Da Regione altri 300 milioni per piano sociale, integrato fondo per pensioni al minimo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
9
Stampa
“Con un ulteriore straordinario sforzo nel reperimento di risorse, il fondo per il Piano Socio Economico della Regione Campania è stato portato a 900 milioni di euro. L’incremento di altri 300 milioni in aggiunta ai 600 già stanziati, consentirà di aumentare tutte le pensioni al minimo e gli assegni sociali”. Lo annuncia in una nota il Governatore Vincenzo De Luca.

“Intanto si sta completando il lavoro per la definizione della platea dei beneficiari di tutte le misure di sostegno previste dal Piano della Regione, e per l’attivazione della piattaforma informatica che consentirà di accedere alle stesse.

Inoltre, a conclusione di un lungo lavoro cominciato nei mesi scorsi, si è concluso l’iter per un’altra misura straordinaria di sostegno alle imprese, con l’operazione finanziaria dei “mini bond” garantiti dalla società della Regione “Sviluppo Campania”. Un’operazione di sostegno al credito importante che va a integrare il Piano Socio Economico della Campania”, e che sarà utilissima nei prossimi mesi”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

9 COMMENTI

  1. Purtroppo solo chiacchiere……un esempio? Domande per la cassa integrazione in deroga ferme in regione senza essere visionate in attesa della approvazione di legge, ci vorranno almeno 3-4 mesi prima di avere gli importi sul proprio conto. Dite anche queste cose perche’ la gente viene illusa!!!

  2. Diciamo la verità cruda. Con tutto il rispetto per i pensionati, nella specie quelli sociali, mi chiedo a cosa serve in questo periodo raddoppiare le pensioni?
    Tralasciando la circostanza che molti pensionati sociali sono quelli che, evadendo nel passato, quando il fisco italiano ha fatto finta di non vedere, non hanno versato i contributi, è obiettivo che in questo periodo spendono di meno perché dovrebbero restare chiusi in casa. Per loro fortuna, senza ironia, il lotto e i vari giochi sono sospesi potendo , finalmente, addirittura avere a disposizione maggiore somme da poter soddisfare i loro bisogni primari.
    Non dimentichiamoci che questi soldi vanno restituiti in quanto sono debiti. E andranno pagati da chi ora è già oberato di tasse che restano alte proprio per garantire il pagamento delle 17 milioni di pensioni che lo stato paga mensilmente.
    O , magari, saranno pagati dai nostri figli a cui lasceremo un eredità ancora più gravosa della nostra.
    Cambiamo il modo di pensare altrimenti saremo sempre in questa situazione.
    Diversamente, invece, e qui si nota la mancanza di pregiudizi da parte dello scrivente, se, intervenendo in via strutturale, si disponesse , per sempre, l aumento delle pensioni minime per garantire una maggiore dignità ai nostri nonnini (impedendogli contestualmente di sperperare soldi con il lotto è gratta e vinci).
    Mi sorge il dubbio che questa sia solo una trovata elettorale che strumentalizza l attuale situazione.
    I soldi pubblici, soprattutto quelli in deficit, non vanno sperperati ma gestiti con oculatezza per evitare di gravare oltremodo i cittadini.
    In molti, soprattutto i figli sperperoni dei nostri anziani, urleranno evviva il governatore ci ha fatto un bel regalo di pasqua…
    Noi altri, e i nostri figli, per più di due mesi, in silenzio, pagheremo ancora per una scelta politica che si rileverà scellerata.
    In sintesi non vi è giustificazione oggettiva di aumento delle pensioni in questo momento storico è se ciò accade è solo per creare consenso.
    Tale scelta sarà solo a beneficio (consenso) di una classe politica.

    P.s. sono apolitico, questa è solo una considerazione di carattere economico obiettiva. Quindi a di caverna e company dico: prima di dire le solite ….. ragionate, ma con la vostra mente e senza preconcetti!

  3. il problema principale e’ che questi annunci roboanti avranno vita breve,la cassa integrazione arrivera’ quando le famiglie esasperate assalteranno i supermercati,se poi aspettiamo i 400 miliardi sbandierati da conte e’ bene che si sappia non c’e’ una lira,le pensioni certo ce chi e’ al minimo non ha versato ma bisogna vedere se era nelle condizioni di versare,non tutti sono figli di de luca o ha conoscenze politiche e nel tempo non ha trovato un lavoro statale,,,,,poi sai quanti soldi versano all’inps gli statali,mi sa che le uniche liquidita’ arrivano dai privati e come l’italia si e’ bloccata nel privato fuoco e fiamme sul pagamento delle pensioni e in eguale misura degli stipendi,ci avviamo verso un periodo tumoltuosissimo e non per i decreti del sig. conte che ci tiene a casa.

  4. La tua considerazione sarà pure obiettiva per te ,ma è solo dal tuo punto di vista: Non tutti i pensionati sperperano la pensione con il lotto ed il gratta .. ,a molti serve per andare avanti con molte difficoltà; ad altri serve per aiutare figli e nipoti laddove con il solo stipendio(chi ce l’ha)non basta per tutte le spese,spesso necessarie,contribuendo al welfare. Queste risorse a chi vuoi che vadano?Ultimo ,ti dichiari apolitico, a me non sembra vista la spiccata antipatia per De Luca che sta solo distribuendo risorse governative. Senza rancore ti auguro buona vita.

  5. Parole parole, La canzone di Alberto lupo e Mina. Così il Presidente De Luca i fatti ci vogliono.

  6. Sono preoccupato, ma il Sig. di caverna sembra una persona sofferente non sa dire altro. Puoi aprirti fai un po’ di sforzo.

  7. xpas 16.34
    diciamo la stessa cosa in fondo. se venisse applicata per sempre, va bene (in tal caso si aprirebbe altro tipo di ragionamento).
    ma se dobbiamo applicarla ora, per due mesi, in un momento in cui i nostri amati nonni sono, o dovrebbero restare a casa spendendo di meno, non ha senso: è solo una trovata elettorale e come tale va condannata.
    il welfare esasperato, in tutte le sue forme, è incompatibile con la cultura degli italiani in quanto apre forme di abuso. Sai quanti (anche vecchietti) hanno fatto finte separazioni per non pagare le tasse, non hanno versato i contributi in precedenza, non pagano nemmeno un euro di tasse in quanto sconosciuti al fisco, sono assegnatari senza diritto di case popolari, sono abusivi perchè non dichiarati al fisco, percepiscono naspi perchè sono stati fittiziamente assunti, percepiscono rdc e poi lavorano a nero eccc…
    sono oggettivo perchè si tratta di ragionamento di tipo economico.
    non mi è antipatico de luca, anzi, da estraneo ai giochi, ne ho apprezzato alcune scelte anche in questo periodo.
    sono contro tutta la classe politica che mette alla base della propria ideologia solo motivi di consenso elettorale.
    per finire:
    tutto il massimo rispetto nei confronti di chi è veramente povero , questo si che va AIUTATO! e per colpa dei truffatori non possiamo aiutarli come dovremmo.
    non tutti giocano al lotto ma mi arrabbio quando vedo i vecchietti comprare un gratta e vinci da 20 euro al tabacchi e poi dopo li vedo che campano di stenti.

  8. x lega,
    l’errore non è di di caverna ma, con rispetto, della redazione che dovrebbe censurare tali inutili e sterili affermazioni

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.