Covid, infermieri caduti “in guerra”: Giorgio aveva condiviso un post di Salernonotizie, poi…

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Arianna Busetto era sicura di farcela: «Quando guarirò mi inviterete tutti a pranzo o a cena». Giovanni Tommasino, che era medico di base, dal letto di ospedale si preoccupava degli altri: «Non uscite, è l’unica arma che avete, non potete immaginare quanto è brutto.

Spero di tornare presto tra voi…». Edoardo Valli, medico anche lui, febbricitante e chiuso in casa, si preoccupava e basta: «Vedi, fanno il tampone a Zingaretti, Porro e Sileri. Io ho la febbre a 38,7 e mi dicono che con questi sintomi non è necessario. Spero che scenda con la Tachipirina ma io già sto sudando ma faccio il medico, boh». Marco Mennini era spaventato a morte: «Avrei voluto mettere #nonhopaura sotto la mia foto. Un po’ come quando pensi che non tocca a te, non può toccare a te. Invece da un minuto ad un altro non sei più proprietario di niente. Ti si scatena l’inferno dentro e fuori».
Sono le ultime parole prima di andare via, gli addii inconsapevoli che le vittime del Covid-19 hanno lasciato sulla loro pagina facebook, l’unico posto dove hanno trovato compagnia alla fine del loro cammino. Scrivevano per trovare coraggio, per avvisare gli amici, per confortare chi era a casa. Sono messaggi teneri, struggenti, disperati, a volte profetici. L’ultimo post di Angelo Grazzini, 58 anni, di Montemurlo è del 9 marzo: ha preso in prestito l’appello del rapper Frankie hi-nrg a rimanere a casa. Un paio di giorni dopo è entrato in ospedale e non è uscito più. Giorgio Scrofani ha messo il link di un articolo di «Salerno notizie»: raccontava il coraggio degli operatori del 118 come lui che rischiavano la vita: era il 6 marzo, il 30 non c’era più. Quasi un presentimento.
A Bortolo Bonomi, imprenditore bresciano, è piaciuto un meme da condividere con tutti: «Ama la vita e i buoni amici, perchè la vita è breve e i buoni amici sono pochi». La stessa cosa che scriveva Lorena Quaranta, studentessa di medicina, pochi giorn prima di essere uccisa dal fidanzato. «Ora più che mai bisogna dimostrare responsabilità e amore per la vita. Abbiate rispetto di voi stessi, delle vostre famiglie e del vostro Paese». Sulla pagina di Cinzia Ferraroni, l’amore ha le parole del marito Francesco: «Cara Cinzia, Amore mio era venerdì di due settimane fa quando ti ho visto salire sull’ambulanza. Ho solo potuto salutarti da lontano senza riuscire a darti un bacio, nemmeno una carezza. Hai avuto la forza e la voglia di cantare Il mio canto Libero, da sotto quel casco opprimente. Poi venerdì 3 aprile all’alba per la prima volta ci hai scritto sono debole». C’è l’amore per la moglie e l’orgoglio per i figli. L’astrofisico Corrado Lamberti è sofferente ma felice: «Da ieri mio figlio Lucio è Ordinario al Politecnico di Milano. COVID voleva fregarmi: fin lì gli è andata male (foto ricordo dall’ospedale : ci sono ancora!)». Era il 5 aprile.
Non manca la rabbia. Paolo Crosti, uno dei fondatori del football americano in Italia, ce l’aveva con Zingaretti e il suo spritz milanese a predicare normalità «Non è solo stata disinformazione e stato qualcosa di più e peggio». Non è uscito vivo neanche lui. Emiliano Perani, grafico e fotografo di Casnigo, morto a 36 anni, vedeva la gente in giro e si arrabbiava: «I sindaci impazziscono per capire se Conte o chi altro si sveglierà. Forse anche la Val Seriana un giorno si sveglierà. Incontrarsi e parlare è diventato mononoto si parla solo di paure e morte virus e futuro incerto. Stato Italiano centrale di… ti stai rivelando inadeguato e ipocrita!!»
Come Arianna Busetto anche Costantino Soudaz, insegnante in pensione, pensava di farcela: «Ospedale da giovedì. Non ho più febbre. Cura per respirazione. Moralmente sto molto bene e sono ben supportato». Ci si aspetta sempre di avere più tempo di quello che si ha.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.