Milano – Salerno: viaggio da incubo sull’Intercity 797. Il racconto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa
“Siamo partite da Milano Porta Garibaldi ieri sera alle 23 e 20 e tutta la notte è passata tranquilla. Verso le 6 di mattina siamo arrivate a Roma e sono “iniziati i problemi”: la stragrande maggioranza dei passeggeri a bordo del treno è scesa lì, e, a onor del vero, non abbiamo visto i sanitari della protezione civile e gli agenti di polizia sul binario così come, invece, ci sono stati per le altre fermate. Probabilmente li avranno controllati all’uscita.” racconta la ragazza, equipaggiata di mascherina e guanti.

“Poco dopo esser ripartiti, ci hanno tenuti fermi a Falciani per due ore, hanno detto per un problema tecnico, abbiamo poi capito che non era quello il reale motivo… infatti, dopo esser ripartiti ci siamo fermati nuovamente a Cancello. Lì sono saliti i poliziotti per fare i controlli. Hanno chiesto generalità, carta d’identità e numero di telefono ad ognuno di noi e alla fine siamo ripartiti. Arrivati finalmente a Salerno ci siamo sottoposti ai reali controlli sanitari da parte dei operatori in tuta bianca che hanno misurato la temperatura e saturimentro. Per tutto il tragitto e per ogni fermata è stata aperta sempre e solo una porta del convoglio.” fa sapere la giovane passeggera.

“Il nostro era un viaggio già programmato. Venivamo, tra l’altro, già da due settimane di auto quarantena a Milano e, ancor prima del decreto, avevamo organizzato una casa isolata in Calabria pronta per accoglierci per due settimane. Non stiamo scendendo da incoscienti. A fronte di un treno completamente pieno siamo arrivati a Salerno una decina. Tanta stanchezza.” conclude la ragazza.

E’ il racconto di quattro ragazze che hanno viaggiato a bordo dell’Intercity 797 partito ieri da Milano e giunto a Salerno con 5 ore di ritardo. Un viaggio da incubo su un treno che ha ospitato tante persone letteralmente in fuga da Milano dopo la diffusione delle prime notizie circa la chiusura della Lombardia per il coronavirus. Il racconto è stato pubblicato sul sito Ottopagine. Il viaggio delle quattro ragazze calabresi, due studentesse e due che lavorano nel mondo scolastico che hanno fatto tappa a Salerno prima di proseguire il loro viaggio verso la Calabria è stato un vero e proprio incubo.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. La prossima volta ci pensate prima di scendere. Dovevate restare a casa su, al nord.

  2. Io vi avrei rispedito indietro. Altro che viaggio già organizzato e casa isolata… E speriamo solo che tutta questa vostra incoscienza non porti ad avere altri focolai del virus anche qui da noi. Fossi io al governo vi manderei tutti in carcere.

  3. Vi dovevate stare a casa. Se non siete incoscienti allora cosa siete? Per me deficienti

  4. Me lo volete di a me che ci sto rimettendo 500 euro di voli? E le compagnie aeree non rimborsano neanche perchè ti rispondono che i voli non sono cancellati.

  5. Tutti commenti idioti, egoisti, razzisti. Non esistono più la solidarietà e la comprensione. Si ragiona solo accecati dall’odio e dalla ignoranza, senza pensare che la vita è una ruota…

  6. IO VORREI SAPERE CHI HA DATO L’ORDINE ALLA STAZIONE DI FAR PARTIRE UN TRENO STRACOLMO DI PERSONE (molte di loro anche senza biglietto) QUANDO POI LE NORME DI SICUREZZA NON PREVEDONO ASSEMBRAMENTI DI PERSONE IN SPAZI CHIUSI E CON DISTANZA DI ALMENO UN METRO TRA DI LORO

  7. Ivano fatti curare , tu sei talmente tanto demente che nn hai capito cosa sta succedendo

  8. Non si tratta di essere intolleranti, semplicemente riesce difficile capire il perchè del viaggio che ha come scopo o l’incontrare i propri parenti o Al meglio rimanere isolati in un posto. La mente umana è strana….

  9. Che spettacolo deprimente … l’hanno visto in tutto il mondo ..gente che fuggiva… un pò di incoscienza un pò di ignoranza un pò di egoismo un pò di menefreghismo…. e poi le vacanze pasquali sono vicine, se bloccano fino al 3 aprile poi se si scende si finisce in autoisolamento e si rovina la Pasquetta perciò meglio scendere adesso farsi forse una autoquarantena e godersi poi le vacanze pasquali magari già programmate eeeeeh

  10. per ivano.. non é una questione di razzismo o di egoismo, forse non ti é chiaro che il problema più serio potrebbe essere la saturazione dei posti negli ospedali nei reparti di terapia intensiva. ciò significa che non tutti potranno essere curati in maniera adeguata e mi riferisco anche ad altre patologie, questo si chiama senso civico, finiamola con sto xazzo di perbenismo da tastiera e inizamo a rifletrere.

  11. Ivano, chi viola le regole non è meritevole di solidarietà, anzi, siccome è contrario alla legge il sup comportamento va perseguito. Bisogna chiudersi in casa ed evitare di frequentare persone deboli e posti dove il virus non è arrivato. Ci vuole la galera per chi viola le regole, nessuna comprensione né giustificazione.

  12. Tutta colpa delle ong che gestiscono il traffico degli esseri padani…basta con questi treni e autobustaxi di terra che traghettano sti migranti padani, chiudiamo i confini…vanno tutti al sud e sono palestrati con lo smarthphone in tasca…magari vogliono pure i 35 euro! Difendiamo i confini, ci vogliono quelli di alba dorata come in grecia contro questi lombardi, veneti, piemontesi, ecc…spariamo ai treni e ai bus guidati da questi autisti-scafisti voluti da soros…ci rivorrebbe Mussolini, anzi no, quello sarebbe già fuggito in svizzera…

  13. Non c’è incomprensione nel capire che più c’è superficialità in una emergenza e più il popolo avrà problemi ,mai il problema vero sono tutte le persone anziani e disabili con poche difese immunitarie ,poi si pretende che l’ospedale o i medici facciano qualcosa.no ho questa è mancanza cultura e responsabilità .bisogna fare il sacrificio e rinunciare le abitudini quotidiane x il momento

  14. Tutti di cuore grandi empatici spiegatemi un po’ se un essere umano di Salerno si trova in Lombardia deve restarci.Fatelo tornare a casa dove come e’ giusto resterà in quarantena.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.