Coronavirus, nuova circolare del Viminale: sì a passeggiata genitore-figli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
13
Stampa
Che un genitore porti il figlio minore con sè a prendere una boccata d’aria camminando nei pressi della propria abitazione va bene, ma nessuna corsetta, nè giro in bici, nè con il monopattino o a tirare due calci con la palla. Insomma passeggiata sì e basta, ma nulla che sia assimilabile a gioco o sport.

Il ministero dell’Interno risponde con uno spiraglio di apertura alle pressanti richieste di chiarimento sulle uscite consentite per i bambini ma lo fa con una circolare ai prefetti ( pubblicata sul sito del Viminale) che chiarisce bene i limiti per evitare che nei prossimi giorni, con le belle giornate e dopo tanti giorni costretti in casa, si riversino in strada migliaia di genitori con i bambini.

E dunque – si legge – ” è da intendersi consentito, ad un solo genitore, camminare con i propri figli minori in quanto tale attività può essere ricondotta alle attività motorie all’aperto, purché in prossimità della propria abitazione”. La nuova circolare dà ulteriori “chiarimenti” sui divieti di assembramento e spostamenti a causa dell’emergenza coronavirus.”L’attività motoria generalmente consentita – precisa il testo –  non va intesa come equivalente all’attività sportiva (jogging)”. Possibile invece camminare “in prossimità della propria abitazione” ma resta “non consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto ed accedere ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici”.

Insomma, il Viminale dà una chiara indicazione: l’attività sportiva nei pressi della propria abitazione è assimilabile alla camminata ma non al jogging.

Ma non solo. Il ministero dell’Interno dà il via libera anche ad alcuni movimenti che riguardano anziani e disabili. Chiarendo ad esempio che, se in una struttura in cui coabitano persone come in una casa famiglia, esiste uno spazio all’aperto è consentito portarvi gli ospiti fermo restando però che le persone che vi accedono dall’esterno ( dai familiari agli operatori ai fornitori) dovranno rispettare le distanze interpersonali e utilizzare mascherine e guanti.

Sì anche alle passeggiate sempre nei pressi della propria abitazione di anziani e disabili accompagnati da persone che ne curano l’assistenza. Questo tipo di uscita – si legge nella circolare firmata dal capo di gabinetto Matteo Piantedosi – “è riconducibile a motivazioni di necessità o salute”.

Per evitare interpretazioni troppo restrittive che nei giorni scorsi hanno portato a sanzioni anche di genitori che passeggiavano attorno a casa con i figli, la circolare dispone che “queste indicazioni vengano estese alle forze di polizia quotidianamente impegnate nella ricerca di un giusto equilibrio tra l’attenta vigilanza sulla corretta osservanza delle misure e la ragionevole verifica dei singoli casi”.

fonte Repubblica.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

13 COMMENTI

  1. Era quasi ora ,per i bambini sopratutto almeno così si distraggono da questo virus infame

  2. In Campania???
    Che confusione, il solito teatrino di leggi, leggine…
    Il coronavirus ha insegnato un altra cosa…le regioni vanno abolite insieme alle province!

  3. Questi sono gli scienziati che abbiamo nei dipartimenti,con 12000 morti volete uscire ma statemi a casa

  4. Ancora sta storia del dittatore?
    Ci rendiamo conto che lo fa per noi?
    E basta. Ne avessimo 1 al governo come lui

  5. Ma io dico stanno sempre davanti a tv o PlayStation ora gli viene tutta sta voglia di uscire. Ma quali bambini è una scusa sono le mamme voite che vogliono uscire altro che bambini

  6. Già erano nati i sotterfugi dei cani condominiali ora ci saranno i bambini del popolo. Di questo passo ci porteremo milioni di morti sulla coscienza.

  7. Ma il popolo si rende conto di chi ci governa, della confusione che stanno creando non c’è una cosa univoca, tutto il contrario di tutto, non appena finisce tutto questi vanno cacciati a pedate. Anche le forze dell’ordine sono allo sbando non sanno quali norme applicare , cambiano ogni giorno è una confusione totale. Comunque noi non ci rendiamo conto ma in Campania meno male che c’è De Luca perché se c’era un pulcinella qualunque ora stavamo contando i morti.

  8. Finalmente le malattie passano uscendo di casa all’aria aperta,in casa il corpo si indebolisce .E poi prima o poi tutti dobbiamo morire!!!Smettetela di stare attaccati alla vita,siete una banda di cacasotti!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.