Salerno: vendeva cornetti e zeppole, nei guai titolare di una panetteria del centro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
23
Stampa
Nell’ambito dei servizi di controllo predisposti dalla Polizia di Stato, finalizzati a garantire il rispetto dei pertinenti Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, personale della Divisione Amministrativa della Questura di Salerno ha effettuato, nella mattinata, un accertamento a carico di un negozio di alimentari del centro cittadino.

Al titolare dell’attività – una panetteria – , è stata contestata la violazione del Decreto Legge n. 19 del 25 marzo 2020, articolo 1, comma 2, relativa al mancato rispetto delle misure di contenimento per l’emergenza sanitaria da coronavirus, in quanto sorpreso a  produrre e vendere prodotti di pasticceria (cornetti, sfogliate, zeppole) espressamente sospesi dal commercio dal citato D.L.

Oltre al verbale di illecito amministrativo, al fine di impedire la reiterazione della violazione, è stata anche adottata la misura della chiusura provvisoria dell’esercizio per cinque  giorni.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

23 COMMENTI

  1. Giusto giusto giusto! Complimenti al cittadino che ha fatto la segnalazione. Scommetto che è il primo che a casa prende gli schiaffi dalla moglie.

  2. ecco che scoprono l’acqua calda….tutte le panetterie e i supermercati stanno vendendo i dolci freschi

  3. Dovreste chiudere tutte le panetterie, allora.
    Io penso che non è il caso di essere così fiscali, almeno ora che il peggio sta passando.

  4. Scusate ma vosa c’è di male? Con questa crisi 5 giorni di chiusura sono una mazzata, vergogna… poi dice che uno spara

  5. La pasticceria l ho chiusa….ma vedete che a pastena c’è ancora chi vende dolci… Po ancora non ho capito xche o dolce nun se po mangiare… E o salato si

  6. ANCHE I SUPERMERCATI VENDONO DOLCI QUINDI CHIUDIAMO ANCHE I SUPERMERCATI FATEMI CAPIRE ?

  7. UNA COSA NON SI COMPRENDE…. I SUPERMERCATI VENDONO E IN MOLTI CASI LO PRODUCONO IL PANE… PERCHE’ LE PANETTERIE DEVONO STARE CHIUSE? FORSE LO SO… LA GROSSA DISTRIBUZIONE DEVE CONTINUARE A MASSACRARCI. SIETE DEGLI SCHIFOSI SERVI DEL POTERE. MA FINIRA’ PRESTO QUESTA VERGOGNA. PASTICCERIE, SALUMERI E ALIMENTARI DI TUTTI I GENERI CHIUSI E I SUPERMERCATI APERTI CHE VENDONO DI TUTTO. SIETE DEGLI SCHIFOSI E NOI UN POPOLO DI MERDA.

  8. Il panettiere può fare pane ma no zeppole… Ma non pensate alle stronzate pensate alla gente che continua ad uscire e fare feste private. Ma secondo voi fidanzati è fidanzatini, amanti e vari altri appassionati non si vedono più??? Seeeee ci sarà un movimento da sotto spaventoso…

  9. Scusate c’è un provvedimento che impedisce di vendere queste cose per evitare che, oltre per il pane, si formino le code per le “pastiere” e, come al solito, il cittadino campano se ne frega delle regole.
    Ma la cosa più ridicola è leggere chi giustifica i trasgressori… eh sì poverelli loro, mentre i pizzaioli e i pasticceri a casa che rispettano le regole sono i fessi. Rispettiamo tutti le regole e ne usciamo prima.

  10. dovete togliere il dolce…sale il diabete; e pure il salato…salgono trigliceridi e pressione. Dovete fare come il cavallo di Mons….!!

  11. È giusto perché hanno fatto chiudere le pasticcerie non essendo i dolci un bene di prima necessità! Quindi il forno secondo la normativa deve vendere beni di prima necessità (pane) e non dolci e pizze…..

  12. Genitore di zona orientale non hai capito niente perché i generi alimentari e le salumerie possono stare aperte..non hanno chiuso il forno perché faceva il pane (bene di prima necessità) ma per i dolci(bene non di prima necessità) anche perché le pasticcerie sono chiuse… quindi ti sembra giusto che i forni vendono i dolci e tenere chiuse le pasticcerie???

  13. a norme rigide. No a norme stupide. È meglio tenere aperti i piccoli negozi. Con lo smart working, per esempio, è necessario acquistare merce informatica, ma dove?

  14. A differenza del pane e della pizza, che vengono maneggiati prima della cottura, i dolci vengono farciti e maneggiati a freddo e per questo motivo possono rappresentare un’occasione in più di contagio

  15. Quindi se vengono maneggiati a “freddo” tutti i prodotti freschi, devono essere bloccati, ovvero, anche quelli del banco salumeria ad esempio…
    Questa è una di quelle indimenticabili…

  16. Secondo me è assurdo! Ormai siamo agli arresti domiciliari, perchè la verità è che si ammaliamo non ci vengono a fare neanche il tampone perchè non ci sono soldi!! Però spendono 8 miliioni di euro per la didattica a distanza anche nelle scuole dell’infanzia e primarie: quando anche prima venivano promossi tutti!! E poi un dolce fetente che potrebbe essere un modo per tirarci su ce lo levano! Ma allora è meglio la Cina : dittatura e basta , non è che i tabaccai erano aperti!Però i morti sono stati solo 3500!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.