Coronavirus, la movida si è fermata. L’appello dei locali: «Aiuti anche per noi»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
«Siamo stati i primi a chiudere, ad oggi non sappiamo quando sarà possibile riaprire: servono aiuti anche per i locali della notte e per chi fa intrattenimento». L’appello è dei gestori delle discoteche di tutta Italia. In Cina i club hanno già riaperto, per noi sarà più dura dicono all’unisono da Jesolo a Palinuro passando per la capitale del divertimento, ovvero Rimini con l’amica Riccione. Aprire con limitazioni e prescrizioni sarebbe difficile, per non dire impossibile anche perché il problema è sempre quello delle verifiche: chi accerterà il rispetto delle limitazioni? Per riaprire probabilmente sarà necessario fare la cosa più semplice: attendere che la situazione si normalizzi».
Un’attesa che però vorrebbe dire rimanere chiusi per tutta l’estate, con una perdita di fatturato per svariati milioni di euro. Possiamo ipotizzare una riapertura per ottobre, ma nel frattempo le nostre aziende devono essere messe nelle condizioni di sopravvivere. Si parla di aiuti e sgravi per tutti, ma non per le discoteche e discobar. I nostri locali sono tra i punti di forza dell’offerta turistica, creano indotto e muovono migliaia di giovani per tutta l’estate. Abbiamo bisogno di un sostegno concreto, servono sgravi fiscali a più livelli e sostegni reali per pagare gli affitti dei locali. Oggi stiamo vivendo una situazione paradossale: nello stesso momento ci possono essere 300 persone dentro un supermercato ma le discoteche e i discopub devono rimanere chiusi. Non tutte le attività che rimarranno chiuse durante l’estate, tra sei mesi avranno la forza economica di riaprire e ogni locale che chiuderà i battenti definitivamente rappresenterà una perdita per l’offerta turistica. Per questo ci attendiamo una maggiore considerazione e qualche aiuto in più. Riteniamo di rappresentare una parte importante della nostra economia, per questo se ora ci viene chiesto un sacrificio riteniamo che sia giusto ricevere un sostegno».

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. Oppure toglieteli da tutte le tasse che vi chi chiederanno di pagare…WE GIO,WE GIO.
    TIENE o’ stipendio tu? Che mestiere fai?…

  2. Le discoteche non sono aziende di puro divertimento musicale, sono evidente zone di spaccio e di sommistrazione senza misura di alcool, causa di ubriacature con incidenti e morti per le strade. Sono state il male dei nostri ragazzi. Quindi, bisognerebbe chiudere con il passato e riaprire con un nuovo stile di servizi orientato esclusivamente alla musica, con ingressi e orari limitati. Cari discotecari, che sulla coscienza avete le vite di tanti giovani, proponete il cambiamento invece che chiedere solo indennizzi, che gli indennizzi li dovrebbero chiedere i genitori alle vostre sudicie e meschine aziende.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.