Al mare al tempo del covid-19 tra recinti trasparenti e mascherine?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Al mare dentro divisori in plexiglas per separare ogni nucleo familiare dall’altro ed evitare il contagio da covid-19? Oppure con mascherine e guanti come suggerisce un noto clinico? Sarà un’estate decisamente diversa, se mai ci sarà un’estate delle vacanze, quella che si prospetta per il 2020. Lo scrive IlFaroonline.it pubblicando anche una foto di come potrebbe cambiare la vita sotto ed attorno all’ombrellone

La fase 2 dell’epidemia inizia da  martedì 14 aprile, con una primissima, timida riapertura delle attività produttive e commerciali. Poca cosa rispetto a ciò che la società si aspetta per cercare di riconquistare una parvenza di normalità e poter riprendere le attività lavorative. Tra le attese anche quelle della filiera turistica, in particolare quella balneare che caratterizza tutta la costa laziale e non solo.

Si potrà andare al mare in sicurezza? E’ l’interrogativo che si pongono i bagnanti e, di riflesso, gli operatori economici. Tra questi c’è chi pensa di risolvere il quesito attrezzandosi con una inedita novità: box di plexiglas da sistemare tra gli ombrelloni per isolare i diversi clienti.

A proporli è una società del modenese, la “Nuova Neon 2” di Serramazzoni. Specializzata in coperture, stand e serramenti, l’azienda ha iniziato a distribuire tra i concessionari di stabilimenti balneari le soluzioni al problema. Si tratta di box trasparenti realizzati con pareti di plexiglas e profili in alluminio. I box sono quadrati, di 4,5 metri per lato con un “accesso” da un metro e mezzo di ampiezza.

Al momento non si conosce il prezzo dell’istallazione ma, soprattutto sulla riviera romagnola, la proposta sembra avere successo.

Sarà davvero un’estate da distanziamento anche in spiaggia? Secondo gli esperti la riposta è sì. Attualmente l’unica misura che dà risultati nella riduzione dei rischi da contagio è quella del distanziamento sociale. E sulla possibilità di andare in spiaggia durante la prossima estate, ci si divide non solo sulla opportunità o meno ma addirittura sulla “qualità” delle spiagge.

LE IPOTESI ED UN IPOTETICO PROTOCOLLO DI SICUREZZA

Un esperto di sicurezza negli ambienti di lavoro ha elaborato un protocollo che prende spunto da quanto emanato nell’ultimo periodo sul tema, ed in particolare partendo dal D. Lgs 81/2008 e s.m.i. (testo base), con quanto successivamente introdotto dai DPCM 9 Marzo 2020 e s.m.i. e DPCM 22 Marzo 2020 e s.m.i.”

Nel protocollo, anticipato in un’intervista a IVG.it, sono previste le seguenti misure.

Ingresso: esporre all’ingresso e in più punti frequentati dai lavoratori e utenti, locandine che illustrano i comportamenti da seguire per prevenire e contenere il rischio; creare una zona dove gli ospiti potranno misurarsi la temperatura prima di entrare nello stabilimento; richiedere autodichiarazione di non essere sottoposto alla misura della quarantena e di non essere positivo al virus Covid-19.

Allestimento della struttura: evitare attività collettive o in situazioni di affollamento (giochi, sport, etc.) in alternativa organizzare gli spazi in maniera tale che si possano rispettare delle distanze tali da garantire la sicurezza; attuare comunque misure di distanziamento sociale e privilegiare in tutti i casi possibili, nello svolgimento di allestimento dello stabilimento, disposizione di lettini e ombrelloni, distanziati per nucleo familiare e comunque garantendo il mantenimento di una distanza tra ombrellone di almeno 1 metro.

Bagni e docce: assicurare nei bagni quantità sufficienti, sempre disponibili, di sapone liquido e salviette per asciugarsi ed esporre, in corrispondenza dei dispenser, le indicazioni ministeriali sul lavaggio delle mani; pulire almeno quotidianamente le superfici con disinfettanti a base di cloro e alcool.

Confezionamento cibo: mettere a disposizione dei lavoratori soluzioni idroalcoliche per la disinfezione delle mani; incrementare la frequenza della pulizia delle superfici e degli oggetti condivisi: i coronavirus possono essere eliminati dopo 1 minuto se si disinfettano le superfici con etanolo 62-71% o perossido di idrogeno (acqua ossigenata) allo 0,5% o ipoclorito di sodio allo 0,1 %; regolamentare gli spazi destinati alla ristorazione (es. ristorante, bar , chioschi) in modo da evitare molti accessi contemporanei; a tale proposito si ricorda che lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar ai sensi dell’art.2 comma 1 lettera e) DPCM 8 marzo 2020 prevede l’obbligo a carico del gestore di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro; per l’attività di confezionamento di cibi e bevande si prescrive per i lavoratori l’utilizzo dei seguenti DPI; mascherine (filtranti facciali); guanti in lattice.

