Emergenza Covid: ancora pasticcerie in attività nel salernitano: segnalati in tre

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno, nell’ambito dei controlli
sull’osservanza delle prescrizioni imposte per l’emergenza “coronavirus”, ha scoperto
tre pasticcerie, una ad Eboli e due nell’Agro nocerino-sarnese, in piena attività
nonostante il generale divieto di apertura della gran parte delle attività commerciali.

In particolare, le Fiamme Gialle della Compagnia di Eboli hanno notato, in pieno
centro, un esercizio commerciale con la saracinesca parzialmente abbassata, con le luci
accese, al cui interno un pasticciere era intento alla preparazione di cornetti e dolciumi
vari.

I militari della Compagnia di Scafati, invece, nei giorni scorsi, venuti in possesso di
alcuni volantini che pubblicizzavano la vendita delle tradizionali “zeppole di San
Giuseppe” per la Festa del Papà, dopo aver verificato che analoghi messaggi
pubblicitari erano presenti anche sui principali social media, hanno localizzato a Sarno
e San Valentino Torio altri due negozi aperti.

Una volta entrati, i Finanzieri hanno rinvenuto decine di vassoi e confezioni di zeppole,
pronte per essere vendute, mentre, nei laboratori, il personale era in piena attività con
centinaia di dolci già pronti. Alla luce delle nuove disposizioni, chi viola i divieti ora in vigore incorre in una sanzione amministrativa che può arrivare anche a 3.000 euro. Una volta cessata l’emergenza, scatterà inoltre la chiusura dell’esercizio, per almeno 5 giorni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. nordest, ma noo fuciliamoli direttamente, non credi sia meglio?? è l’unica cosa che manca per tornare al 1943 con le SS, il resto c’è già.. Dopotutto vuoi mettere, un pasticciere assassino a colpi di babà e paste secche?? un vero criminale.
    Se aveste avuto la stessa forse, voi delatori nazisti e questo Stato, nel combattere i CRIMINALI che fino a qualche mese fa ci rapinavano in casa, a strascico, e no c’era mai una pattuglia “disponibile” sempre occupate in altri servizi.. avremmo risolto il problema in meno di una settimana, ma che vuoi che interessi, non c’erano soldi, no?
    Ma una domanda: prima non cerano soldi, e ADESSO da dove arrivano?? li avete scavati sotto all’albero?? mia curiosità, qualcuno mi sa rispondere??

  2. la vendita al dettaglio è sospesa per l’emergenza Coronavirus, ma la vendita a distanza è ancora consentita. C’è molta confusione al riguardo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.