Emergenza medici negli ospedali, reclutati 100 neolaureati salernitani

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il consiglio dell’Ordine dei Medici ha avviato la procedura di iscrizione per un primo plotone di 100 neolaureati salernitani, che saranno subito arruolati negli ospedali italiani per fronteggiare l’emergenza coronavirus. I giovani – come scrive il quotidiano “Il Mattino” – con il loro sano entusiasmo e quel sacro fuoco tipico di certe professioni, possono rappresentare un valido supporto a sostegno di tutto il sistema e degli ospedali. Anche loro, i neolaureati, diventano un ingranaggio insostituibile in una lunga catena che coinvolge tutto il mondo sanitario: dai professori agli ultimi.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.