De Luca ai Comuni: no agli orari ridotti per i negozi di prima necessità

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Nessuna limitazione all’apertura dei negozi che vendono generi di prima necessità. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha diffuso un atto di indirizzo, notificato ai comuni ed ai prefetti, per chiedere che i sindaci non emanino provvedimenti restrittivi rispetto all’operatività di tali attività, che in questo momento di emergenza legato all’epidemia di Coronavirus rappresentano punti di riferimento indispensabili per i cittadini.

“Si invitano i comuni della Regione – scrive De Luca – a non introdurre limitazioni agli orari di apertura degli esercizi commerciali di vendita al dettaglio di alimenti e di altri beni di prima necessità all’interno dei territori di competenza e, ove introdotti, a revocare vincoli o limiti agli orari, al fine di garantire ai cittadini di accedere con continuità ai detti servizi essenziali e di evitare assembramenti e file nei pressi ed all’interno degli esercizi medesimi”.

La nuova delibera la Giunta Regionale arriva dopo quanto accaduto in seguito all’Ordinanza interministeriale e del DPCM 22 marzo 2020 dive è stato introdotto il divieto di spostamento al di fuori del territorio del comune “salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute” e pertanto risulta vietato uscire dal proprio territorio comunale per approvvigionamenti, anche di derrate alimentari o di altri generi di prima necessità, salvo che per le sole realtà comunali dove non esistano esercizi di distribuzione di detti beni.

La drastica limitazione degli spostamenti, disposta per contenere il contagio nella gravissima fase dell’emergenza attualmente in atto e la conseguente riduzione della rete di distribuzione al dettaglio fruibile dai singoli utenti comportano l’esigenza di assicurare la continuità dei servizi nei singoli comuni, soprattutto con riferimento ai centri di piccole dimensioni dove è meno diffusa la rete distributiva, a vantaggio dei cittadini nei singoli territori comunali ed al fine, inoltre, di evitare gli assembramenti che conseguirebbero alla contrazione degli orari di apertura dei singoli esercizi;

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Grande De Luca concordo con te … stai a casa tu e la tua cricca clientelare ………

  2. eh.. mo ve ne accorgete che diminuendo gli orari aumenta la concentrazione? e vi state accorgendo pure che questa scemenza dello stare a casa è peggiore per la malattia? v. articolo apparso proprio su queste pagine ieri.
    State instaurando un vero fascismo, ma non quello pre-guerra, proprio quello peggiore, tipo ’42-’43.. con tutti contro tutti, delatori, violenti, tutti che minacciano, stato di polizia, droni, denunce penali per ilreato di “uscita da casa non consentita”… quando per decenni abbiamo avuto gravi minacce per la popolazione, furti in casa di notte, rapine, omicidi, spaccio, estorsioni.. non c’erano mai soldi e mezzi, come mai oggi escono soldi da tutte le parti pure per far decollare un elicottero per capire “chi esce da casa”???
    Ci avete portato in dittatura con questa storai del virus, e quando finirà continueremo a morire 100 volte di più per cancro e malattie cardiache, nel silenzio e con la storia del “mancano i soldi”.. ma le restrizioni imposte oggi … resteranno, vedi i controli sui telefoni, i droni, e imposizioni di altro tipo che sicuramente ci aspettano a breve..
    Come mai solo adesso (ieri) pubblicate, voi e tutti i giornali, che stare in casa è un rischio?? e come mai siamo ancora obbligati a starci in queste modalità nonostante questo avviso degli scienziati?? che senso ha vietare l’uscita di notte, dopo le 18 o al mattino alle 5 per correre da soli nel nulla?????? un giorno la gente forse capirà in massa, e spero che sia vicino questo giorno

  3. Questo non sta bene. Nei comuni piccoli soprattutto quelli montani dove c’e’un solo negozio per l’approvvigionamento di alimentari e non riesce a soddisfare le esigenze dei cittadini che si fa’ la fame? Così invece di morire di virus si morirà di fame? E chi ha un’alimentazione particolare vedi vegani,vegetariani , diabetici etc. Che seno fare , morire? Invece di perdere tempo in tv dia queste delucidazioni ai cittadini che sono piu’ importanti.

  4. Perdonatemi ,ma queste limitazioni che poi non vengono rispettate,i tanto decantati controlli e militari ma dove sono,poi i supermercati visto che sono ambienti abbastanza grandi di superficie si potrebbe far entrare anche quattro persone per volta,poi dinanzi ai supermercati c’e’sempre la solita gente ,si scende in barba alle limitazioni anche per un pacco di sale.
    Se vi e’possibile fatelo leggere al Signor Governatore

  5. dimmi una cosa , ma secondo te uno può essere libero di poter vendere 500mila tamponi agli usa (azienda di Brescia)? ma secondo te uno può essere libero di vendere ventilatori polmonari alla grecia? (carico sequestrato stamattina sulla nave ad Ancona al momento della partenza) secondo te uno può essere libero di scrivere stronzate sui blog infamando tutto e tutti, accostando fenomeni di delinquenza sfusa e a pacchetti con catastrofi planetarie come la pandemia, (quello che fai tu) solo per fare “politica” , infamare divulgando teorie e video a dir poco pericolosi, solo perchè lo Stato deve garantire la libertà!! di portare il cane a spasso di cagare in mezzo alla via di non fare la differenziata di gettare le mascherine (come i mozziconi) sulle spiagge , dove non dovrebbe esserci….uno Stato si regge quando una moltitudine di persone civili, (che parolona!) osserva regole di convivenza civile minima. In uno Stato civile un politico non fa video mettendo maglioncini azzurri e mascherine finto paramedico (o paraculo…) in sale finto ambulatorio. Qua in nome della paura e della libertà il menefreghismo di tanti italioti sta diventando anarchia totale. E la cacca, per quelli come te, diventerebbe cioccolata…!

