Il potere ai tempi del coronavirus (di Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Quando questa tragica storia del Covid-19 sarà finita, avremo senz’altro modo di riparlarne. Il punto politico fondamentale, interessato appieno da questa emergenza sanitaria, la più grave esperienza vissuta dal dopoguerra – credo anche maggiore rispetto a quella del terrorismo, ma ero troppo giovane per poterlo affermare -, riguarda la forma e le modalità di gestione del potere in situazioni di emergenza, come questa, dichiarata con delibera del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio scorso (GU Serie Generale n. 26 del 01/02/2020).

In questi cinquanta giorni, ormai, con l’avanzare del contagio e il numero crescente di deceduti, sindaci e governatori di regione hanno assunto provvedimenti normativi sempre più restrittivi e talvolta perfino in contrasto con quelli emanati dal governo e dal premier. Provvedimenti ritenuti dai medesimi sindaci e governatori “necessari”, in virtù, direi, di uno “stato di eccezione” presente sui corrispettivi territori di governo.

Ciò che configura un’anomala gestione del potere politico in cui, sintetizzava Carl Schmitt, “sovrano è chi decide sullo stato d’eccezione”. Ciò che, per l’appunto, sta accadendo e accade ora in Italia. Dalle cronache quotidiane di questi giorni, emergono “vincenti” le figure soprattutto di governatori – in particolare della Campania, della Lombardia, del Veneto, ma sporadicamente anche altri – e di sindaci che, metaforicamente, invocano e dichiarano lo “stato di guerra” al nemico silenzioso, che è il virus. E così adottano le misure ritenute necessarie, come “chiudere tutto” e far “rimanere aperte solo le fabbriche belliche” ovvero, in questo caso, le attività strettamente inerenti all’emergenza sanitaria o che si convertono allo scopo.

L’odierno governo nazionale, appellato come “il governo più a sinistra della storia”, è costretto oggi a vivere, politicamente, una delle cicliche nemesi o vendette della storia. Sono passati vent’anni dall’inizio della riforma del titolo V della Costituzione (legge costituzionale n. 3/2001) – che ha attribuito alle autonomie locali il riconoscimento (ex art. 5 della Costituzione) di enti giuridici preesistenti alla formazione della Repubblica -, riforma cardine di un intero processo di autonomia voluto e sostenuto dalle sinistre, avviato negli anni Settanta del secolo scorso e ora, nell’emergenza che viviamo, assurto definitivamente a modello della crisi del sistema politico inaugurato alla fine della Seconda Repubblica.

In una situazione di emergenza come questa, sarebbe stato e sarebbe sempre più auspicabile il governo e il concorso da parte di tutti. Se così non è, è giocoforza che ognuno faccia leva sul corrispettivo ambito o spazio di sopravvivenza.

Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.