Il Premier Conte: “Tutta l’Italia sarà «zona rossa», urgono misure stringenti”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
10
Stampa
“Tutta Italia sarà zona protetta”. Non più zona rossa, verde o gialla. Tutti gli spostamenti sono vietati se non per comprovate necessità, in tutta Italia come fino a oggi in Lombardia e nelle 14 province. Lo ha annunciato il premier Conte in una conferenza stampa a Palazzo Chigi, confermando quanto preannunciato il ministro per i Rapporti con le Regioni, Francesco Boccia, parlando di “progressiva omogenizzazione delle regole su tutto il territorio nazionale”. [CLICCA QUI E LEGGI IL NUOVO DPCM]

Il premier si presenta in sala stampa da solo per quello che è senza dubbio l’annuncio più drammatico della sua esperienza di governo: “Abbiamo adottato una nuova decisione che si basa su un presupposto: tempo non ce n’è”, scandisce.

“I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva e subintensiva e ahimè anche delle persone decedute. La nostre abitudini quindi vanno cambiate. Vanno cambiate ora. Ho deciso di adottare subito misure ancora più stringenti, più forti”.

Il provvedimento è quello atteso e ormai ritenuto inevitabile: “Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare come ‘io resto a casa‘. Non ci sarà più una zona rossa nella penisola. Ci sarà l’italia zona protetta”, aggiunge. «Non c’è più tempo. Ognuno deve rinunciare a qualcosa per il bene del Paese».

“Spostamenti vietati se non per comprovate necessità”

Come già oggi in Lombardia e nelle 14 province del nord, gli spostamenti delle persone sono vietati se non per comprovati motivi di salute, di necessità o di lavoro. “Sono pienamente consapevole della gravità e della responsabilità”, spiega Conte. “Non possiamo permetterci di abbassare la guardia. E’ il momento della responsabilità e tutti l’abbiamo.

Voi cittadini tutti con me. La decisione giusta oggi è di restare a casa. Il futuro nostro è nelle nostre mani”, aggiunge.

“Non è all’ordine del giorno una limitazione dei trasporti pubblici, per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare”, precisa il premier. Sarà possibile “l’autocertificazione” per la giustificazione degli spostamenti, “ma se ci fosse una autocertificazione non veritiera ci sarebbe un reato”, precisa.

Le nuove misure, che saranno stasera in Gazzetta Ufficiale e diventeranno operative da domattina, e di cui il premier ha informato il Quirinale e le opposizioni, riguardano anche scuole e manifestazioni sportive: in tutta Italia gli istituti rimarranno chiusi fino al 3 aprile. Gli eventi sportivi non proseguiranno, si ferma quindi anche il campionato di Serie A. “Aggiungiamo anche il divieto degli assembramenti all’aperto e in locali aperti al pubblico”, ha detto il presidente del Consiglio. In tutta Italia, bar e ristoranti chiuderanno alle 18.

Italia, oggi 1598 nuovi contagiati

Parte dai guariti il capo della protezione civile, Angelo Borrelli, nel suo punto quotidiano sull’emergenza coronavirus in Italia: sono 724, 102 in più di ieri. Poi il conteggio dei morti: sono 463, 97 in più di ieri. Con la divisione per fasce di età: 1% da 50 a 59 anni; 10% da 60 a 69; 31% da 70 a 79; 44% da 80 a 89; 14% ultra novantenni. Infine i malati, che sono 7.985, con un incremento di 1.598 persone rispetto a ieri.

Il commissario ha poi fatto sapere che sono state consegnate in tutto il paese circa un milione di mascherine protettive, centomila delle quali sono state fornite agli impianti penitenziari. “Da domani distribuiremo 100 mila mascherine negli istituti penitenziari, dove sono state montate 80 tende di pre-triage” per lo screening del coronavirus.

Boccia: “Chiusi tutti gli impianti sciistici”

Poco prima il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia, presente alla conferenza stampa, ha annunciato: ” Il governo sta lavorando ad una ‘progressiva omogenizzazione delle regole su tutto il territorio nazionale”.

Boccia ha precisato che oltre alle regole si sta lavorando anche con le regioni per “prescrizioni e disciplina” omogenee su tutto il territorio nazionale, operazione che verrà fatta anche attraverso il confronto politico. Il ministro ha anche annunciato la chiusura degli impianti sciistici da martedì.