  6. all’anonimo farneticatore delle 18:39, ma di cosa vai parlando?? di quali video vai blaterando?? la parola non appare in alcun modo nel mio commento. I tamponi e le macchine alla grecia?? e dove le ho scritte ste cose??? sei da querelare, ma andiamo avanti, tutti possono leggere le tue fesserie attribuite a me.
    Comunque per i tamponi, caro saputello da facebook, sono una vendita del semplice bastoncino, e qui non mancano affatto, quello che manca al massimo sono i reagenti, ma il solo bastoncino lo puoi usare per pulirti le orecchie o quello che preferisci.
    Io libero di scrivere str.. sul blog?? meno delle tue, ma di quale blog parli? di chi parli? infamare tutti chi??? ma come ti permetti? l’unico infamante sei tu, incapace pure di discutere sui fatti.

    E’ un problema se faccio notare che fino a ieri non c’erano soldi per nulla, in sanità e pubblica sicurezza, e oggi appaiono addirittura elicotteri per “stanare” i passeggiatori??? Forse ti è andata sempre bene la vita e non hai mai avuto problemi di salute, buon per te, ma non tutti hanno la tua fortuna, come non tutti hanno la fortuna di avere i soldi a casa senza uscire a lavorare.

    Poi se vuoi, parlando di libertà, vorrei capire a quelli che vogliono chiudersi in casa -LIBERISSIMI DI FARLO- per un mese o più, comprese porte e finestre, completamente al buio e senza mai uscire, cosa interessa di quelli che stanno in mezzo alla strada a comprare il sale o col cane o per i MOTIVI che la LEGGE consente??? Io sto a casa da settimane, pure prima del blocco.. ma che mi frega se uno va a correre sul lungomare?? io sto a casa chiuso, quale sarebbe il pericolo per me o per altri? bah

    Catastrofe planetaria? su questo parliamone se vuoi: mi dimostri, numeri ufficiali alla mano, che ci sono morti e malati COME MAI PRIMA AD ORA??? avanti, saputello del piffero, pubblica i dati attuali e quelli di tutte le grandi epidemie passate e vediamo se sono piu o meno morti, altrimenti sei solo un saputello da facebook. Se lo farai avrai le mie pubbliche scuse immediatamente!
    Ad OGGI, risultano 69100 CONTAGIATI e 6820 MORTI in Italia. A parte il fatto che stanno contando come morti PER cv tutti i morti CON cv, sul sito ISTAT trovi che nel 2017, anno intero, sono morti per polmonite e influenza, due voci distinte, circa 14300 persone. DOVE LA VEDI l’emergenza mai vista??? 6820 (parziale) oggi contro 14300 tre anni fa.
    Questi sono i dati ISTAT, quindi se non sei capace di ragionare taci e pensa a condividere i gattini su facebook.
    Ti ricordo che dal rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità risultano SEI morti solamente, senza nessuna altra patologia grave. Vai ad accusare l’ISS e il Ministero se sei tanto sapiente, io li riporto solamente, e PENSO.

    Libertà di portare il cane? di fare la spesa? è la LEGGE che attualmente lo consente, leggiti il decreto e se tu vuoi impedirlo sei un delinquente da denunciare, ok?

    Quali sarebbero queste “teorie pericolose” divulgate? da chi? quando? dove?? libertà di buttare mascherine sulla spiaggia?? MA DI CHE PARLI?? tu sei da denuncia. Nulla di quello che dici fa parte di quello che ho scritto più su, o altrove, e tutti possono vederlo. Mai ho parlato di mascherine né di tamponi. Finiscila.

    Io ho commentanto esattamente nel tema, parlando dell’articolo apparso ieri QUI e su altre testate, dove scienziati dicono che stare a casa può essere anche più pericoloso, cosa che pure mia nonna sapeva un secolo fa. VOI plagiati dai social avete gettato le basi per un nuovo nazismo, dove tutti si sentono il diritto di denunciare, picchiare, gettare acqua etc a tutti.. e poi ho fatto notare che ci stanno belle incongruenze con quanto detto e fatto fino ad oggi, quale sarebbe il problema? la vostra spinta nazista e totalitaria è forte a quanto pare…

  7. aggiungo per il farneticatore senza ragione: commentavo esattamente nel merito di questo articolo e in base all’articolo di ieri in cui cito testualmente si diceva: “Attenzione ai luoghi chiusi! Se all’aria aperta è facile che il virus si disperda velocemente, lo stesso discorso non si può fare per un ambiente chiuso[..] Ma in una stanza in cui resti a lungo una persona infetta, il suo respiro continua a concentrare particelle virali nell’aria. In ambienti affollati e chiusi, anche quando si rispetta la distanza di un metro, sarebbe bene aprire la finestra”.
    Nessuna critica politica in sé, non a VDL in particolare, ma a tutti i sostenitori ciechi di questo cieco “resta a casa”, che tantissime persone hanno criticato per i motivi esposti dai ricercatori.
    Capito? non credo proprio.

  8. Basta oer favore riaprite tutto e fateci uscire di casa… Se no questo che pensa c fnisc r accir…

  9. 22:57 se sei qui e lo hai letto forse vuol dire che eri interessato e sei pure tu uno che almeno prova a pensare, se poi esprimi pure una tua ragionata opinione ne guadagneremmo tutti!

    in 19:58 c’è una questione molto seria, da un lato ci hano obbligati a stare in casa, e allo stesso tempo “scopriamo” che è rischioso per la salute lo stare in casa, non ti senti preso per i “fondelli”???

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.