Anche la data del 20 maggio tra le ipotesi di ripartenza del calcio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa
La Lazio di patron Lotito (e di riflesso anche la Salernitana poteva decidere in tal senso) doveva tornare in campo nella giornata di ieri per riprendere gli allenamenti. Alla fine, come si sospettava, il tutto è stato rinviato a data da destinarsi, vista l’emergenza legata al coronavirus che ancora attanaglia l’Italia. L’idea di voler ricominciare il prima possibile ha attirato sul patron Lotito tantissime critiche da parte del mondo del calcio e non solo.

Come riporta il Corriere dello Sport tuttavia l’idea del presidente della Lazio era ben chiara: ricominciare ad allenarsi il prima possibile per evitare il collasso del calcio. La paura è infatti che le big stiano spingendo per la chiusura del campionato a discapito delle medio-piccole che non riuscirebbero a sostenere il contraccolpo finanziario.

Nel frattempo il presidente della FIGC, Gabriele Gravina ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano Il Giornale, sull’argomento campionati italiani.
Sulla chiarezza della situazione: «Ne sento di tutti i colori e ai miei interlocutori ripeto un concetto molto semplice: noi abbiamo una stella polare, è il decreto del Governo che ha fissato al 3 aprile il primo, provvisorio traguardo. Quella data, per ora, fa fede. Il resto è solo chiacchiericcio».

Sull’ipotesi date per la ripresa del campionato: «Ripeto da sempre: si tratta solo di ipotesi e non di una certezza, che si riprenda o il 3 o il 10 o il 17 maggio. Ne aggiungerei un’altra: andrebbe bene anche il 20 maggio, valutando la ricaduta sul calendario internazionale. È la mia, la nostra, speranza: significherebbe avere la possibilità di rialzare la serranda del calcio italiano e offrire al Paese la spinta emotiva per recuperare il senso della vita normale».

Sulla preoccupazione della Serie B e Lega Pro: «A dire il vero non dormo la notte per le sorti del calcio italiano, che è un’industria del Paese con un indotto di molti miliardi. Mi preoccupa il futuro di tutte le componenti, dilettanti compresi».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. Ma quale calcio? Un calcio in culo se lo volete…. con questa emergenza sanitaria hanno il coraggio di parlare di calcio? Non ho parole…..

  2. Andate a fare in c…..alcio. Continuate a pagare milioni ai calciatori e pochi euro al personale qualificato medici, infermieri, insegnanti, tecnici, operai specializzati….

  3. Il COVID-19 è riuscito a fare una cosa buona: bloccare il mondo del calcio, già infettato di suo.

  4. Ancora con questo calcio, ma non rompete che non riprendesse più anzi me lo auguro. Qui si muore e questi pensano al pallone. Chi se ne frega delle perdite potete campare di rendita per cent’anni per tutto quello che avete guadagnato

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.