Il ministro ha sottolineato che c’è pieno accordo, in merito a questa decisione, da parte di tutti i presidenti delle Regioni e delle Province autonome, oltre che di Anci e Upi, che hanno costituito un tavolo permanente che si riunisce ogni giorno – attraverso collegamenti video – nella sede del Dipartimento della Protezione civile. Boccia ha anche stigmatizzato la speculazione fatta da alcuni gestori di impianti sciistici, citando in particolare l’area dell’Abetone.

Lombardia centro del contagio, Roma osservata speciale

Quanto ai malati in terapia intensiva, ha specificato Borrelli, sono 733, 83 in più rispetto a ieri. Di questi 440 sono in Lombardia, che ha avuto un incremento in un giorno di 41 casi. Sono invece 4.316 i malati con sintomi ricoverati e 2.936 quelli in isolamento domiciliare.

“Oggi è proseguita l’attività di raccordo con le regioni per la strumentazione necessaria, e abbiamo avviato la consegna di 325 ventilatori respiratori per le terapia intensive e subintensive, la distribuzione parte con la Lombardia”, ha aggiunto Borrelli. “L’età media dei pazienti in terapia intensiva, ricoverati in condizioni critiche, è molto elevata in Italia”, ha osservato il capo dipartimento malattie infettive dell’Iss, Gianni Rezza. Sono 463 le vittime italiane per il coronavirus.

“Se stratifichiamo per età i tassi di letalità” in Italia “vediamo che sono più bassi di quelli della Cina. È possibile poi che, dal momento che si vanno a tamponare le persone sintomatiche – aggiunge l’esperto – si restringe il denominatore alle persone con sintomi o ospedalizzate, e dunque il tasso di letalità della malattia sembra più alto di quello che è”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

10 COMMENTI

  1. Forse si è scordato di pensare ai liberi professionisti aziende, locali ed attività commerciali….non ha assolutamente pensato ed affrontato come queste ultime possano andare avanti in questa situazione senza alcun supporto dello stato

  2. O i soldi o la salute. Pure i cinesi che sono assassini sui soldi lo hanno capito prima di noi. Cmq credo che bisogna informarsi con le associazioni di Confcommercio o similari.

  3. Cioè siamo prigionieri in casa? Questa è dittatura, loro si potranno muovere io invece dovrò giustificare cosa? La loro incapacità, come faremo a lavorare è uno schifo, hanno dormito fino ad ieri ed ora c’è il coprifuoco 24 ore su 24 dittatura e ‘

  4. Un governo di abusivi non potranno mai essere di aiuto agli Italiani, la poltrona che occupano non è guadagnata. Via per sempre i comunisti.

  5. Ancora che vi lamentate e tirate calci? Cosa deve succedere per farvi capire che la situazione è gravissima? Siamo al cospetto di una possibile pandemia. Restiamo tutti a casa, stringiamo i denti, e speriamo di cavarcela. Ma se le cose andranno male, prima di prendermela con i politici, con i “comunisti” (ma quali? Ma dove?), me la prenderò con i miei concittadini, colleghi ed ex amici che ancora adesso ostentano menefreghismo, scetticismo e stupido fatalismo.

  6. Se hai bisogno di trattamenti non andare in ospedale il personale e impegnato u cose più serie,rivolgiti ad una comunità di recupero

  7. Matteo, Anonimo e sciacalli: siete tre pecoroni che ancora non vogliono capire. Per quale motivo la situazione sarebbe grave??? per 400 morti? e i 13500 MORTI per la STESSA patologia (polmonite) ogni anno negli anni passati???
    Ma ci arrivate a capire che 400 è decine di volte minore di 13500?!?!!?? ancora che state a credere che sia grave questa situazione?? e allora, perchè non era grave quando morivano 13500???
    Per vostra conoscenza, sappiate che c’è un’esercitazione Nato in atto, potete controllare sul sito ufficiale, così come potete cntrollare pure la mortalità sul sito istat, pecore che non siete altro.
    Prima di rispondere con le solite balle andate a controllare, grazie.

  8. Più di tanto non si poteva fare, spetta ora ai cittadini rispettare le disposizioni che alla fine si traducono in solo buon senso, piccoli sacrifici e rispetto per la comunità.
    Per i soliti sciacalli, che non mancano di mostrarsi ancora più abietti in situazioni come queste ed a cui non c’è corona virus in grado di riportarli nel mondo degli esseri pensanti: Il Governo sta già stanziando diversi miliardi per fare fronte ai disagi alla piccola e media impresa e si sta muovendo per chiedere ulteriore deficit all’Europa.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.