Il ‘DisOrdine’ dei giornalisti: ecco chi viola le regole col tesserino

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
È intervenuta l’Unità di crisi regionale su quello che oggi si può chiamare il “caso Cicelyn”. Un comunicato spiega le mosse dell’Ucr che «in costante contatto con la struttura nazionale, ha segnalato alla Prefettura di Napoli per ogni possibile conseguente azione, la gravità dei contenuti dell’articolo di stampa pubblicato il 21 marzo 2020 sul Corriere del Mezzogiorno, in prima pagina e a pagina 5 dal titolo «Io, in giro con lo scooter contro i sovrani dello stato di emergenza», a firma di Eduardo Cicelyn.

L’Unità di crisi — si legge ancora nella nota — ancora invita i cittadini della Campania al rispetto delle leggi e dei divieti previsti dalle ordinanze nazionali e regionali emanate per contenere l’epidemia da Covid-19.

Si ricorda altresì che i trasgressori sono puniti con l’arresto fino a tre mesi e con l’ammenda fino a 206 euro secondo quanto previsto dal codice penale (art.650), in base all’ordinanza regionale, l’obbligo della quarantena». A seguire l’articolo di Eduardo Cicelyn pubblicato sul Corriere del Mezzogiorno dopo il clamore suscitato dal suo intervento nella rubrica «Zona Franca» [CLICCA QUI]

L’ARTICOLO DI ANTEPRIMA24 a firma di Mariana Cappitti

Si sentono intellettuali rivoluzionari,  mentre infrangono il più importante dei diritti: quello alla salute. E cosa peggiore lo fanno brandendo e abusando del tesserino da giornalista professionista. Come  l’ex direttore del Museo Madre di Napoli, Edoardo Cicelyn che ieri dalle pagine del Corriere ci racconta che se ne va con lo scooter “a zonzo” per la città.

“Fingo di andare a fare la spesa. Certo qualche volta mi fermo a fare la fila al supermercato, ma una volta su quattro. Con la tessera da giornalista in tasca mi sento al sicuro da eventuali annunciatissime denunce”.

Complimentoni vivissimi al nuovo Che Guevara del Coronavirus. Mentre tutti gli altri stanno a casa e non escono se non per motivi urgenti e necessari come chiede il Governo per contenere la diffusione del contagio, Cicelyn, infrange le disposizioni e lo dichiara come se nulla fosse su un quotidiano.

Alla faccia del buon esempio. E’ la rivoluzione cicelyana: quella di scorazzare sul motorino per la città fingendosi uno che va a fare la spesa o un giornalista che deve fare informazione per i cittadini (alla faccia di chi, tra mille difficoltà, lo sta facendo sul serio). Il filosofo – perché sì ha anche una laurea in filosofia – ogni giorno alle 12,30,  prende lo scooter e per un paio d’ore va “a zonzo nella città deserta e bellissima“.

“Prendo aria, luce e sapore di mare perché alla fine lo scooter mi porta sempre dalle parti di Posillipo, Marechiaro, Coroglio, Mergellina e via Caracciolo” scrive nel suo taccuino da reporter di guerra. Ma l’aria a quanto pare non ossigena abbastanza. Se Cicelyn afferma che tanto così non costituisce un pericolo di contagio, ma non capisce che se tutti – soprattutto leggendolo – facessero lo stesso sarebbe la fine. Anzi quasi sembra invitare a farlo.

“In effetti sfido il coprifuoco – dice ancora –. Fuggire due ore al giorno dalla prigione casalinga a cui siamo stati consegnati è perciò una protesta solitaria contro una politica che non trova niente di meglio che attaccare la vita. Un modo per prendere una boccata d’aria prima che i polmoni siano attaccati dal virus dell’angoscia”.

Ma che protesta è? Vaglielo a spiegare a quelli finiti nelle bare sui camion dell’esercito a Bergamo. O a chi in trincea ci sta davvero ogni giorno. Come i medici, gli autisti, gli operatori Asìa, i camionisti, i volontari. E’ il momento del buon esempio, dell’invito non a scorazzare sui motorini, ma a restare a casa. Di prenderci così cura degli altri. E’ questo ora il vero ed unico atto rivoluzionario.

fonte Anteprima24.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Vi brucia perché vi sta sbugiardandl a tutti eh, voi paladini delle vere notizie. Fate (e vi sto’ trattando) ridere. Redazione non censurare o la casta vi punisce?

  2. Faccio un appello ai medici ed infermieri. Quando verrà sto Cicelyn in terapia intensiva per favore il tubo non lo mettete nella bocca ma in altre parti. Bravissima la giornalista a segnalare il caso.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.