Coronavirus: scoperta a Napoli la molecola che può uccidere il virus, i dettagli

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
Un altro piccolo spiraglio di luce che potrebbe provenire dalla Campania e dai tanti studi effettuati per trovare una cura al coronavirus. Come è accaduto per altri casi precedenti, la scoperta è stata fatta sempre a partire da un farmaco già esistente.

Protagonisti la Prof. farmacologa della Vanvitelli Annalisa Capuano e la molecola gabesato mesilato già contenuta in un medicinale che serve a contrastare la pancreatite acuta. Ad annunciare la notizia la stessa Capuano (che ha collaborato insieme al collega Giorgio Recagni, ordinario a Milano e presidente della Società italiana di Farmacologia) in un’intervista rilasciata a La Repubblica.

Tale molecola può agire su tre fronti: “La prima fase è caratterizzata dalla viremia, – ha dichiarato la Capuano – quando il virus inizia a replicarsi e che, però, può decorrere in maniera favorevole. La seconda arriva se l’organismo non ce la fa a contrastare la replicazione virale“. Nella ricerca è stato coinvolto il Cotugno, in attesa dell’autorizzazione da parte dell’Aifa, pronta la sperimentazione su 80 pazienti.

L’INTUIZIONE –  “Le autopsie sulle povere vittime da Covid-19 hanno dimostrato quadri molto severi di Cid. Ecco perché si è deciso di somministrare anche l’eparina che, però, può potenzialmente causare emorragie. Perciò, abbiamo pensato a una molecola che non presenti lo stesso rischio, e il gabesato risponde a questa necessità e serve anche a contrastare le altre due fasi dell’infezione da Covid-19“.

IL GABESATO – Appartiene alla categoria dei cosiddetti “inibitori delle proteasi feriniche”: sono enzimi presenti soprattutto sulla superficie delle cellule polmonari. Inibisce l’accesso del virus nelle cellule e pertanto contrasta la viremia. Poi, svolge un ruolo antinfiammatorio riducendo la produzione di citochine, in particolare TNF-alfa. Infine ha un buon profilo di tollerabilità, ma va somministrato entro 48 ore dall’insorgenza dei sintomi.“.

L’ATTACCO DEL COVID19 – Il Covid19 si aggancia a questi ultimi attraverso, lo spike-protein (fa parte dell’involucro esterno del virus) che gli consente di raggiungere la cellula bersaglio, legandosi al suo recettore. E così, da questa porta d’ingresso invade l’organismo“.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. Da quando c’è l’emergenza covid19, si è letto nel giro di un mese di vaccini miracolosi da napoli, medicinali che curano il virus da Napoli, ospedali fantascientifici da Napoli, sanità ultrainnovativa da Napoli, individuazione dell’antidoto da Napoli… tutto da Napoli… quanta inutili cazzate quotidiani da Napoli

  2. Solo una capra può continuare a mantenere l’odio verso Napoli.
    Dovresti essere contento, al di la del dove accade, che ci siano passi in avanti contro il virus ed invece la tua ottusità ti porta ad esternare l’odio.
    Quando sarai salvato sarà merito tuo o di quelle che chiami cazzate quotidiani da Napoli ?

  3. MA ancora con questi discorsi?:Napoli è questo Salerno è quello Avellino è quest’altro e via dicendo.
    Ma allora veramente non abbiamo capito un CAZZO di quello che sta succedendo…
    Ma avimmo a murì tutt quant,afanculo ,accussi a pulezzamm overo sta terra!

  4. Non leggo odio , a mio modesto parere ,nel commento che la precede.
    Ovvio che , personalmente , aspetto con ansia che da Napoli e altre città importanti ci siano non solo notizie mediatiche ma risultati veri.
    Mi aspetto molto dagli ospedali napoletani visto che a essi viene erogato quasi l’80% delle risorse finanziarie in materia sanità della regione Campania.
    Credo che abbiano competenze e uomini capaci.
    Il resto della regione deve arrangiarsi.

  5. Ma quanti anni avete ragazzi????? O nord o sud o sud America eccc… Cosa importante è sconfiggere questo virus è uscire….. Per distruggere un altro virus.. Questo governo incapace.

  6. Salernitani che offendete Napoli, dovreste soltanto vergognarci, imbecilli siete la vergogna della vostra città, se i ricercatori napoletani studiano un vaccino, non è certo soltanto per Napoli!… Non siamo allo stadio, c’è gente che muore, idioti!

  7. Ma si continua a offendere ma la volete smettere e pregare Dio che ne usciamo da questa tragedia, ma possibile che l’ essere umano e così cattivo, salvando le persone che non offendono , e che cazzo smettetela,

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.