God bless America (di Angelo Giubileo)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
La crisi da Covid-19 viaggia velocissima, tanto che la politica fatica o non riesce a stargli al passo. In Italia, è questo che è accaduto e sta accadendo. Infatti, il primo decreto-legge del Governo è giunto in ritardo, e cioè 23 giorni dopo la dichiarazione del Consiglio dei Ministri che ha deliberato lo “stato di emergenza” nazionale.

Per tacita ammissione, le forze politiche al governo hanno quindi inteso rivolgersi agli scienziati, così che anche gli ulteriori provvedimenti in materia sanitaria sono stati giustificati con il parere dei medici e di altri tecnici più o meno esperti.

La crisi sanitaria italiana si è allargata a macchia d’olio in Europa e nel mondo. Oggi, in piena emergenza sanitaria, la crisi ha assunto anche una forte valenza economico-finanziaria, che mette addirittura a repentaglio la vita futura dell’Unione Europea. La riunione del Consiglio Europeo del 26 e 27 u.s. ha infatti reso definitivamente palese la frattura già esistente tra la strategia di “parità di bilancio” perseguita dai paesi, cosiddetti virtuosi, del nord e la strategia di “ampliamento della spesa” viceversa dei paesi del sud dell’Europa.

Questa crisi – certamente più grave di quella vissuta dall’area euro a seguito della crisi statunitense dei cosiddetti mutui subprime occorsa nel 2007 – certifica senz’alcun dubbio che, da un punto di vista economico-finanziario, la crisi dell’Italia e di alcuni dei paesi del sud dell’Europa è una crisi di debito pubblico, che si trascina ormai da tempo. Nel 2008 fu coniato l’acronimo PIIGS (dall’inglese pig ovvero maiale), che stava a indicare lo stato di quei paesi (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna) che in Europa si riteneva continuassero a vivere oltre le proprie possibilità a dispetto delle comuni regole di bilancio fissate dall’Unione Europea.

Nel frattempo, da allora a oggi, tranne il caso della Grecia – a consuntivo, forse peraltro malgestito – poco o nulla è stato fatto. Tutto ciò che è stato fatto è comunque riconducibile a un’azione massiccia di quantitative easing promossa dall’ex governatore della BCE, Mario Draghi. Il cui nome torna oggi di moda, in Italia, al fine di gestire la crisi e per ricoprire eventualmente la carica di nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri.

Anche perché, al momento, nessuno può prevedere l’impatto economico-finanziario della crisi odierna, a valere per i prossimi mesi e anni. Quel che però sappiamo, già ora, è che, dal secondo dopoguerra del secolo scorso, si tratta di una crisi mondiale senza precedenti.

Dal 1982 – e poi rapidamente a seguito della fine della politica dei due blocchi statunitense (NATO) e sovietico (PATTO DI VARSAVIA) – a oggi: l’economia cinese è cresciuta da una cifra di circa 450 miliardi a 27.000 miliardi di dollari statunitensi e quindi superiore alla crescita della stessa economia USA oggi pari a circa 22.000 miliardi della stessa moneta. Nel frattempo, all’interno dell’Ue, abbiamo assistito a una crescita disomogenea, che ha rafforzato l’economia dei paesi virtuosi e nel contempo non ha sanato i difetti e quindi ha indebolito maggiormente l’economia dei paesi a più alto debito pubblico.

Ora, la domanda è: cosa fare se l’Unione Europea dovesse dimostrarsi sorda alle richieste dei paesi membri con maggiori difficoltà e maggiore debito pubblico di uscita dalla crisi?

La risposta non è difficile. Infatti, dopo “questa” Europa, sarebbe stupido inseguire altre illusioni o sirene, come la Cina, sarebbe un errore gravissimo. Questo sì, mortale. Per la nostra economia e soprattutto per il nostro modo di vivere a cui siamo bene abituati.

E allora, dice bene Maurizio Casasco, presidente di Confapi, confederazione della piccola e media industria, secondo cui al nostro paese non resterebbe che “una carta da giocare: recuperare il rapporto con gli Stati Uniti a cui le risorse non mancano (…) E poi c’è la casa comune della Nato”. Solo così ha davvero senso dire che, se l’Europa non risponde, “faremo da soli”.

Angelo Giubileo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. FED, LIQUIDITÀ GARANTITA A TUTTI TRANNE CHE ALLA CINA (oggi articolo del Direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna, su Il Sole 24 ORE)

  2. non mi sembra che l’america abbia fatto molto oltre a guerre destabilizzanti e dazi a salvaguardia della propria economia

  3. Per festa, farina e forca (includiamoci anche Taralluccio e vino. IL nostro miglior prodotto): Ma questo e’ quello che l’informazione democratica (corrotta) e non quella autentica, unita a quella politica (IDEM come l’informazione) vuole farci intendere e ci guida per tornare al potere. Basta guardarsi intorno e vedere quali vantaggi si sono avuti finora con ambedue le forze dell’informazione e della politica come reale produttivita’ e vita sociale del nostro Stato in ambito Europeo. Fanalino di coda. Se non si sìa ancora nostalgici del famoso ” Presutto davanti agli occhi” della 7° potenza mondiale. Quale ci concessero di avere molti anni fa’. Riguardo alle guerre destabilizzanti, da che mondo e’ mondo gia’ da quando gli uomini primitivi con le clave e le frecce dovettero guerreggiare con i dinosauri per sopravvivere, esisteva la guerra. E’ un arma umana a difesa della propria specie, razza e altro. Perche’ i migranti prediliggono l’Italia e sono per lo piu’ irriconoscenti? Perche’ siamo Pizza, Mandolino, Sciopero e graziamo tutti. Anche i nostri nemici ed invasori. Altro di piu’ non si potrebbe fare. Noi, purtroppo, non siamo come gli Arabi che navigando nel petrolio pagato a suon di dollari ($) s’inventano la Jihad (guerra santa) appoggiati dai ” Te spiezo in due! “, hanno dato un notevole contributo al boom economico della CO2 Occidentale che ha destabilizzato il clima. I Dazi? Anche mamma America, quando non e’ la falsa democrazia americana a prevalere, ricorre ai ripari! Vuoi vedere che poi l’America di zio Paperone deve pagare per tutti? Come a dire, anche il pozzo di San Patrizio si prosciuga. In conclusione, senza altri preamboli, l’America attuale detiene ancora quest primato. Se ci fosse stata un altra superpotenza migliore questo articolo si sarebbe intitolato ” God Bless quella super potenza “.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.