 

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. ok, per prendere il sole potrebbero andare bene; ma una volta in acqua come si distanziano?!? quest’anno il mare scordatevelo!!!!

  2. FOLLIA PURA: VABBè CHE è UN PROTOTIPO, MA IN CABINE SIMILI E’ IMPOSSIBILE STARCI CON TEMPERATURE 38/40 GRADI E CIRCOLAZIONE D’ARIA PARI QUASI A ZERO

  3. Che stronzata è questa? Inattuabile. Nessuno riuscirebbe (e vorrebbe) a montare queste diavolerie. Per motivi economici e perché non sarebbero nemmeno pratiche. E non ci sarebbero neanche i controlli. Altri droni? Vivete nella realtà o nella realtà alternativa di qualche videogioco? L’avete preso da Call of duty? Visto che i “giornalisti” o sedicenti tali continuano a scrivere sullo stato di guerra… Evidentemente non avete un c…o da scrivere se non riportare in maniera malata il numero dei contagiati con i relativi indirizzi di residenza.

  4. Che stronzata è questa? Inattuabile. Nessuno riuscirebbe (e vorrebbe) a montare queste diavolerie. Per motivi economici e perché non sarebbero nemmeno pratiche. Ma poi l’esuberanza dei bambini e degli adolescenti. Ma poi con quali controlli? Altri droni? Vivete nella realtà o nella realtà alternativa di qualche videogioco? L’avete preso da Call of duty? Visto che i “giornalisti” o sedicenti tali continuano a scrivere sullo stato di guerra… Evidentemente non avete un c…o da scrivere se non riportare in maniera malata il numero dei contagiati con i relativi indirizzi di residenza.

  5. Ma possibile che per una stagione non si ci possa privare della spiaggia affinchè il prossimo anno si potrà anche con il supporto del vaccino, fare il bagno decentemente. Ma in che razza di società viviamo, possibile che per far guadagnare qualcuno, dobbiamo avere altri morti sulla coscienza, non vi bastano i 20.000 fino ad ora. FERMARSI PER BENE, per ripartire meglio , questo dovremmo capire tutti.

  6. Strutture che non servono a nulla perché anche se danno il distanziamento da un ombrellone al altro sorgono altri problemi ,1 il caldo che si e esposti con dei recinti di Plexiglas raddoppia se non triplica 2 non si può cmq fare il bagno perché come si fa a garantire la sicurezza tra i bagnanti in acqua 3 il costo delle strutture di Plexiglas verrebbero recuperati sui clienti con prezzi estremi per l’ingresso ad un lido 4 se un lido ha già 10 ombrelloni mettere strutture così grandi vorrebbe dire passare da 10 ombrelloni a 3 strutture ….soluzione poco fattibile da optare

  7. x tutti quelli che dicono evitate o fate altro non vi preoccupate voi rimate a casa, vi fate un bel bagno di sudore che fa anche bene finchè volete

  8. 19.39 ancora non lo hai capito che il vaccino non puo esistere? il virus muta e questo ancora di piu, ce ne sono già tantissime varianti oggi, e le cure senza vaccini sono già tante, lo dice anche l’AIFA.. la finite di belare? ma poi, lo sapete che la sabbia raggiunge temperature alle quali il virus è stramorto in pochi minuti?? per non parlare dell’efffetto dei raggi UV e del sale… un giorno forse capirete pure voi pecore belanti che credono a questa storia. Altro punto: se l’incubazione è 2-15gg come mai dopo 40 giorni di blocco totale stiamo ancora a vedere casi nuovi?? per colpa di chi corre da solo alle 5 del mattino? ma ci siete o ci fate??

  9. Anche per le spiagge libere si potrebbe avere comunque l’accesso tramite il controllo del distanziamento coi vigili, con accesso limitato a coloro che indossano dispositivi di protezione individuale, un po’ in stile surfista: mascherina, guanti, calzari, eventualmente muta leggera, così da scongiurare anche potenziali infezioni attraverso graffi ed escoriazioni. Si fa la nuotata e si torna a casa, no socialità, ovvio

  10. emlop e compagni, ma che ovvio?? avete il cervello all’ammasso, secndo voi un virus sopravvive su una spiaggia, all’aperto, vicino al mare, con vento costante, sole a picco, sabbia bollente, UV??? NON arriverebbe MAI a una densità tale da contagiare qualcuno, a meno che un contagiato non si metta a baciare o sputare in faccia alla gente da 50cm… Ma ripigliatevi, aprite almeno un vocabolario alla voce virus, o magari un’enciclopedia, il minimo

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.