“Non arrendiamoci alla paura”: lettera-appello dell’infettivologo Greco

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa
Ha rivolto, attraverso una lettera, un appello a tutti gli ospedalieri e ai cittadini salernitani. L’infettivologo Luigi Greco – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – ha chiesto innanzitutto ai suoi  colleghi medici di “ridurre ai nostri pazienti con covid, pur resi consapevoli dei potenziali rischi, il carico di paura. L’80 per cento dei contagiati guarisce, senza bisogno di ospedale. La comunità deve sapere che oggi il panico e la paura sono i migliori alleati del coronavirus. Nei momenti di epidemie ce l’abbiamo sempre fatta e ce la faremo ancora oggi».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. Io conosco bene questo medico…Mi ha curato e dico che è superficiale e incapace e senza umanità…!!! Il giuramento di Ippocrate manco sa cosa è…!!!

  2. Lo conoscono tutti al Ruggi…Medico permaloso,scorbutico con poca capacità…Un incubo aver avuto a che fare con questa persona…!!! Mi dispiace ma purtroppo è la verità…Non sono l’unica persona ad aver avuto una brutta esperienza con questo medico…!!! Informatevi e appurerete che quello che dico è la verità ..!!!

  3. A me non sembra che siamo nel panico altrimenti non avremmo ancora comportamenti poco responsabili…. Il dr. è un grande professionista ma non è il caso di sdrammatizzare…. Le immagini del nord che spero tutti abbiate visto di chiese piene di bare in file… Potete cercarle in rete…. E io ne ho conferme da conoscenti di quelle zone che descrivono il tutto…. Non certo non devono farci riflettere al di là dei mille pareri di esperti….

  4. Mi unisco ad Anna nell’invitare a cercare sul web le file di bare nere, anonime e pronte nelle immediate vicinanze degli ospedali Emiliani e Lombardi.
    Bare che devono essere disponibili nell’immediato per contenere i corpi infetti di chi non ce l’ha fatta, da seppellire immediatamente e senza neanche una cerimonia funebre da celebrare coi parenti, al fine di evitare ogni possibilità di contagio.
    Vero, non è la peste, ma si tratta di un virus letale che comporta estreme e lunghe cure per salvare la vita e ciò che va evitato, è che il restante 20% dei casi gravi non vada a far collassare il sistema sanitario locale..Giusto per capirci, il 20% di milioni di cittadini è una cifra spaventosa.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.