Cisl FP Salerno: Ospedale Agropoli, risolvere problematiche per emergenza Covid

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In riferimento all’oggetto e preso atto che il P.O. di Agropoli è stato individuato quale centro residenziale nel quale trattare gli individui affetti dal coronavirus, corre l’obbligo di sottolineare alcune problematiche da affrontare nell’immediato che si sommano a quelle relative alla fornitura e garanzia di uniformità dei dispositivi individuali di protezione per evitare il contagio.

In primis è importante non sottovalutare lo stato di diffusione epidemica del COVID-19, che ha fatto già alcune centinaia di morti e migliaia di contagiati in tutta la nostra nazione, contagio è stato contratto ovviamente nell’espletamento, nella maggior parte dei casi, delle funzioni cui erano adibiti.

Inoltre, caso unico tra le strutture aziendali di codesta ASL, il Distretto Sanitario e il Presidio Ospedaliero sono ubicati in uno stesso stabile e molti locali sono comuni e pertanto transitati ed utilizzati contestualmente da utenti e dipendenti, indipendentemente dalle prestazioni sanitarie riconducibili a diverse tipologie di assistenza.

Quindi è fondamentale determinare un percorso definito e comprensibile da parte degli utenti che si recheranno presso tali strutture, anche ipotizzando nella impossibilità di garantire la sicurezza di trasferire alcune attività presso altre sedi; si dovrà prevedere ovviamente un filtro di accesso con barriere agli ingressi dei presidi e dei distretti, con un potenziamento degli addetti alla vigilanza muniti, oltre che dei dispositivi necessari anche di termometri ad infrarossi a puntatore laser per la misurazione della febbre.

Regolamentare gli accessi riservandoli ai casi indifferibili, sia al distretto che all’ospedale, organizzarli solo per appuntamento e previo triage telefonico con numeri definiti ed operativi sulle 24 ore e regolamentando il flusso dei singoli pazienti impedendo, se non necessario, l’ingresso ad altri accompagnatori.

Inoltre se non ancora fatto, da subito vanno attivate le unità speciali per l’assistenza domiciliare dei malati che non necessitano di ricovero, previste dal Dlgs n° 14 del 09/03/2020.

Si confida sulla massima attenzione e si invitano i delegati RSU/RSA/RLS alla massima vigilanza.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.