Il lockdown stoppa anche la ricerca di lavoro (di Tony Ardito)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
In base ad uno studio effettuato da Banca d’Italia, nello scorso mese di marzo le ricerche di nuovi lavori sono crollate del 39%. L’analisi evidenzia come tale calo risulti essere uno dei preoccupanti effetti della emergenza Covid19. Con la contrazione della domanda di lavoro, nei mesi a venire, potrebbe verificarsi una forte riduzione della offerta di lavoro e, dunque, un aumento dello scoraggiamento.

Al fine di esaminare il trend, Bankitalia ha preso le serie storiche delle ricerche su Google con parole chiave offerte di lavoro, indeed e subito lavoro, selezionando le sole ricerche che sono classificate nella categoria istruzione e lavoro.

Il tasso di disoccupazione e la curva dell’indice Google, nel nostro Paese, hanno un andamento assai simile sino a marzo 2020, ovvero quando si segnala una forte riduzione dell’attività di ricerca di lavoro. Non c’è dubbio che il crollo sia importante, tanto più se si considera l’elevata volatilità dell’indicatore: 5 volte la deviazione standard della serie.

La poderosa variazione non è, in alcun modo, attribuibile ad un incremento dell’attività di ricerca complessiva sul motore web connessa al maggior tempo a disposizione, in queste settimane, degli italiani costretti in casa. Per sgombrare il campo dal dubbio, sono state poste a confronto le dinamiche dell’indice di ricerche su Google degli ultimi 90 giorni per parole chiave particolarmente popolari, quali Spotify, YouTube, Facebook, Corriere e Repubblica.

Con lo scopo di confermare il disinteresse verso la ricerca di nuovi posti di lavoro, sono state analizzate finanche le “googlate” per applicazioni relative alla mobilità o siti di notizie sportive che durante queste settimane di lockdown, come peraltro è facile dedurre, hanno destato scarso interesse. I cali riscontrati sono rispettivamente del -50% e del -31%, molto prossimi a quel -39% registrato sulla ricerca di lavoro.

C’è altresì da osservare che la reclusione forzata ha spinto molte aziende a rinunciare al reclutamento di nuovo personale. Si pensi che in Italia, una volta che le norme sono state attuate, le assunzioni hanno registrato una flessione del 40%.

di Tony Ardito

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.