Troppi pazienti in terapia intensiva, sistema regionale rischia il collasso

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
7
Stampa

Continua ad aumentare la curva dei ricoverato in terapia intensiva nelle strutture sanitarie pubbliche della Campania: ieri erano più di 180 i pazienti trattati, contro i 110 del giorno precedente. Se dovesse continuare questa progressione – come scrive il quotidiano “Il Mattino” –  il sistema rischierebbe il collasso entro domenica. L’unità di crisi regionale sta facendo i conti con la disponibilità dei posti negli ospedali: la rete può reggere fino a 240 posti. Dopodiché sarà necessario passare al piano b, quello delineato lunedì nel corso dell’incontro con i vertici regionali Aiop e con gli altri delegati della sanità privata. Insomma, i pazienti meno gravi – ricoverati con sintomi, attualmente sono 345 – continueranno a ricevere assistenza, gli altri ammalati verranno ricoverati nelle strutture private.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

7 COMMENTI

  1. C’era una carenza già prima del corona virus figuriamoci ora.
    Abbiamo creduto alle chiacchiere che Papino ci ha raccontato circa la Sanità ecccceeeeezzzzzionale ed adesso qualcuno se ne renderà contro di persona. Purtroppo…….

  2. MA COME È POSSIBILE CHE SIAMO AL COLLASSO? DE LUCA STA PROGRAMMANDO PER RENDERE DISPONIBILI NUOVE STRUTTURE (PRONTE A GIORNI), A NAPOLI RIATTIVATO UN GRANDE OSPEDALE, A SALERNO IL DA PROCIDA ED ALTRE STRUTTURE RISERVATE SOLO AI MALATI DI CORONA VIRUS, STRUTTURE PRIVATE DISPONIBILI ALLA RICONVERSIONE ECC
    ALLORA NECESSITA SUBITO (OGGI, NON DOMANI) UN COORDINATORE (ESPERTO MEDICO NON POLITICO, CON POCHISSIMI COLLABORATORI) REGIONALE PER LA SANITÀ CHE COORDINI LE PROVINCE. DOVRÀ AVERE SOTTO CONTROLLO: I CONTAGIATI, I RICOVERATI, I MEDICI DISPONIBILI, LE STRUTTURE REGIONALI, LE STRUTTURE PRIVATE, I MEZZI A DISPOSIZIONE (MASCHERINE, RESPIRATORI, OSSIGENO ED ALTRO), I VOLONTARI, LE AMBULANZE CRI E PRIVATE, IN POCHE PAROLE LAMAPPA COMPLETA DELLA SANITÀ CAMPANA.

  3. Per Campano
    Ma tu credi ancora all’asino che vola?
    Beato te. A volte l’incoscienza è utile a metabolizzare meglio, dal punto di vista psicologico, i problemi…..

  4. voi state seduti comodi comodi sul divano di casa , a scrivere scemenze sui social , a criticare criticare criticare ….mentre gli altri lavorano e si fanno un mazzo per governare la barca….ve piace eh…? e come se ve piace! troppa confidenza, troppa libertà, troppo conveniente cosi…!

  5. Avrei condivisp se l’emergenza come in Lombardia ci avesse messo in ginocchio già da un mese….Amico mio qui ancora dobbiamo assaporare l’antipasto di quello che hanno vissuto al nord e questi già gridano che siamo in crisi profonda e vicino al collasso. Ma veramente fate??? Cambia nick con che vergogna che è meglio

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.