‘Abbraccia senza braccia’: Signore mio, ma che stai cumbinann? La poesia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Signore mio,
ma che stai cumbinann?
Contagi, muorti, paura dint ‘a all’ossa! E ognuno spera e se scampa’ sta fossa!
Ma comme? Tu sì Patre e fai stu poco? E quantu spazio tieni poi Tu Llóco? Ce vuo’ purta’ cu Te a tutti quanti? Pecché ce stai facenn suffrì tanto?
Io non ti ricunosco francamente! Pare che accíre ‘o buono e ‘o malamente!
‘A gente sta ‘mpazzenno dint ‘e case e ‘a dint ‘a quarantena esce e tràse!
Nisciuno ‘o vo’ capì che non si esce, se no sta quarantena nun fernèsce!
‘Ncopp ‘e balcuni lumini,
drappi, cartelli colorati.
‘A na cert’ora pàre na’ festa ‘e piazza!
Sarà ‘a paura? Fede? Oppure stamme ascénno tutti pazz?
‘A gente prega e canta pa’ paura, pecché mo simme over tutti uguali: ‘a naso ‘e cane nun tène educazione e addò se mette ‘e posta fa rammaggio!
Figliu mio bello – risponne ‘o Patetern – te si sfugato? E mo stamme ‘a sentì!
Spalanca ‘o còre e ‘a mente
e sienti bbuono:
Io nun manno castighi,
Io non uccido!
Nun voglio ‘a morte,
bramo conversione!
Stu male dilagante nun è ‘o mio!
Nun è mestiere mio…Io song Dio!
Io che v’aggiu criati per Amore
ve distruggesse con tanto livore?!?
Stu male è subdolo, striscia ed è silente…E tutto chesto nun t’arricorda niente?
P’ogni figlio che soffre, soffro anch’io: pecché so Padre, Madre e song Dio!
E tutti chisti muorti nun ‘e voglio! Ma quando ‘a llòc pàrteno Io l’accoglio!
Stu virus è micidiale, è devastante…ma Io sto cca’ e non vi lascio soli!
Mio Figlio jettáje ‘o Sangue per ognuno! Per Me siete preziosi: uno ad uno!
‘A gente mòre, mentre aiuta all’ati.
Ognuno serve ‘a vita come può!
Chistu momento triste e doloroso passarrà ambress,
‘a vita turnarrà!
Ma ‘ncopp ‘a terra ‘a vita ha da cagnà!
Basta cu l’egoismo
e ‘a prepotenza;
basta cu l’arroganza
e ‘a strafuttenza!
Che ognuno impari bene la lezione: stu munno senza ‘e Me è un calderone!
Io faccio ‘a parte mia,
…ma vuje facite ‘a vostra!
Nun ce se po’ tuccà,
non ci si abbraccia…
Ma ‘o bene  nun se fa solo
cu ‘e braccia!
Spalanca ‘o còre e abbraccia senza braccia!
Comme se fa?…
Guarda a Mio Figlio n’Croce:
cu ‘e Mane trapassate, t’accarezza;
cu ‘e braccia crucifisse, abbraccia ognuno;
E appiso ‘a chella Croce,
parla, ma senza voce!
‘O bene  nun se fa solo
cu ‘e braccia!
Spalanca ‘o còre…
e abbraccia senza braccia!
Poesia scritta da don Raimondo Di Rienzi
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Bella, significa, profonda, vera. Speriamo che l’uomo non perda la memoria, appena passata l’emergenza!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.