Mister Ventura si racconta a La Gazzetta, “A Salerno sono rinato”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Salerno è il luogo della resurrezione. Giampiero Ventura è rimasto in città a vivere i’isolamento dopo aver dimostrato di saper fare ancora bene il suo mestiere. Il flop della Nazionale è dimenticato, l’amara parentesi con il Chievo pure. La Salernitana è un punto di partenza, anche se resta l’allenatore meno giovane nei campionati professionistici.

Il trainer dopo un passato turbolento, racconta ai microfoni de La Gazzetta dello Sport la sua rinascita:

«L’emergenza? Devo dare atto che il governatore della Campania De Luca con il suo rigore è stato molto efficace, qui sentiamo meno il problema rispetto a come mi dicono si viva al Nord. Ci sentiamo tutelati. Vado a Bari? No, assolutamente. Vorrei almeno prendere gli abiti estivi, qui ci sono 24-25 gradi e ho ancora il cappotto e i maglioni.

Le piccole aperture di oggi? Finalmente comincio un lavoro con il preparatore e ci colleghiamo via Skype con i giocatori per qualche esercizio.

La prima cosa che farò alla fine della Fase 1? Andare in campo, mi manca tantissimo. E poi portare fuori a cena mia moglie. Queste rinunce ci fanno apprezzare di più le cose che avevamo. Guardo partite? Mi sono fatto scaricare partite di giocatori giovani, gente da lanciare, cosa che ho sempre fatto e fa parte del mio dna.

Fare un nome? Non mi conviene, se no li prendono gli altri… Ce ne sono tanti, e qualcuno gioca troppo poco, anche in B, categoria che ho riscoperto dopo anni e che voglio conoscere meglio. Rivedo le partite della Salernitana? No… Ma le ricordo bene, perché so che abbiamo fatto tanto ma avremmo potuto fare di più. Quindi mi arrabbierei. Sto studiando come migliorare.

La nostra classifica? Il primo step è andato bene, con tanti giocatori reduci da retrocessione. C’era da ricostruire tanto, c’erano ragazzi con poco mercato che adesso hanno ottime prospettive. Speravo in questa classifica, ma abbiamo lasciato per strada una miriade di punti. Ripartiremo da una base certa. 

Il recupero di Cerci? C’è stato un attimo in cui ho temuto di non farcela. Dopo due anni senza giocare era davanti a una montagna da scalare. Però mi ha sorpreso, perché non ha mai mollato e la montagna l’ha scalata a mani nude. Nella penultima gara ha debuttato dall’inizio e fatto vedere cose importanti. Dopo un lungo stop come questo sarà dura per tutti ripartire, mi basterebbe averlo all’80%.

Ripartire subito? Leggo date buttate lì, tante chiacchiere. E’ difficile parlare di calcio davanti a tanti morti. Solo i medici potranno dirci quando giocare. Senza quarantena si dovrà convivere con il virus: come si farà? Serve un protocollo chiaro, se ci fosse un positivo in una squadra cosa succede? Si ferma ancora il campionato? Una buffonata.

Lotito preme per ripartire? Sì, lo sento, come sento Mezzaroma e Fabiani. Ma ripeto: prima serve un protocollo medico chiaro e certificato. Bisogna ricreare le condizioni di prima, con la voglia delle società e l’entusiasmo della gente, cosa che qui non manca. Il futuro? Beh se si riparte, il campionato lo devo finire. Vale per tutti. La domanda è dopo…

L’opzione per il rinnovo? Il discorso è stato sfiorato ma non affrontato. Servono condizioni reciproche. Sono venuto qui per una ricostruzione, in futuro ci deve essere grande ambizione. E io ci sono. Sono risorto? Volevo ricominciare ad allenare come una volta, ritrovare il Ventura allenatore e riacquistare voglia ed entusiasmo che avevo perso. Non contava la categoria, contava il campo. E tutto sommato, grazie alla Salernitana, mi sono ripreso tutto.

Mi hanno proposto il taglio degli stipendi? No, deve comunque essere una cosa soggettiva. Non ci può essere solo l’imposizione dei club. E’ vero che le società perdono, bisogna vedere quali aiuti avranno. Non possono essere tagli a prescindere. Credo che serva buon senso.

Se mi offrissero un ruolo extra campo? Girano queste voci, me lo sono anche chiesto. Però il profumo dell’erba e la voglia di campo, il confronto con i giocatori e la loro crescita, sono cose che ho dentro. Sono ripartito per riprendermi tutto questo, ora che ce l’ho voglio ripartire.

La mia voglia feroce di ripartire? E’ aumentata, e tanto. Non sono venuto qui per continuare a fare l’allenatore, ma ricominciare a fare l’allenatore. E mi è bastata una settimana di ritiro per dire che avevo ritrovato la mia vita e oggi l’entusiasmo mi esce dalle vene.

Quanti anni mi sento? Ne sento 50 a esagerare… Lavoro 12 ore al giorno, ho la voglia di un ragazzo. La solita libidine? Dieci volte di più… Però, vista l’età, parliamo di entusiasmo – ride – che è meglio. Il compleanno di Lippi? Ci conosciamo da ragazzi, ma il compleanno me l’ero perso… Gli ho scritto un messaggio. Se avessi avuto Lippi al mio fianco in Nazionale sarebbe andata diversamente? Assolutamente sì.” ha poi concluso.

Fonte: pianetaserieb.it

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Grande mister Ventura , ci hai fatto rivedere ( a tratti) il bel calcio che qui mancava da un bel po’ , dobbiamo crescere e migliora, insieme si può .Avanti così !

  2. Grande Mister Ventura sono convinto che se la società ti lascia fare a Salerno puoi creare un ciclo importante. Ciao e già ti ringrazio per quello cha farai per Salerno, ne sono convinto. Andrà tutto bene.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.