Reddito di emergenza: per ottenerlo basterà un’autocertificazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa

Dopo quello di cittadinanza, quello di emergenza. La maggioranza giallorossa, a trazione pentastellata almeno nei numeri rispetto all’alleato di governo dem, sta seriamente valutando l’introduzione di un reddito di emergenza a tutte quella platea di più deboli che non godono del sussidio di cittadinanza o di altri ammortizzatori sociali. Una misura eccezione che dovrebbe poter contare di uno stanziamento di compreso tra i 6 e i 10 miliardi miliardi di euro per raggiungere dai 5 ai 10 milioni di cittadini.

Pier Paolo Baretta, sottosegretario al ministero dell’Economia e delle Finanze, si è sbottonato a FanPage, dichiarando che il Mef e l’esecutivo nel suo insieme sta lavorando alla misura, senza però sbilanciarsi sulle cifre dello stesso nuovo assegno: “Stiamo lavorando a un reddito di emergenza. Pensiamo di poter dare un contributo economico a tutti coloro che non hanno ammortizzatori sociali, o altre forme di sostentamento. Cifre? Stiamo facendo dei calcoli, è un po’ presto per dirlo…”.

Così come temporeggia sul volume economico del nuovo decreto d’urgenza, che potrebbe essere una replica del precedente a quota 25 miliardi di euro. Il reddito di emergenza dovrebbe essere contenuto nel nuovo decreto del governo di aprile, atteso entro metà mese e, stando alle parole dell’esponente di governo del Partito Democratico, non sarà nei fatti un’estensione del grillino assegno di cittadinanza: “I criteri per il reddito di cittadinanza sono molto più rigidi rispetto a quello che serve in questo momento in una situazione di grande emergenza…”.

E veniamo dunque alla platea dei potenziali beneficiari. Il sottosegretario del piddì la presenta così: “Sarà ampia, non classificabile con i tradizionali parametri categoriali”. Per esempio? “Colf, badanti, il piccolo negoziante che viveva del suo reddito mensile, a cui noi abbiamo fatto chiudere l’attività per ragioni di salute. Tutte persone, insomma che non hanno la cassa integrazione, e non hanno la pensione. In questo caso non è un problema di ‘lavoro nero’ o no, posto che noi naturalmente non avalliamo il lavoro nero…”.

In ultimo, ma non per importanza, Baretta spiega quello che dovrebbe essere l’iter per poter ricevere il sussidio di emergenza causa coronavirus: in soldoni, basterà un modulo di autocertificazione. Il sottosegretario dice infatti: “Queste persone potranno richiedere il reddito con un’autodichiarazione. Non distinguiamo tra categorie professionali: tutti i cittadini che dichiarano sotto la loro responsabilità di non avere né cassa integrazione né altri sostentamenti, che sono insomma senza reddito, verranno compresi in questa platea”.

Fonte: Ilgiornale.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.