Fallimento Salernitana di Aliberti: si chiude il processo civile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
18
Stampa
Si è concluso il processo civile riguardante il fallimento della Salernitana Sport Spa , la società guidata da Aniello Aliberti scomparsa nel 2005. L’imprenditore di San Giuseppe Vesuviano, al timone del club del cavalluccio marino per undici lunghissimi anni – dal 1994 al 2005 – costellati di tanti successi sportivi, culminati con la storica, seconda promozione in serie A al termine della stagione 1998/’99, ha infatti rinunciato – tramite i suoi legali – al ricorso presentato alla Corte di Cassazione contro il falli mento della società.

Un «atto formale», così come stato definito da Aliberti e che però pone fine a una parte della questione giudiziaria che ha riguardato il club scomparso nel 2005. La rinuncia al ricorso alla Suprema Corte arriva in seguito alla transazione ottenuta da Aliberti negli scorsi mesi e che, dunque, gli ha permesso di chiudere la vicenda civile. In sede penale, invece, il processo va avanti: il prossimo mese di maggio è prevista un’udienza alla Corte d’Appello del tribunale di Salerno. Lo scrive Le Cronache oggi in edicola

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

18 COMMENTI

  1. Continuo a sostenere che quel fallimento e’ stato un vero e proprio “attentato”, il modus operandi di Aliberti era quello comune a tutti i presidenti, inutile citare i vari Gaucci, Cellino, Zamparini, quello di Reggio Calabria che non ricordo il nome, ah…Foti, lo stesso Lotito, ecc… E proprio a presidenti come Lotito e’ stato concesso di spalmare i debiti con l’erario in 20 anni e a quello di Reggio di presentare fidejussioni farlocche evitando il fallimento. Quella retrocessione e il successivo fallimento e’ opera del palazzo (nota vicenda bomba carta partita di coppa della fiorentina all’arechi) con arbitraggi contrari e di partite “aggiustate” (udinese-perugia). Figlia/o, pertanto, anche di comportamenti sconsiderati diciamo dei “tifosi” salernitani, vicenda bomba citata e vicenda scrivania sala stampa arechi. Quell’anno avevamo una squadra che poteva entrare in europa ed aprire un ciclo, ma tutto ando’ storto per quanto sopra scritto unitamente all’inesperienza del “Profeta” e del suo tardato esonero. Condivido chi scrive che e’ stato il miglior presidente, una B stravinta e un calcio spettacolare. Qualche tifoso dovrebbe meditare!

  2. Però davvero un peccato,si può dire di tutto su aliberti,però resta davvero l’unico che ci ha fatto vedere bel calcio,basta ricordare i nomi dei calciatori che abbiamo avuto,e se non era per quel grandissimo imbroglio,prima quello dei potenti che ci fece retrocedere e poi quello politico che decretò la fine di tutto.La rabbia verso aliberti riguarda il fatto che se avesse pagato quello che c’era da pagare alle scadenze,non sarebbe successo niente,perchè dovrebbe spiegare dove erano finiti i soldi delle vendite di calciatori (fate un conto approssimato e vedrete che cifra si tratta) come di michele,di vaio,vannucchi,gattuso ecc. giusto per citare i più costosi,erano tutti soldi disponibili,aliberti se vi ricordate per quei calciatori pretese solo soldi senza nessuno scambio,quindi perchè (questa è la mia malattia che ancora oggi non riesco a capacitarmi)non usò quei soldi per pagare le tasse visto che doveva sapere benissimo che nessuno gli avrebbe fatto sconti ne trattato come gli altri club che a differenza nostra furono ingiustamente salvati,anche noi come tifosi ci mettemmo del nostro.Io sono convinto che se l’anno della serie A ci salvavamo,avremmo fatto un ciclo di almeno qualche decennio in serie A,come non possiamo tenere in considerazione i 30mila e passa abbonati con lo stadio sempre pieno la domenica nonostante navigavamo sempre in zona retrocessione senza superare mai il qurt’ultimo posto in classifica.

  3. Aliberti da solo vale 100 società come quella che abbiamo oggi.Sarebbe un sogno rivederlo al comando della Salernitana.

  4. Quel fallimento fu “pilotato” in maniera scandalosa! Molta colpa fu anche per una parte di tifosi compresi gli ultras… non si fece nulla… anzi si cantava in coro: Lombardi uno di noi!!!

  5. La sintesi di Ermes è ineccepibile. In tempi simili , nn avrei mai postato… ma lui ha sintetizzato bene. Però …però… si potrebbe , si dovrebbe aggiungere… nn era un santarellino. Semi ammacchiato con Casillo , e con strani commerci… sarebbe cmq finita. Insomma, potevano salvarci, ma sarebbe finita di li a poco. Nn era il modo di gestire una Società. Se mi di chiedesse: meglio Lotito…??? Risponderei : infinitamente SI.

  6. Purtroppo le Vs analisi (legittime, ci mancherebbei) NON SONO ESAUSTIVE, perchè partono dal dato tecnico della serie A (che tutti noi ci portiamo nel cuore). Ma Il dato finale è del 2005, e il dato finale è causato da una drammatica resa dei conti in FGCI; drammatica perchè chi doveva (e poteva…!!!) difendere la Salernitana Sport SPA fece lo sciagurato gesto di abbandonare la votazione, per valutazioni sue meramente personali….). Fu quello il sigillo dell’omicidio della Salernitana. Fermo restando i passi falsi di Aliberti e la leggerezza di non scrollarsi di dosso il pescecane del paese suo…!

  7. Aliberti, forse un po’ prestigiatore, ma amava Salerno e la Salernitana. Con lui gli anni piu’ belli.
    Lotito, solido finanziariamente, cinico e calcolatore, non ama Salerno ne’ la Salernitana.
    Scegliete un po’ voi.!!!!
    Per me Aliberti, l’unico presidente.
    !!!!

  8. Presidente grazie per avermi fatto vedete o granata in A e il valcio a Salerno. Il resto sono chiacchiere…e comunque tante società ridotte peggio sono state salvate.

  9. Ricordate Aliberti in Salernitana Vicenza penultima di A? Se qualcuno non ricorda, andasse a rivederlo così balza anche agli occhi la differenza con chi vuole giocare il campionato a tutti i costi in questo momento drammatico.

  10. grandissimo Aliberti , ma qui leggo solo commenti positivi eppure quando era in sella ed appena accadde tutto , aveva tantissimi detrattori . Adesso dove sono ? Ah ! evidentemente si sono accorti tutti che questo scellerato che guida la Salernitana adesso non è per niente meglio di Aniello.

  11. Ma ancora fate finta di non sapere che il periodo d’oro era merito di Casillo che per problemi giudiziari non poteva muoversi in prima persona… quando invece Aliberti ha preso in mano il controllo (vi ricordate gli assegni rubati???) in prima persona è finita come ricordate… ultimo posto con Zeman Varrella (retrocessi a novembre), solo vendita di calciatori… perennemente nelle zone basse con retrocessione salvata grazie al caso Catania…
    che memoria gli italiani in generale…. che memoria corta…

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.