Campania, contributi microimprese da rivedere, monito Abbac: “Evitare errori”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
La Regione Campania rettifichi ora il bando per la concessione del contributo una tantum per le microimprese, non contemplate decine di categorie di attività, compreso le nostre strutture ricettive professionali come affittacamere, ostelli, country house e case vacanze professionali e società di servizi immobiliari turistici, oltre a molte aziende della filiera turistica, e i dirigenti regionali dimostrino di meritare il ruolo, formandosi rispetto a decine di formule imprenditoriali che hanno sinora garantito economia sul territorio – è netta la posizione del presidente Abbac Agostino Ingenito- Forse a qualcuno sfugge che quelle risorse, ora messe a disposizione, sono parte integrante di quel piano di sviluppo regionale con fondi europei che sarà svuotato. Il Governatore vada oltre il suo metodo organizzativo politico e lavori in sinergia con tutti gli attori in campo della filiera economica e sindacale e definisca un piano strategico serio. Non è possibile accettare che evidenzi necessità di una fase 2,  ascoltando i balneatori senza invece lavorare a tavoli tematici di filiera come nel caso del turismo. E poi occorre agganciare questo contributo una tantum ad azioni di medio e lungo termine. Il turismo è abbandonato al suo destino in Campania. Non comprensibile posta milionaria per i lavoratori stagionali , suggerita da Federalberghi, che non potranno in gran parte beneficiare del contributo una tantum perché nella maggior parte dei casi non hanno mai preso servizio. Molti alberghi infatti non avevano riaperto pur avendo licenze annuali e non certo stagionali. Occorre responsabilità e senso di condivisione con un dialogo costante. La task force che il Governatore dichiara di aver istituito, faccia una campagna di ascolto di tutte le filiere e non escluda le nostre parti sociali.  E gli uffici regionali imparino a rispondere alle pec delle nostre associazioni. Serve un piano strategico che la Regione non ha palesato, né condiviso. Esclude decine di codici attività nei bandi e tra i professionisti, non avendo una visione aggiornata di chi ha portato economia sui territori nei mesi precedenti. Circa il 20% del pil regionale con corresponsione di tributi e tasse locali. E rendendo invisibili migliaia di famiglie che vivevano di turismo ricettivo extralberghiero, un ossimoro si che un integrativo del reddito fosse invece reddito principale, ma il successo turistico degli ultimi anni aveva garantito un equilibrio e compensazione sociale per tanti fuoriusciti dal mondo del lavoro e dei giovani anche con investimenti su ristrutturazioni, recupero di centri storici e borghi e riducendo lo spopolamento. Vogliamo condividere le azioni della Regione, lavorare in sinergia su bandi ed attività programmatiche. A tutt’oggi non c’è neppure chiarezza sull’apertura delle nostre strutture come nessuna risposta dalla Regione è arrivata per fare un accordo di ospitalità per personale sanitario.  Confidiamo nell’esperienza sociale e politica del Governatore per ribaltare l’attuale assetto, lavorando in linea orizzontale, garantendo procedure e tempi certi e favorendo un percorso di sviluppo che guardi oltre la situazione emergenziale sanitaria che pure ci preoccupa e non poco.  Inoltre l’Abbac ha lanciato una petizione online per salvaguardare il turismo abbandonato e chiedere interventi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.