“Uno vale uno”: la lotta alle competenze e le paure di una società fragile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
L’insorgere della crisi provocata dalla diffusione del coronavirus e le sue conseguenze sulla vita di ogni giorno, mi induce a svolgere alcune  riflessioni stimolate dalle più disparate e bizzarre opinioni che ho letto sui social.

Il  successo di movimenti, che hanno avuto come principale ispirazione l’attacco all’élite culturale e alle competenze professionali, è stato ispirato dalla tesi secondo cui “uno vale uno”: l’inconsapevole navigatore su internet ha le stesse competenze scientifiche di un virologo di fama, oppure una semplice ragioniera (mi perdonino i ragionieri veri, quelli cioè che si dedicano con impegno e competenza all’esercizio della loro professione) divenuta per caso vice ministro, ha la stessa competenza di un ministro quasi premio Nobel per l’economia (come Padovan).

L’ordalia della ignoranza ha così finito per distruggere il valore della competenza professionale. Per averne contezza è sufficiente esaminare la composizione del Parlamento e finanche dello stesso Governo.

In questo contesto, ognuno si è ritenuto capace di intervenire sui temi più delicati e sensibili, formulando giudizi avventati e, a volte, sprovvisti di ogni fondatezza, come nel caso dei Novax o dei terrapiattisti (alcuni di questi sono addirittura stati nominati sottosegretari di Sato),  rafforzando una vera e propria ideologia  antiscientifica.

Il vero problema, però, non è l’insorgere di tali fenomeni, ma il fatto che addirittura un’intera classe politica è stata costruita su questa vera e propria deriva anti-moderna, nell’altrettanto errata considerazione che il politico debba dare voce agli istinti del “popolo”.

Io, invece, ritengo che un politico debba prescindere dalla “pancia” degli elettori e dalla manifestazione scomposta del mero impulso sociale, cercando, invece, di razionalizzare i “bisogni”  e le “esigenze vere”, offrendo una soluzione. Non voglio che un politico sia uguale a me, pretendo e desidero sempre che sia migliore.

Bisogna riconoscere che questa situazione è il  frutto della selezione della classe dirigente negli ultimi decenni, avvenuta o nelle camere da letto o nei mercati degli scambi economici e degli interessi.

In tal modo,  con il diffondersi dell’ epidemia sono improvvisamente spuntati come funghi dopo la pioggia, esperti in virus e bacilli di ogni tipo, in politiche di contenimento dei rischi da contagio, nonchè veri e propri geni dell’ organizzazione delle strutture sanitarie di emergenza. Ed su questa strada si è oggettivamente collocato (come avrebbe potuto essere diversamente !!) il Governo, anche dopo gli avvertimenti di scienziati di chiara fama.

Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti: il ritardo nell’assumere  provvedimenti adeguati (come nei primi giorni, il controllo anche dei voli indiretti dalla Cina) e, in seguito, l’adozione di rimedi tardivi, pletorici ed inutili, hanno contribuito a creare  un clima di paura in cui è stato inseguito lo spettro dell’untore invisibile.

E’  una paura antica che trasuda da una società immersa nell’ignoranza a fronte dell’impotenza verso l’ignoto e l’incomprensibile, e non una paura, che potrebbe definirsi moderna, ovvero frutto della razionalità e della consapevolezza dei progressi fatti dalla medicina e dall’impegno scientifico per debellare il male.

E’ evidente che quella paura antica resta il risultato del veleno iniettato nell’ultimo decennio nelle vene degli italiani, delle crescenti aspettative pur in assenza di conoscenza, della violenta diffidenza verso le competenze professionali e scientifiche  Il risultato è  la caccia all’untore, le aggressioni (per fortuna limitate) ai cinesi presenti nel nostro Paese, le isterie collettive con l’assalto ai supermercati. Voglio sperare, allora, che questa emergenza possa rappresentare l’occasione per dare maggiore fiducia alla scienza, alla medicina e alle competenze vere.

Giuseppe Fauceglia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Gli idealisti che parlavano dell’uno che vale uno (a scanso di equivoci, segnalo di non esserne mai stato sostenitore) sono arrivati a dirlo proprio perché a molti sembrava (“da decenni”) che la classe dirigente, messa su nella maniera da lei indicata o peggio, facesse altri interessi e non quello delle persone comuni, molte delle quali, causa crisi -e non demerito- sono finite a spasso in massa (la “generazione perduta” di Mario Monti, che non possiamo accusare di essere “populista”). Era abbastanza ovvio che qualcuno raccogliesse lo scontento di queste persone, che costituivano un elettorato disomogeneo e non sempre comodamente analfabeta come più volte è stato dipinto (da me per primo, chiariamoci). Anche per me il focus dovrebbe essere la società con i suoi bisogni, se non fosse che non si vede una sola forza politica, partito, gruppo o movimento, che non voglia usare la propaganda dei “bisogni della società” per il proprio tornaconto.

  2. Al governo dovrebbe stare la tizia occhialuta del tunnel dei neutrini fra il Gran Sasso e la Svizzera (opera del governo Berlusconi per sua stessa affermazione) e tutti gli altri diversamente competenti suoi sodali.

  3. io credo che ereditiamo un paese che per anni, tra mani pulite e vari scandali, ha inteso la politica come proprio tornaconto, ed è per questo, che poi certi movimenti apparentemente disomogenei sono sorti. La cosa più ridicola che la vecchia classe politica, anziché cercare di capire il nuovo che avanza, si aggrappa a vecchi privilegi come il mantenimento dei vitalizi ed il no alla riduzione dei parlamentari (referendum) che sono per il canto del cigno morente, di questa vecchia classe politica, che caro Prof. Fauceglia con i bisogni della gente non ha nulla a che fare. Poco conta che poi, tecnicamente ne capiscano più di quelli attuali

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.