Mutui, come funziona lo stop per i pagamenti ​delle rate sulla prima casa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Per effetto del Dl Cura Italia, in attesa dei chiarimenti sulle modalità, sarà possibile che cresca il numero dei possibili beneficiari della sospensione del mutuo.

Difatti potranno usufruirne, oltre a coloro i quali si siano visti sospendere o ridurre l’orario di lavoro per almeno 30 giorni a causa delle restrizione nelle procedure di contenimento del Coronavirus, ora anche i lavoratori autonomi potranno accedervi. Nei prossimi 9 mesi, difatti, coloro i quali abbiano subito, e possano certificarlo, delle perdite su base trimestrale pari al 35% del fatturato potranno richiedere la moratoria. Di questa platea potranno far parte anche coloro i quali avevano un reddito Isee superiore di 30mila euro in quanto il tetto per accedere alla misura è stato sospeso.

Ora si dovranno attendere i chiarimenti sulle modalità attuative delle nuove disposizioni ma nel frattempo sono stati stanziati i soldi da destinare al fondo dedicato. Difatti, il budget a sostegno della moratoria sui mutui andrà al Fondo di solidarietà per la sospensione del pagamento delle rate dei mutui per l’acquisto della prima casa (istituito con la legge 244/2007) presso il ministero dell’Economia e delle Finanze (gestito da Consap Spa) a cui sono stati destinati altri 400 milioni di euro oltre ai 25 milioni di residui già presenti. Con questo budget Consap dovrà garantire l’ampliamento della moratoria ma non è detto che i soldi bastino. Difatti, secondo le stime della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro sull’impatto delle misure di lockdown adottate dal Governo: saranno tre milioni di lavoratori lasciati a casa e di questi oltre un milione sono autonomi e un altro 1,9 milioni sono lavoratori dipendenti. Inoltre altri 3,6 milioni che sono occupati in settori a “rischio chiusura indotta”.

Tra i requisiti necessari per accedere alla moratoria l’avere contratto un mutuo per lun immobile di importo non superiore a 250mila euro, che ciò sia vigente da almeno un anno e che il ritardo nei pagamenti non superi i 90 giorni consecutivi. Attualmente il Fondo ha accolto 42.394 domande per un importo complessivo di 51,5 milioni di euro concedendo la sospensione del pagamento delle rate fino a 18 mesi. Il Dl Cura Italia all’articolo 26 ha esteso la misura anche per i casi di sospensione dal lavoro o di riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno trenta giorni a causa del Coronavirus.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.