telematica.

  8. Si evidenzia anche da questi commenti che il fascista, da perfetto ignorante qual è, oltre a tanti gravi difetti, possiede pure quello della più eccelsa presunzione, mettendo becco su tutto, dal basso della propria posizione di tuttologo della beata minchia.

  9. Io sono di destra ed ho risposto a Teutonico con il commento delle 08:26…Cosa c’entra ora l’orientamento politico…mah!!! Ah dimenticavo i comunisti sono un pozzo di scienza….A faccia mia sotto i pier vuostr….Ma statt a cas!!!!

  10. Pulire finalmente le scuole scaricando la responsabilità sul virus. Ci sarà tanto da fare. Stato, Regione, Province, Comuni. Orsù! Tutti a lavarsi le mani!

  11. State esagerando e creando inutile allarmismo. Ormai la gente ha paura della quarantena a caso, piu’ del virus stesso.
    Controllate chi e’ stato in cina negli ultimi 3 mesi, o che ha avuto familiari stretti che vivono sotto lo stesso tetto in cina, e a tali persone esclusivamente chiedere di non andare a scuola, lavoro etc. Il blocco totale e’ inutile, non necessario e ottiene solo due risultati: Sfaticati che trovano la scusa per starsene a casa e non lavorare, e crollo consequente di tutte i business, borse etc.
    Poi i giornalisti non dovrebbero parlare di possibili casi o quant altro, ma solo comunicare i contagiati confermati dal centro sanita’ di roma, dopo appropriati test.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.