Rhapsody in Blue – un’indagine a Roma (di Cosimo Risi)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il Vice Questore Carlo, Carlito, Salazar, e l’Ispettore Antonio, Double Tony, D’Antonio, Commissariato PS di Ponte Milvio, indagano sull’omicidio di una donna nel suo appartamento a Roma Nord.

In Commissariato continua la sfilata dei testi, dopo il marito della vittima e la cuoca è il turno della domestica. Bertha non indossa più il grembiule blu, avvolge le rotondità in una tuta  jeans che la fodera a mo’ di scafandro, il collo sottile regge il viso tondo dai tratti indio. La parlata è di un italiano misto allo spagnolo latino-americano. Salazar, fedele al nomignolo Carlito,  le si rivolge in lingua per metterla a suo agio.

  • Hola, que tal, Bertha. Està bien?
  • Estoy mal, con la muerte de la Senora no tengo mas el trabajo y la indennità de disoccupazione no es bastante para vivir.
  • Hablamos italiano, entonces el colega aquì puede escribir.
  • Ero fuori quando il fatto è accaduto, arrivo tardi al mattino quando la sera precedente mi trattengo a lungo.
  • La sera precedente ha fatto tardi?
  • Capita quando si gioca a burraco. La Signora Andreina vuole che resto per servire gli ospiti prima del torneo, mi paga lo straordinario, me ne vado dopo che ho ripulito i resti e sistemato la cucina per Anna, il giorno dopo.
  • Dunque non sa se qualche giocatore si è trattenuto dopo il torneo.

–   Il torneo finisce tardi, non aspetto mai fino all’ultimo. Quando ha bisogno fuori orario, la Signora fa salire Oleg, il sorvegliante. E’ forte, mi guarda le spalle, ripeteva. Posso contarci.

L’Ispettore introduce Oleg Olevsky. Al posto della divisa indossa il maglioncino girocollo e i pantaloni grigi, braccialetti di cuoio ai due polsi, occhiali sospesi sulla fronte. Gli indumenti sono gonfi di muscoli da allenamento costante. Il Vice Questore non si alza per evitare il confronto fra le stature, la sua sfigurerebbe accanto a quel colosso.

Continuiamo a importare fusti dall’Est per la gioia della sicurezza nazionale, per fortuna arrivano anche le loro donne,  le badanti mature nelle case e le giovani lungo la Via Salaria, da rischiare il tamponamento se rallenti a guardarle. Fosse per lui, applicherebbe un’immigrazione à la carte: tutti regolari e meno lavoro per i controlli di polizia.

  • Cosa faceva di preciso per la moglie del Notaio?
  • Il sorvegliante dello stabile e il tuttofare. Quando aveva bisogno di un passaggio in stazione o in aeroporto, ero io a portarla con la sua auto. Il rubinetto rotto, la corrente che salta… Dalle nostre parti sappiamo fare di tutto, non è come qui dove chiamate uno specialista per qualsiasi evenienza.
  • Se è una battuta, non fa ridere. Si limitava a questi compiti o si adoperava con altro?
  • La solita malignità del Notaio. Da quando ha lasciato la moglie per l’assistente di studio non fa che spettegolare, raccoglie elementi per la causa di divorzio. Pensi alla sua di moralità prima di attaccare la Signora. Le lesinava il minimo necessario, a volte ho dovuto intervenire io per fargli pagare il dovuto.

–  Guardami in faccia, Olèg o come cavolo ti chiami. In che rapporti stavi con la Signora? Frequentava altri uomini da quando era stata lasciata dal marito?

Di nuovo è l’Ispettore a interloquire per condurre l’interrogatorio alla sua maniera. Avvicina la faccia a quella di Oleg per fargli sentire il fiato addosso, non ha gli stessi muscoli, in compenso pratica la lezione dei vicoli: “la guardia adda fa’ a guardia”. Ha una trama in testa che gli viene dal radicato pregiudizio verso gli extra-comunitari in generale, non discrimina fra bianchi, gialli, neri. Morti di fame, mercenari, mezze tacche dalle loro parti che ci portano ogni tipo di  traffici come se non ne avessimo abbastanza dai fetienti DOC.

Il Vice Questore li lascia misurarsi a vicenda. Con Double Tony i testi più coriacei si lasciano andare alle confidenze.  Oleg finirà per ammettere: che in un momento di rabbia ha strattonato la Signora, che quella ha preso il Budda per colpirlo, che lui le ha strappato il Budda di mano e colpita di rimando, che il suo braccio è troppo robusto e la testa della Signora troppo fragile perché il colpo fosse solo di ammonimento.

Succede il patatrac, l’uscita precipitosa dall’appartamento, la porta lasciata semichiusa per la fretta o per non produrre rumori, il costruirsi un faticoso alibi fingendo di arrivare a cose fatte. Fra i due intercorreva una relazione sentimentale o solo di affari? Oleg l’aveva inserita in un giro di appuntamenti hot? La proteggeva durante i festini? Erano questi a procurare i redditi aggiuntivi cui alludeva il Notaio?

Di una cosa Salazar è convinto: il contrasto fra i due sarà scattato per incomprensioni. Oleg a protestare: “Perché vuoi smettere proprio ora che abbiamo ingranato bene?”  Andreina a rivendicare: “Smetto con te e mi metto in proprio, merito di più dalla divisione, il servizio principale è mio”. Complicazioni sentimentali? Salazar ne dubita, crede invece a una disputa d’affari fra soci andata a male.  L’Ispettore gli girerà la bozza del rapporto perché lo renda  inattaccabile prima di mandarlo alla PM, quella può incasinare tutto con la storia delle garanzie per l’indagato.

Salazar volta pagina, il pomeriggio volge verso la sera. Prenota un tavolo per due al ristorante siciliano sulla Flaminia, manda un messaggio a Anna per gustare insieme le sarde a beccafico, il pesce azzurro arriva da Pozzallo, da accompagnare con un vino coerente, il Cerasuolo di Vittoria si sposerebbe bene. L’aperitivo lo consuma da solo, un Franciacorta Satèn dalle bollicine morbide per prepararsi al pasto.

Seduto nell’ufficio, quello dalla finestra sul cortile dove si immagina James Stewart nel film di Alfred Hitchcock ma senza Grace Kelly che lo raggiunge con un bacio, flûte sulla scrivania, banditi gli stuzzichini che spezzano l’appetito, inserisce il disco con il volume al massimo a coprire gli strepiti che stanno per venire dalla stanza degli interrogatori.

L’ambiente si satura di Porgy and Bess. Cheers, Mr. George Gershwin.

Fine

Cosimo Risi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.