Giovane di Pellezzano bloccato ai Caraibi, il Sindaco scrive a Di Maio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
C’è anche Gaetano D’Andria, giovane di Pellezzano, tra i 35 italiani bloccati a Saint Barth, un’isola delle Antille Francesi, posizionata nei Caraibi tra Centro e Sud America, e costretti a restare “prigionieri” su questo territorio a seguito delle ordinanze emanate dal Governo Francese (essendo l’isola sotto la giurisdizione francese e quindi appartenente all’Unione Europea).

D’Andria, come altri suoi colleghi di lavoro, nel giro di una settimana, a causa delle restrizioni emanate per contrastare il coronavirus, si è trovato senza lavoro (l’albergo dove lavorava è chiuso a seguito delle disposizioni governative francesi) e bloccato sull’isola perché l’aeroporto è chiuso e al momento non sono previsti voli oltreoceano per il rimpatrio degli stranieri in Europa.

I genitori di D’Andria hanno contattato il Sindaco di Pellezzano, dott. Francesco Morra, per chiedere un suo diretto intervento attraverso i canali istituzionali. La richiesta è stata subito accolta dal Primo Cittadino che ha immediatamente inviato una pec al Ministro degli Esteri Luigi Di Maio e all’Unità di Crisi della Farnesina.

“Ho appreso nelle ultime ore – si legge nella missiva del Sindaco Morra – che il sig. Gaetano D’Andria insieme ad almeno altri trentaquattro connazionali sono bloccati a Saint Barth nelle Antille Francesi all’indomani della chiusura della struttura alberghiera presso la quale prestavano la propria attività lavorativa, impossibilitati a far rientro in Italia per la sospensione dei collegamenti aerei”.

“So bene – da uomo politico e delle Istituzioni – continua la missiva – l’attenzione e lo sforzo che lo Stato in tutte le Sue articolazioni sta profondendo nel tentativo di risolvere la crisi sanitaria e contenere gli effetti, ma non avrei potuto ignorare le sollecitazioni che mi provenivano dai familiari del mio concittadino e alle quali non sono in grado di dare autonomamente accoglimento.

Il numero delle persone coinvolte richiede evidentemente una efficace azione diplomatica che sia in grado di superare le difficoltà connesse alla temporanea interruzione dei collegamenti usualmente predisposti dall’aviazione civile nell’area interessate ed ipotizzare, se del caso, l’impiego di mezzi dello Stato che riconducano i giovani lavoratori entro i confini nazionali.

Rimetto alla Sua persona ed ai Suoi uffici le informazioni in mio possesso ove mai dovesse ritenerle utili all’individuazione del rimedio più efficace per la risoluzione della crisi. Resta inteso che io stesso e gli Uffici dell’Ente che rappresento sono a Sua disposizione per ogni atto e/o adempimento che dovesse individuare come opportuno ed utile alla definizione della vicenda. In attesa di un Suo riscontro, Le rivolgo i miei più cordiali saluti”.

Seguiranno aggiornamenti sulla vicenda, nella speranza che le Istituzioni Governative Centrali riescano a risolvere questo grosso disagio nei confronti dei 35 connazionali bloccati nelle Antille Francesi e favorire così anche il rimpatrio del nostro giovane concittadini per consentirgli di ritornare a casa e riabbracciare i suoi familiari.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. non paghi le tasse in italia, sei il solito che non è più italiano perchè fare lo straniero è meglio però quando siete in difficoltà siete tutti italiani. Per me puoi marcire li

  2. stai in un paradiso caraibico e vuoi tornare in italia a fare il rinchiuso? tu nu stai bbuon ca cap!

  3. Bart da quanto ho capito questo ragazzo lavora in quelle zone, se avesse avuto la possibilità credo che sarebbe rimasto a casa a lavorare non credi? è un cittadino italiano ed in quanto tale va aiutato, non è andato a rubare o a fare cose illegali, è andato a lavorare.

  4. X Bart sono ragazzi legati alle società italiane che lavorano lì, tu sei un fallito xcio parli così, hai sentito le interviste, sono ragazzi meravigliosi 35 onesti ragazzi unici, avete perso anche voi il lavoro, tutto passa e ritornerete più forti Di prima. Vi aspettiamo…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.