Appiccava fuochi nei boschi, arrestato a San Mango Piemonte un incendiario

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
I militari delle Stazioni Carabinieri forestale di Salerno, San Cipriano Picentino e del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale hanno tratto in arresto un uomo ritenuto responsabile di diversi eventi di incendio.

I fatti risalgono alla scorsa estate e sono più precisamente riconducibili ad una serie di incendi di aree boscate e su terreni incolti verificatisi in diverse località ed orari nei comuni di Salerno, San Cipriano Picentino e San Mango Piemonte.

Gli accertamenti condotti dai Carabinieri sui singoli eventi hanno fatto emergere la circostanza che le modalità di accensione e le finalità dei diversi incendi, ovvero la rinnovazione della vegetazione erbacea ed arbustiva per il successivo pascolo, fossero le medesime.

Le indagini orientate, pertanto, a ricostruire e tracciare i movimenti delle greggi e delle mandrie che frequentano a scopo di pascolo le aree colpite dagli incendi hanno consentito di individuare un pastore proprietario di numerosi capi ovi-caprini i cui movimenti sono stati monitorati e riscontrati anche con l’ausilio di indagini tecnologiche.

L’Autorità Giudiziaria, concorde con le conclusioni investigative dei militari, ha quindi disposto l’arresto dell’incendiario seriale che è astretto al proprio domicilio.

Giova ricordare che la scorsa estate in provincia di Salerno si sono verificati n 131 incendi di natura dolosa che hanno comportato un oneroso dispiegamento di uomini e mezzi coinvolti nelle operazioni di spegnimento ed arrecato un significativo danno in termini ecologici e di perdita di biodiversità naturale: sono infatti 606 gli ettari (circa 6 milioni di mq) di vegetazione andati in fumo nel 2019.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. eccoli qui i famosi camorristi invincibili che usano anche i gattini per distruggere i boschi e imporre i loro ricatti: semplici crapari, solo appena meno sporchi e ignoranti delle bestie che pascolano, che continuano a vivere all’età della pietra e a distruggere tutto per fare pochi chili di formaggio in condizioni ancora più igienicamente discutibili di loro.

    E voi li difendete pure, in nome delle “antiche tradizioni”, del “contatto con la natura”.

    Sono queste le antiche tradizioni: barbarie incivile.

  2. Bene, adesso facciamo un bel rogo c one piace a lui e….buttiamocelo dentro a sta latrina….

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.